Nei giorni successivi alle battute di capodanno ormai virali di Andy Cohen contro obiettivi che vanno dall’ex sindaco di New York Bill de Blasio a Ryan Seacrest all’intera rete ABC, sembra che Cohen sia in un tour di scuse ad alta velocità per le sue gaffe. Cohen – che ha co-condotto l’evento “New Year’s Eve Live” della CNN insieme al suo migliore amico, l’anchor Anderson Cooper – ha iniziato il primo di una pletora di mea culpa solo poche ore dopo che le sue osservazioni hanno fatto il giro dei media, twittando il 1 gennaio che avrebbe potuto stato “un po’ sopravvalutato” durante l’hosting. (Questo traccia, almeno in qualche modo: Cohen che ha un po’ sbronzato il Cooper più professionale in diretta TV è diventato una sorta di tradizione di New York.)

Nell’ultima ora di programmazione, Cohen, apparentemente ubriaco, si è rivolto a de Blasio, definendolo il vincitore de facto dell’ambito titolo di “il lavoro più schifoso come sindaco di New York”. In seguito ha criticato aspramente Seacrest per aver ospitato la copertura di New York della ABC, con una formazione composta da “un gruppo di perdenti”, secondo Cohen. Il conseguente scandalo sugli sparring jab di Cohen è stato sufficiente ad alimentare le speculazioni sul fatto che la CNN lo avrebbe licenziato, anche se un portavoce della CNN ha successivamente confermato che non sarebbe stato così, secondo Deadline. Anche così, ciò non significa che Cohen abbia chiuso con il controllo dei danni – per prova, non guardare oltre la sua più recente intervista radiofonica.

Andy Cohen dice che Kelly Ripa “non era arrabbiata” per il suo sfogo

Come riportato da Us Weekly il 5 gennaio, la prossima autorizzazione che Andy Cohen apparentemente deve ricevere per il suo famigerato sfogo di New York non è CNN, ABC o obiettivi come Ryan Seacrest, ma invece i suoi colleghi. (Considerando che Cohen deve ancora dire qualcosa che assomigli alle scuse a Bill de Blasio, sembra che l’ex sindaco potrebbe fare meglio a non aspettarsene una.)

Durante un’apparizione a gennaio in “The Howard Stern Show”, Cohen ha raccontato come è iniziata l’intera confusione: con alcune schiacciate critiche sulla rock band Journey, che era presente nella formazione della ABC, e alcune di troppo. “Stavo facendo il mio sfogo su Journey, [and] Ho iniziato a buttare l’ABC sotto l’autobus. E questo è il mio unico rimpianto della serata”, ha detto Cohen a Stern (tramite Us Weekly). “Ero, come si suol dire, nelle mie coppe e mi stavo godendo lo sfogo. Ero tipo, ‘Wow, è davvero divertente essere sulla CNN e farneticare come un pazzo.’ Così ho continuato”.

Sebbene Cohen fosse risoluto nel dire che non si sarebbe “vergognato di essersi divertito a Capodanno”, in seguito ha espresso rimorso per aver insultato Ryan Seacrest – che è anche il collega di lunga data di Kelly Ripa, co-conduttore di Seacrest su ABC “Live con Kelly e Ryan”, e amico intimo di Cohen. (Cue: un clamoroso “oof.”) Secondo Us Weekly, Ripa, come Seacrest, ha preso le buffonate di Cohen con passo falso; come ha affermato lo stesso Cohen in “Howard Stern”, Ripa “non era arrabbiato” con Cohen per la debacle.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui