Per raggiungere l’apice dei rispettivi sport, alcuni olimpionici trascorrono tutta la loro vita ad allenarsi. Con così tanta dedizione e duro lavoro che portano a un momento, ci sono sia trionfi che devastazioni. Prendiamo, ad esempio, i giochi olimpici estivi del 2016 tenuti a Rio de Janeiro, in Brasile. Un video riassunto pubblicato dalle Olimpiadi ha mostrato molte lacrime per tutta la durata dell’evento. Alcune erano lacrime di gioia, come quando la squadra di calcio maschile brasiliana ha vinto la medaglia d’oro in patria. Altre erano lacrime di tristezza, mentre altre erano completamente senza precedenti, come quando la superstar Michael Phelps ha detto addio ai giochi dopo la sua incredibile carriera. Aveva guadagnato il “più alto numero di medaglie in tutte le Olimpiadi – 28 medaglie in cinque Giochi estivi”, per le Olimpiadi.

Tutti gli olimpionici hanno una cosa in mente: vincere la medaglia d’oro per il loro paese e come risultato personale. Ma quando la possibilità di vincere svanisce, i risultati sono schiaccianti. Ancora peggio, questi momenti di sconfitta vengono catturati in TV per essere visti da tutto il mondo. Che si tratti di una controversa chiamata di un giudice, di un momentaneo calo di concentrazione o semplicemente di perdere contro un avversario superiore, tutto porta allo stesso risultato, una perdita.

È tempo di guardare gli atleti olimpici che hanno visto i loro sogni distrutti in diretta TV.

Una brutta chiamata ha rovinato il momento olimpico dello schermidore Shin A-lam

Come spiegato da The Globe and Mail, “La punta di una lama da scherma è ampiamente considerata il secondo oggetto in movimento più veloce nello sport, dietro il proiettile di un tiratore scelto”. E sfortunatamente per Shin A-lam, era dalla parte perdente di una decisione in una frazione di secondo. Shin, dalla Corea del Sud, ha partecipato a un incontro di scherma con la tedesca Britta Heidemann alle Olimpiadi estive del 2012 tenutesi a Londra. Shin ha messo a segno due doppi tocchi contro il suo avversario a un solo secondo dalla fine della partita, lasciando la vittoria praticamente garantita. Ma poi, gli arbitri hanno aggiunto un secondo in più sul cronometro di gara. Heidemann ha colto l’occasione e “ha scatenato un’ondata di vesciche in avanti, colpendo Shin ed evitando anche la sua lama”.

Allo scadere del tempo, lo schermidore della Corea del Sud sembrava devastato. “Un’immagine indelebile di Shin rimarrà nella memoria, una venticinquenne dall’aria abbattuta mentre siede su una pista illuminata drammaticamente, immacolata nella sua uniforme bianca con un asciugamano drappeggiato sulla spalla”, ha descritto l’articolo. Shin ha protestato per un’ora perché i funzionari aggiungessero il secondo in più, fino a quando “è stata scortata fisicamente fuori dalla pista”.

Forse anche peggio, i funzionari hanno poi rivisto la decisione e hanno ammesso un errore nella partita di semifinale. “L’organo di governo della scherma, la Fédération Internationale d’Escrime,” offrì a Shin una speciale medaglia di consolazione, che lei rifiutò, secondo Yahoo! Gli sport. E ha perso l’incontro per la medaglia di bronzo, lasciando la schermitrice a mani vuote nella gara individuale.

Come due corridori olimpici hanno visto le loro speranze rovinate in un momento

Nel 1984, la runner americana Mary Decker era la favorita per vincere l’oro nella finale femminile di 3000 metri su pista. E uno dei suoi concorrenti, Zola Budd dal Sud Africa, era stato nelle notizie per la sua incredibile storia. Il diciottenne non poteva competere come sudafricano, dal momento che il paese era stato bandito dai giochi olimpici durante l’era dell’apartheid. Il nonno di Budd era britannico, quindi il corridore “è stato in grado di ottenere la cittadinanza e correre per la Gran Bretagna”, ha riassunto Runner’s World.

Durante la gara, entrambe le donne stavano correndo bene. Cioè, fino a quando Decker non si è impigliato con Budd ed è caduto in pista. Come dettagliato dal New York Times, Budd ha continuato a correre, ma ha raccontato al Daily Mail: “Non potevo crederci. È stato terribile. Volevo fermarmi. Volevo che tutto finisse”. Ha aggiunto: “Non sapevo cosa fosse successo, tranne che Mary mi aveva in qualche modo incontrato. A quel punto non pensavo di aver fatto nulla di sbagliato”. Cioè, fino a quando Budd “ha sentito i fischi”.

La foto di Decker in pista in lacrime dopo la collisione “è diventata una delle foto sportive più pubblicate del decennio”, secondo Runner’s World. Per Budd, è arrivata settima in gara, ma il contraccolpo è stata la parte peggiore. Il Guardian ha spiegato che Budd “aveva ricevuto così tante minacce di morte che una squadra di polizia armata l’ha incontrata all’aeroporto” per il suo volo di ritorno a casa.

Le squadre da incubo contro la squadra di basket maschile degli Stati Uniti

Nel 1992, le Olimpiadi hanno permesso ai giocatori di basket professionisti, la maggior parte della NBA, di competere. Nel primo anno sotto questa nuova regola, gli Stati Uniti hanno assemblato il “Dream Team”, composto da megastar come Michael Jordan e Magic Johnson. Dopo essere andato 24-0 in tutte le partite olimpiche di basket da allora, la serie si è conclusa durante le Olimpiadi estive del 2004 ad Atene, in Grecia. Gli uomini statunitensi hanno perso 92-73 a Porto Rico, ha riferito ESPN. Non solo ha battuto il record perfetto della squadra per oltre un decennio, ma è stata anche solo “la terza sconfitta di sempre per la squadra statunitense”. Star della squadra come Tim Duncan e Allen Iverson potevano solo abbassare la testa increduli.

“Sono umiliato”, ha detto all’epoca l’allenatore Larry Brown. Fortunatamente per la squadra maschile statunitense, la sconfitta è arrivata all’inizio della competizione. “La sconfitta è stata un duro colpo per la fiducia degli americani, ma ha fatto poco per danneggiare le loro possibilità di medaglia d’oro. Devono solo finire tra le prime quattro del loro girone a sei squadre per raggiungere i quarti di finale”, ha spiegato l’articolo. E la squadra ha consegnato, raggiungendo la semifinale contro l’Argentina.

Tuttavia, hanno deluso di nuovo quando l’Argentina ha vinto la semifinale. In un video della partita postato dalle Olimpiadi, i giocatori statunitensi vedono la loro speranza svanire negli ultimi secondi. Quindi la partita è sigillata con un’enorme schiacciata – uno slam figurato in faccia – dal giocatore argentino Luis Scola.

Un momento imbarazzante per il subacqueo Stephan Feck

L’immersione olimpica è un mix di precisione e grazia. Ci vuole abilità di livello mondiale per girare e girare in aria mentre si dirige verso la piscina, producendo comunque uno spruzzo appena percettibile. Alle Olimpiadi estive del 2012 a Londra, Stephan Feck dalla Germania aspirava all’immersione perfetta. Stava partecipando al secondo turno preliminare della gara di trampolino di tre metri maschile. Come riepilogato da BBC Sport, “il piede di Feck sembrava scivolare dal lato del trampolino ed è entrato in acqua sulla schiena, prima di essere premiato con un tuffo fallito”.

Ma la descrizione giornalistica non descrive in alcun modo l’imbarazzo per Feck e lo shock degli spettatori che guardano l’immersione in tempo reale. Il video mostra Feck inarcare la schiena, saltare fuori dal tabellone e lanciarsi in aria, il tutto prima di cadere a pancia in giù in piscina. Il forte “colpisci” e gli schizzi quando la sua schiena colpisce l’acqua viene accolto con un silenzio completo nello stadio subito dopo. Il “tuffo disastroso” ha portato Feck a uscire dalla piscina con una faccia che sicuramente sa che le sue possibilità sono rovinate.

Grazie a Internet, Feck ha dovuto rivivere la sua esperienza imbarazzante più e più volte. Il video è diventato virale e Feck è diventato “un nome familiare ma per tutte le ragioni sbagliate”, secondo Bleacher Report.

La terribile esperienza olimpica per il pattinatore di velocità Dan Jansen

Il pattinatore di velocità statunitense Dan Jansen aveva appena vinto il campionato mondiale di sprint una settimana prima della sua apparizione alle Olimpiadi invernali del 1988 a Calgary. Ma l’Olimpo apprese poche ore prima della sua corsa che sua sorella era morta di leucemia, secondo la Storia. Jansen, “un favorito per vincere la medaglia d’oro nei 500 metri”, non si è ritirato e si è messo in fila per correre. Secondo l’articolo, la sorella di Jansen “è stata determinante nella sua carriera di pattinaggio di velocità”. E, anche dopo aver dato la terribile notizia, la famiglia di Jansen ha esortato il pattinatore a gareggiare ancora. In quella che avrebbe potuto essere una vittoria emozionante, solo “secondi in gara, Jansen è scivolato ed è caduto”.

In un documentario pubblicato dal Team USA, Jansen ha descritto il terribile momento. “Sono arrivato alla prima curva. Davvero, un passo nella prima curva, e il mio pattino sinistro è scivolato fuori e sono andato giù”, ha detto. Nonostante la caduta prematura, Jansen aveva ancora una possibilità di riscatto più tardi alle Olimpiadi per la corsa dei 1000 metri. “Ho cercato di rimettermi in sesto in quei tre giorni. È stato difficile, ma è stato meglio”, ha detto Jansen della sua preparazione per la prossima gara. Poi, nella gara di due giri e mezzo, Jansen è stato in testa per due dei giri. “[I] aveva un ritmo da record mondiale. Poi ho preso un bordo esterno e sono caduto”, ha ricordato.

Per la seconda volta in pochi giorni, le speranze di Jansen per una medaglia olimpica si sono interrotte all’istante.

La maratoneta Paula Radcliffe è rimasta senza benzina

Nei Giochi Olimpici del 2004 tenutisi ad Atene, in Grecia, la maratona femminile ha visto un impressionante mix di atleti. L’evento è stato davvero speciale perché “la prima maratona organizzata si è tenuta ad Atene alle Olimpiadi del 1896, l’inizio dell’era moderna dei Giochi”, ha riferito History. La maratona è stata ispirata da un messaggero greco che correva tra le città di Maratona e Atene. Il messaggero sarebbe arrivato, ha consegnato la notizia, poi è crollato ed è morto per la stanchezza. Il formato si è poi spostato su un percorso ufficiale di 26,2 miglia alle Olimpiadi del 1902 a Londra per presumibilmente soddisfare i desideri della regina Alessandra.

La maratoneta britannica Paula Radcliffe aveva questo contesto storico alle spalle come una delle speranze di vincere l’evento del 2004. Prima della gara, il corridore “si era guadagnato la reputazione di perdere l’argenteria internazionale”, secondo Sky Sports. La sua corsa ad Atene è stata la terza volta che la Radcliffe è apparsa alle Olimpiadi, ma la stanchezza è arrivata rapidamente. “La parte più difficile è stata quando ho capito che non potevo tenere una linea retta”, ha ricordato, notando quando il suo corpo non si comportava come destinato. “Mi sono ritrovato a correre nella fogna, senza alcun controllo su dove mi stessero portando le gambe”.

Attraverso il dolore, Radcliffe ha continuato a spingere i suoi limiti anche se ha rallentato. Alla fine ha raggiunto il suo limite e ha smesso di correre. Un video dell’evento mostra la runner seduta su un prato, sconvolta per non essere riuscita a finire.

Il sollevatore di pesi Janos Baranyai è stato ferito in diretta TV

L’evento olimpico di sollevamento pesi richiede muscoli e coordinazione impressionanti per tirare una barra pesante da terra direttamente in una posizione sopraelevata con un movimento fluido. Mentre alle Olimpiadi del 2008 tenutesi a Pechino, in Cina, Janos Baranyai dall’Ungheria si preparava a sollevare la barra estremamente pesante. Mentre sollevava il peso da terra, Baranyai incontrò un’esperienza terrificante. Un video del sollevamento mostra la fibbia della spalla del sollevatore di pesi dal carico. La sbarra poi cade sulla sua schiena mentre cade a terra, urlando di dolore. Si è lussato la spalla a causa dell’incidente mentre un membro della sua squadra si è precipitato per aiutare.

“Non ho mai sentito un tale dolore”, ha detto Baranyai all’AP dopo l’incidente (tramite ESPN). “Non sono un bambino delicato, ma è stato brutale”, ha aggiunto. Sebbene il video del suo incidente abbia attirato molta attenzione online, il sollevatore di pesi ha affermato di aver rivisto l’ascensore solo due volte, notando che ha visto l’incidente solo per cercare l’errore che ha portato al suo infortunio. “Non ho trovato errori e lo rifarei esattamente allo stesso modo. Ad oggi, non so quale fosse il problema”, ha ammesso.

Fortunatamente, l’olimpionico è stato in grado di riprendersi dall’infortunio. “Spiritualmente, questo infortunio non mi ha affatto spezzato”, ha detto. Baranyai si è persino fatto tatuare la scritta “Pechino 2008” pochi mesi dopo il suo infortunio.

Il pugile Roy Jones Jr. non poteva credere ai suoi occhi

La boxe alle Olimpiadi ha una storia leggendaria, soprattutto per gli Stati Uniti. Nei Giochi Olimpici del 1960 tenuti a Roma, un diciottenne Cassius Clay gareggiò nella divisione dei pesi massimi leggeri. Il pugile “ha vinto facilmente tutti e quattro i suoi incontri. In finale ha sconfitto il tre volte campione europeo Zbigniew Pietrzykowski per vincere la medaglia d’oro”, hanno riassunto le Olimpiadi. Ciò ha contribuito a lanciare la carriera di Clay, che è diventato meglio conosciuto come Muhammad Ali.

Roy Jones Jr. forse aveva aspirazioni simili quando ha gareggiato per l’America alle Olimpiadi del 1988 a Seoul, in Corea del Sud. Il pugile ha affrontato il favorito della città natale, Park Si-hun, nella partita per la medaglia d’oro. Jones Jr. ha dominato completamente l’incontro di boxe, come raccontato da The Guardian. L’americano “ha ottenuto 86 pugni contro i 32 di Park” durante l’incontro. Alla fine, l’incontro di boxe sarebbe stato “un affare totalmente unilaterale” a favore di Jones Jr. Tranne quando è arrivato il momento della decisione, tre dei giudici hanno votato per Park e solo due per Jones.

Mentre l’arbitro alzava la mano di Park come vincitore, il pugile sudcoreano avrebbe sussurrato a Jones Jr.: “Non posso credere che ti stiano facendo questo”. L’americano era stordito. “È la cosa peggiore che mi sia mai capitata in vita mia. Mi hanno messo la medaglia d’argento al collo e l’ho tolta subito. Non me la metterò mai più al collo”, ha detto Jones Jr..

L’ostacolista Liu Xiang ha deluso i tifosi locali a causa di un infortunio

L’evento di 110 metri a ostacoli maschile alle Olimpiadi estive del 2008 ha visto un favorito locale. Liu Xiang, una delle stelle più brillanti della Cina, portava con sé le speranze dell’intera nazione mentre si preparava a gareggiare. A quel tempo, Liu era considerato uno degli atleti più famosi di tutta la Cina “per la sua miscela di aspetto, personalità e successo duraturo”, secondo il New York Times. Liu ha vinto la medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Atene del 2004, come mostrato in un video riassunto. Anche questo è stato un momento storico, poiché “è diventato il primo cinese a vincere una medaglia d’oro olimpica nell’atletica e il suo tempo di 12,91 secondi ha anche eguagliato il record mondiale di 11 anni”.

Impostato per difendere la sua medaglia d’oro quattro anni dopo, le cose non stavano andando bene per l’ostacolista. “Non mi sentivo bene quando mi stavo scaldando prima della gara. Sapevo che il mio piede mi avrebbe fallito. Ho sentito dolore quando stavo solo facendo jogging”, ha ricordato della gara del 2008. Un video dell’evento mostra Liu che si schiera e inizia a correre dopo l’inizio della gara di qualificazione. Gli arbitri interrompono la gara dopo una falsa partenza e tutti i corridori tornano ai blocchi di partenza. Ma Liu viene visto zoppicare di nuovo in pista. Dopo pochi istanti, l’olimpionico infortunato esce dallo stadio prima che la gara ricominci.

“Mi dispiace. Non ho potuto fare altro che ritirarmi dalla gara”, ha detto Liu in seguito, secondo il New York Times.

Il doloroso traguardo finale del velocista Tyson Gay alle Olimpiadi

Grazie a Usain Bolt, uno degli atleti olimpici più ricchi, gli eventi sprint maschili nell’atletica leggera sono diventati gli eventi imperdibili dei giochi olimpici. Nel 2008, Bolt, dalla Giamaica, si è scontrato con l’americano Tyson Gay, che ha detenuto il record mondiale per lo sprint di 100 metri. Bolt ha battuto Gay alla gara di Brooklyn e ha stabilito un nuovo record mondiale di 9,72 secondi, tramite un video pubblicato dalle Olimpiadi. Nello stesso anno, alle Olimpiadi estive del 2008 a Pechino, in Cina, Bolt ha vinto la sua prima medaglia d’oro. Ha anche stabilito un altro nuovo record mondiale, 9,68 secondi, anche dopo essere sembrato rallentare verso la fine per guardare indietro agli altri corridori e battersi il petto in segno di trionfo.

Nel 2012, Gay ha cercato di mantenere la sua gloria affrontando Bolt alle Olimpiadi di Londra. Ha anche affrontato il giamaicano Yohan Blake e l’americano Justin Gatlin. Gay è arrivato quarto davanti a quegli altri tre uomini “nel modo più doloroso possibile. È arrivato quarto dietro a Gatlin per un centesimo di secondo”, ha riferito ESPN. Come si vede in un video delle Olimpiadi, Bolt ha vinto ancora una volta la medaglia d’oro con il suo connazionale Blake che si è guadagnato la medaglia d’argento. Subito dopo la gara, Gay è stato visto piangere.

“Ho davvero provato a farlo per la mia famiglia, ma non ci sono riuscito”, ha detto Gay ai giornalisti. “Mi sentivo come se avessi corso con il campo e sono appena arrivato corto. Questo è tutto quello che ho fatto”.

L’occasione di una vita è scivolata via per la triatleta Paula Findlay

Il triathlon è un evento incredibile per il fatto che i partecipanti devono dominare in tre attività nettamente diverse: corsa, nuoto e ciclismo. In vista delle Olimpiadi estive del 2012 a Londra, la triatleta canadese Paula Findlay non ha avuto molto tempo per prepararsi. Secondo Maclean’s, l’atleta aveva a che fare con un infortunio. Questo l’ha lasciata in grado di allenarsi solo sulla distanza olimpica per soli due mesi prima di gareggiare a Londra. Tuttavia, Findlay sperava di poter competere bene e portare a casa una medaglia per il suo paese. Questa era anche la prima volta che gareggiava alle Olimpiadi, quindi la sua famiglia ha viaggiato per vedere il suo grande momento.

Invece della gloria, Findlay è stata completamente sopraffatta dalla sua concorrenza. Secondo l’outlet, ha concluso “il 52esimo e ultimo posto sabato, correndo e piangendo, e piangendo e correndo. Voleva così tanto smettere, uscire dal percorso”.

Dopo la gara, Findlay ha ricordato cosa le stava passando per la mente durante la gara. “Stavo pensando a tutti i miei amici a casa che sono rimasti svegli fino alle 2 del mattino per guardarmi, e ai miei amici lungo il percorso – e alla mia famiglia qui”, ha detto. E a causa del deludente ultimo posto, Findlay ha espresso: “Mi sento malissimo. Mi dispiace davvero per tutti in Canada”. L’ex campionessa del mondo ha confessato che nonostante le “grandi speranze” in gara, “purtroppo non sono riuscita a realizzarle”.

La scioccante conclusione della squadra di softball femminile degli Stati Uniti

Nella partita della medaglia d’oro per il softball femminile alle Olimpiadi di Pechino 2008, la squadra giapponese è stata totalmente sfavorevole. Il debutto del softball come sport olimpico è iniziato durante le Olimpiadi estive del 1996 ad Atlanta, in Georgia. Quel primo anno, la squadra femminile degli Stati Uniti ha vinto la medaglia d’oro e la squadra non ha mai smesso di vincere il grande premio, portando a casa la medaglia d’oro ogni Olimpiade successiva. Ancora di più, “Aveva battuto 22 avversari consecutivi risalenti al 2000”, ha riportato il New York Times.

Il dominio della squadra è continuato durante le Olimpiadi del 2008, superando tutti gli avversari per 57-2 nel percorso verso la finale. Ciò includeva battere la squadra giapponese due volte nel torneo prima della finale. Eppure, al Fengtai Softball Field, il Giappone ha vinto una medaglia d’oro dopo aver sconfitto gli Stati Uniti per 3-1. “A volte il gioco sembra facile”, ha detto l’allenatore della squadra statunitense, Mike Candrea. “E in realtà non lo è.” Forse ancora peggio, tutti i membri di quella squadra statunitense sapevano che poteva essere la loro ultima volta a giocare alle Olimpiadi. Il 2008 è stato l’ultimo anno programmato per il softball prima di una “assenza indefinita”. Dopo la sconfitta, uno dei lanciatori degli Stati Uniti, Cat Osterman, ha dichiarato: “Non ho ancora pensato al quadro generale. La sconfitta fa troppo male al momento presente”.

Il softball è stato reintegrato per le Olimpiadi del 2021, dove la squadra femminile statunitense avrebbe gareggiato per reclamare il proprio dominio sulla scena mondiale, secondo NCAA.

La fine del dominio olimpico del forte russo Aleksandr Karelin

Aleksandr Karelin, un lottatore russo nel formato greco-romano, era facilmente il miglior atleta nel suo sport. Lo stile greco-romano è “probabilmente lo sport competitivo più antico del mondo” ed è stato un momento clou dei Giochi Olimpici del 1896 ad Atene, in Grecia, hanno spiegato le Olimpiadi. Lo sport è caratterizzato dagli atleti che usano “solo le braccia e la parte superiore del corpo per attaccare e possono tenere solo quelle stesse parti dei loro avversari”. Non sono ammesse gambe come nel wrestling freestyle. E Karelin usava la parte superiore del corpo in modo dominante.

Andando alle Olimpiadi estive del 2000 tenutesi a Sydney, Karelin aveva vinto le precedenti tre medaglie d’oro. Non perdeva da 13 anni, “non aveva mai perso in una competizione internazionale” e “non veniva segnato da 10 anni”, ha riferito ESPN. E presumibilmente, i due precedenti finalisti della medaglia d’oro contro Karelin “essenzialmente si sono fermati sul tappeto piuttosto che continuare ad assorbire i colpi che stavano prendendo”.

Nella partita per la medaglia d’oro, tramite un video delle Olimpiadi, Rulon Gardner dagli Stati Uniti si è scontrato con Karelin. Il precedente miglior piazzamento di Gardner era il quinto posto in una competizione internazionale, quindi nessuno si aspettava che vincesse. Eppure Gardner ha scioccato il mondo del wrestling quando è apparso per segnare un punto contro Karelin. I giudici hanno messo in pausa il gioco per rivedere la mossa di wrestling e dopo 90 lunghi secondi, hanno assegnato a Gardner il punto per salire 1-0. Karelin alla fine ha ceduto e Gardner ha ricordato che il suo avversario “mi ha borbottato alcune parole in russo verso la fine”.

Il momento più basso per la squadra di hockey femminile statunitense

Nell’hockey su ghiaccio olimpico femminile, i risultati della partita finale sono praticamente sempre gli stessi. “Gli Stati Uniti hanno vinto la prima medaglia d’oro nell’hockey femminile nel 1998 e il Canada le ha vinte tutte da allora”, ha riportato il New York Times nel 2018. Nonostante abbia perso ogni volta, la squadra femminile degli Stati Uniti almeno è arrivata in finale per affrontare contro il Canada in (quasi) tutte le Olimpiadi, e anche contro la squadra canadese “in tutte e 20 le finali del campionato mondiale”.

L’unica eccezione a questa rivalità di lunga data è stata nel 2006. Ai Giochi Olimpici di quell’anno, ospitati a Torino, in Italia, la squadra femminile statunitense ha fatto bene nelle fasi iniziali, e aveva solo bisogno di battere la squadra svedese per avanzare ancora una volta al le finali. La squadra statunitense si è lanciata contro la Svezia per 2-0 all’inizio, sembrando pronta a vincere la partita, come si vede in un video della partita. Ma la Svezia ha reagito e ha segnato due gol senza risposta. Il tempo è scaduto con entrambe le squadre in parità e il gioco è andato in una sparatoria decisiva. Le donne americane non hanno segnato un solo goal ai calci di rigore. Quando la Svezia ha segnato il suo secondo gol ai rigori, la partita era finita.

La squadra statunitense non poteva che abbassare la testa incredula mentre stringeva la mano ai giocatori svedesi avversari.

L’emozionante uscita dalle Olimpiadi della star del tennis Novak Djokovic

Nel 2021, il tennista serbo Novak Djokovic ha vinto per la sesta volta la finale di Wimbledon a Londra, in Inghilterra. È stato anche il 20esimo titolo del Grande Slam di Djokovic, che ha eguagliato il record precedentemente “condiviso da Rafael Nadal e Roger Federer”, ha riferito NPR. E poiché Djokovic ha già vinto l’Australian Open e l’Open di Francia nel 2021, questo ha preparato la stella del tennis per un’opportunità d’oro. “Djokovic ha anche la possibilità di diventare solo il secondo giocatore nella storia del tennis dopo Steffi Graf ad assicurarsi un ‘Golden Slam’ vincendo tutti e quattro i major e una medaglia d’oro olimpica nello stesso anno”, ha osservato l’articolo.

Anche con il suo curriculum storico, Djokovic non ha mai vinto l’oro olimpico, al momento della stesura di questo documento. Solo altri due giocatori maschili – Andre Agassi e Rafael Nadal – hanno vinto ciascuno dei quattro major e un oro olimpico, secondo The Guardian. Nelle Olimpiadi estive del 2016 a Rio de Janeiro, Djokovic ha affrontato al primo turno l’argentino Juan Martín del Potro. E proprio così, è uscito dopo aver perso in due set consecutivi, entrambi tiebreak. In un video della partita, Djokovic lascia il campo in lacrime.

“Senza dubbio questa è una delle sconfitte più dure della mia vita e della mia carriera”, ha detto Djokovic dopo la partita (tramite The Guardian). “Non è facile da gestire, soprattutto ora, subito dopo che le ferite sono ancora fresche. Ma, sai, devi affrontarlo.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui