Questo articolo contiene riferimenti ad aggressioni sessuali e problemi di salute mentale.

Brendan Fraser ha un posto speciale nel cuore dei suoi fan. I millennial potrebbero ricordare il suo esilarante ruolo da protagonista in “George of the Jungle”, ma la sua svolta iconica nei panni di Rick O’Connell in “The Mummy” del 1999 ha davvero lasciato un segno importante nella sua carriera e nella cultura pop nel suo insieme. Tuttavia, da allora Fraser ha avuto una carriera rocciosa, in gran parte a causa di un presunto incidente che ha coinvolto l’ex presidente della Hollywood Foreign Press Association (HFPA), Philip Berk.

Fraser ha accusato Berk di averlo toccato in modo inappropriato nel 2003. Nel 2018, l’attore di “The Mummy” si è aperto a GQ. Berk ha ammesso l’evento nel suo libro di memorie del 2014; lo ha descritto come un momento giocoso e non un atto sessuale non consensuale. Fraser lo ha descritto come molto più grafico di un semplice “pizzico di culo”, e ha ricordato di essersi sentito “male” e come se dopo avesse “pianto”.

Come riportato da IndieWire, l’HFPA ha rilasciato una proposta di dichiarazione congiunta che “concludeva” l’avvenuto contatto inappropriato, ma che era “destinato a essere preso come uno scherzo”. Berk ha dichiarato a GQ nel 2018 di non aver intrapreso alcuna azione disciplinare contro di lui “per niente”. Fraser sta ora avendo un enorme ritorno alla carriera, ma poiché non ci sono state davvero scuse o cambiamenti nell’HFPA da quando è successo, Fraser non vuole ancora avere niente a che fare con l’associazione o con i Golden Globe.

Brendan Fraser non parteciperà ai Golden Globe

La Hollywood Foreign Press Association ha deciso di condurre gli affari come al solito dopo le affermazioni di Brendan Fraser. Ma sono state rivelate altre accuse contro l’organizzazione per comportamento ingiusto, incluso il rapporto del 2021 del Los Angeles Times secondo cui l’HFPA non aveva membri neri. Come riportato da GQ, ciò ha impedito la messa in onda dei Golden Globes nel 2021; hanno ospitato uno spettacolo nel 2022, ma senza talento coinvolto. E anche se i prossimi Golden Globe del 2023 andranno in onda come al solito, Fraser non andrà a causa della sua “storia” con l’HFPA. È un favorito per vincere l’Oscar come miglior attore in “The Whale” e ha previsto di vincere un Golden Globe nella stessa categoria.

“E mia madre non ha cresciuto un ipocrita”, ha detto a GQ. “Puoi chiamarmi un sacco di cose, ma non quello.” Anche se l’HFPA ha istituito delle riforme dopo le affermazioni di Fraser, lui non ci crede. Nonostante la sua decisione di boicottare i Golden Globe, Fraser ha ancora in programma di promuovere completamente la campagna per gli Oscar per il film. “Lo devo a me stesso. Lo devo ai cineasti”, ha detto a GQ. “So di doverlo a quei fan che hanno pagato per venire a trovarmi e stare in fila al sole e, sai, tutto questo. Lo devo ai miei figli. Questa è la mia occasione”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui