Il 18 ottobre è arrivata la notizia che il venerato leader militare e politico Colin Powell era morto all’età di 84 anni a causa delle complicazioni del COVID-19. Powell, il primo segretario di stato nero (secondo Reuters), ha avuto un impatto sia sui leader repubblicani che democratici, poiché molte figure politiche hanno rapidamente condiviso le loro condoglianze. “Nel corso dei nostri molti anni di lavoro insieme, anche in disaccordo, Colin è sempre stato qualcuno che ti ha dato il meglio di sé e ti ha trattato con rispetto”, ha detto il presidente Joe Biden in una dichiarazione (tramite USA Today).

Biden descrisse Powell come un “amico” che “incarnava i più alti ideali sia del guerriero che del diplomatico”. E il vicepresidente Kamala Harris ha ricordato il suo ultimo incontro con Powell, alla Casa Bianca a luglio. “Ha… servito con dignità, ha servito con grazia”, ​​ha detto in un video. Powell era un repubblicano che ha servito nell’amministrazione Reagan e in entrambe le amministrazioni Bush. “Era un tale favorito dei presidenti che ha guadagnato la Medaglia Presidenziale della Libertà – due volte. Era molto rispettato in patria e all’estero”, ha detto l’ex presidente George W. Bush nella sua stessa dichiarazione, per USA Today.

Un altro ex presidente, Barack Obama, ha avuto parole gentili per Powell in una dichiarazione condivisa sui social media. Nel suo messaggio, Obama ha condiviso la storia di come un gesto di Powell abbia avuto un impatto immenso sull’ex POTUS.

Colin Powell ha contribuito a calmare il rumore negativo su Obama nel 2008

Barack Obama ha ricordato in un post su Instagram il 18 ottobre come l’ex segretario di Stato, successi a parte, lo abbia colpito personalmente. Powell, un repubblicano convinto, ha approvato la sua campagna presidenziale del 2008 confutando anche una teoria della cospirazione popolare, che chiaramente significava molto per Obama.

“In un momento in cui le teorie della cospirazione turbinavano, con alcuni che mettevano in dubbio la mia fede, il generale Powell ha colto l’occasione per entrare nel vivo della questione in un modo che solo lui poteva”, ha scritto Obama nella sua dichiarazione. Ha poi ricordato che Powell aveva detto: “La risposta corretta è che non è un musulmano, è un cristiano. Ma la risposta veramente giusta è: ‘E se lo fosse?’ C’è qualcosa di sbagliato nell’essere musulmano in questo Paese? La risposta è no, non è l’America”. Obama si è poi tirato indietro, aggiungendo: “Ha capito cosa c’era di meglio in questo paese e ha cercato di portare la sua vita, la sua carriera e le sue dichiarazioni pubbliche in linea con quell’ideale”.

Appena due settimane prima delle elezioni presidenziali del 2008, Powell ha infatti approvato a sorpresa la campagna di Obama. “Penso che abbiamo bisogno di un cambio generazionale”, ha detto all’epoca, secondo la CNN. Powell è rimasto impressionato dai successi di Obama e lo ha nuovamente approvato nel 2016. “Ero orgoglioso … gli sono grato per la sua vita al servizio del suo paese sia come soldato che come diplomatico”, ha detto Obama durante una manifestazione a Virginia all’epoca, tramite Reuters.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui