C’è una vecchia barzelletta che dice che se suoni la canzone di un cantante country al contrario, la moglie dell’eroe torna, il suo cane torna, lui riprende la sua casa e il suo buon vecchio camioncino riprende a funzionare. È un tale cliché che Rascal Flatts abbia persino registrato una canzone prendendola in giro. Prendi in giro la musica country quanto vuoi, ma parte del motivo per cui milioni di persone amano quello stile musicale nettamente americano nato e cresciuto è perché, al suo meglio, è riconoscibile ed emotivamente risonante. Alcune delle canzoni country più memorabili parlano di persone normali che attraversano problemi reali, di solito crepacuore, infedeltà e perdita di una persona cara. (Tre rispettivi esempi: “Jolene” di Dolly Parton, “Before He Cheats” di Carrie Underwood e “He Stopped Loving Her Today” di George Jones.)

Gli artisti di musica country cantano così bene quelle canzoni di dolore e miseria umana perché, sfortunatamente, molti di loro hanno vissuto le proprie tragedie – quelle che sono troppo oscure e tristi per essere anche il soggetto di una canzone country. Ecco alcune delle lotte subite da importanti cantanti country che in qualche modo hanno trovato la forza per riprendersi e mantenere viva la musica.

L’orribile infanzia di Shania Twain

Shania Twain è stata la più grande star country della fine degli anni ’90. È persino passata al mondo del pop e ha avuto anche alcuni grandi successi, in particolare “You’re Still the One”. Ma a differenza della maggior parte delle pop star che sono a malapena abbastanza grandi per votare quando segnano il loro primo successo, Twain era un po ‘più vecchio dei tuoi Britney, Christinas, Katys e Arianas. Il suo album rivoluzionario, La donna in me, e la sua Sette Singole numero uno, ha colpito i negozi quando Twain aveva circa 30 anni. Cosa le ha messo così tanto tempo? Ebbene, la vita si è intromessa.

Da bambino nella piccola città canadese di Timmins, nell’Ontario, ha raccontato Twain Nightline che, poiché i suoi genitori avevano molti problemi finanziari e cinque figli da mantenere, spesso non c’erano abbastanza soldi per comprare il cibo. Andava a scuola affamata, ma ha detto che “non aveva il coraggio” di chiedere aiuto esterno. La famiglia Twain era a dir poco stressante. La figura paterna di Twain (il suo patrigno, che l’ha adottata legalmente quando aveva quattro anni) incarnava una dinamica “Jekyll e Hyde”, avendo una volta quasi ucciso la madre di Twain cercando di annegarla in una toilette. Tuttavia, Twain lo ha amato, una volta dicendo: “Lo amavo e rispetto così tanto quello che ha fatto per noi”.

Ma c’è di peggio. Nel 1987, la madre e il patrigno di Twain morirono in un incidente d’auto. Ciò ha lasciato a Shania Twain la responsabilità di crescere i tre bambini ancora a casa.

Ci sono state alcune vittime ai concerti di Jason Aldean

Il 1 ° ottobre 2017, la sparatoria di massa più mortale mai avvenuta sul suolo americano è avvenuta al festival musicale Route 91 Harvest sulla strip di Las Vegas. Centinaia di fan di Jason Aldean si erano riuniti per scatenarsi al ritmo di alcuni brani e divertirsi quando Stephen Paddock ha aperto il fuoco dalla finestra di una camera d’albergo. Più di 500 persone sono rimaste ferite e 58 persone hanno perso la vita. Il cantante di “Dirt Road Anthem” era, ovviamente, devastato, scrivendo sulla sua pagina Instagram che non poteva “capire perché una persona vorrebbe prendere la vita di un’altra” e che il suo cuore “soffre per le vittime e le loro famiglie di questo atto insensato. “

È stata una tragedia di prim’ordine, ma, sorprendentemente, non è stata l’unica volta che qualcuno è morto a un concerto di Jason Aldean. Due mesi dopo, un fan scomparve dal Progressive Field di Cleveland durante uno spettacolo di Aldean. Il suo corpo alla fine è finito in una discarica, portando la polizia a credere che fosse caduto in uno scivolo della spazzatura.

La band di Reba McEntire è morta in un incidente aereo

Reba McEntire è una delle più grandi star della musica country di tutti i tempi, grazie a successi (e karaoke) come “Little Rock”, “I Know How He Feels” e “Fancy”. Il suo dominio totale su Nashville negli anni ’80 e all’inizio degli anni ’90 era dovuto in parte anche al suo staff di supporto: una band di supporto talentuosa e versatile e un tour manager estremamente competente che ha portato McEntire e la sua musica alle masse in tutti i modi giusti. E poi, in un fatidico giorno del marzo 1991, McEntire li ha persi tutti.

McEntire e la sua band avevano suonato un concerto privato per i dirigenti IBM a San Diego il 15 marzo 1991. Il prossimo concerto era programmato per la notte successiva a Fort Wayne, Ind., Quindi l’intero gruppo dovette prendere un volo per due piccole imprese getti. McEntire e suo marito / manager si sono trattenuti per il secondo volo, mentre sette membri della band e il tour manager hanno preso il primo aereo. Pochi minuti dopo il decollo, si è schiantato contro la vicina montagna di Otay. Tutti e dieci i passeggeri e l’equipaggio di due persone sono stati uccisi. McEntire ha parlato dell’evento straziante in alcune occasioni, dicendo a Oprah Winfrey tra le lacrime nel 2012 che sebbene “siano passati 20 anni … non credo che smetta mai di soffrire”.

Luke Bryan ha cresciuto i figli della sua defunta sorella

Oggi Luke Bryan sembra l’immagine di un ragazzo tutto americano, come se fosse stato creato in una fabbrica di cantanti di musica country. È un ragazzo affabile, di bell’aspetto, nato in Georgia che canta canzoni sul divertimento (lo ha fatto Due album che prendono il nome dalle vacanze di primavera, per quello che vale). Tranne la parte relativa alla vendita di milioni di album e all’essere un giudice Idolo americano, La vita di Bryan sembra una canzone d’amore country: il tizio si è fatto strada da autore di canzoni ad interprete, e ha sposato la sua fidanzata del college, Caroline Boyer.

Sfortunatamente, anche la vita di Bryan assomiglia a quelle altro tipi di canzoni country – quelle sulla tragedia. Bryan ha perso suo fratello, Chris, in un fatale incidente automobilistico a metà degli anni ’90. Poi sua sorella, Kelly, è morta. E i destini non erano finiti. Ben Lee Cheshire, il marito di Kelly, è morto improvvisamente nel 2014, lasciando tre bambini piccoli. Bryan e Boyer hanno immediatamente adottato quei bambini e da allora li hanno cresciuti. “Non ci abbiamo mai pensato due volte”, ha detto la moglie di Bryan ABC News. “Sai, non è mai stato qualcosa di cui io e lui dovevamo sederci e parlare, sai, se dovessimo affrontarlo. L’abbiamo appena fatto.”

Il figlio di Craig Morgan è annegato

Craig Morgan ha preso una strada indiretta verso la fama del paese: ha lavorato come EMT e come vice dello sceriffo e ha svolto nove anni di servizio attivo nell’esercito degli Stati Uniti come membro dell’82a aviazione e come paracadutista durante l’operazione Desert Storm. Fu solo quando Morgan aveva 36 anni che pubblicò il suo primo album nel 2000.

Morgan era anche un padre di famiglia, padre di un figlio, Jerry Greer, a cui ha descritto Persone come “buffo”, “atleta da stallone”, “dang rockstar” e “bella anima”. Poco dopo essersi diplomato alla Dickson County High School nel Tennessee nel 2016, Greer è uscito per una divertente domenica di tubing sul Kentucky Lake. A un certo punto, Greer ha lasciato il tubo ed è andato in acqua … e non è più risalito. Ha lasciato perplesse le autorità, poiché il giovane indossava un giubbotto di salvataggio.

Greer aveva ancora il giubbotto di salvataggio quando il suo corpo fu recuperato dal lago più di un giorno dopo. Il giovane aveva solo 19 anni ed era stato programmato per giocare a calcio alla Marshall University quell’autunno.

La figlia di George Strait è morta in un incidente stradale

George Strait è soprannominato il “Re del Paese” per una buona ragione. La megastar che indossa il cappello da cowboy è un po ‘un tradizionalista country, ma le sue canzoni sono abbastanza lucide da aver contribuito a colmare il divario tra pop e country. Il risultato: Strait ha ottenuto ben 60 successi n. 1 in varie classifiche di musica country, il maggior numero di classifiche di qualsiasi musicista in qualunque genere. (E questo non conta nemmeno “Amarillo by Morning”, che non lo fece ha raggiunto il numero uno, anche se è oggettivamente fantastico.)

Tutta quella fortuna, ovviamente, non rende la vita di una persona invincibile e intoccabile. Una tarda notte del giugno 1986, la figlia di 13 anni di Strait, Jenifer, stava viaggiando in macchina a San Marcos, in Texas, con tre amici più grandi, tra cui William Allen McDonald, 16 anni, e Joseph Wiley Robbins, 17 anni (via Orlando Sentinel). Secondo quanto riferito, il pilota, il diciottenne Gregory Wilson Allen, ha svoltato rapidamente in una strada laterale ma ha mancato. L’auto sbandò e si capovolse completamente, atterrando a testa in giù in un fosso. Nessuno in macchina aveva allacciato la cintura di sicurezza e, mentre Robbins e McDonald hanno riportato ferite lievi e Allen è rimasto illeso, Strait è stato parzialmente espulso dal veicolo ed è stato dichiarato morto sul posto.

In seguito, Allen è stato accusato di reato di omicidio criminalmente negligente, mentre George Strait ha contribuito a creare la Jenifer Strait Memorial Foundation. Da allora, l’associazione ha sostenuto varie organizzazioni nell’area di San Antonio, dove vivono gli Stretti.

Margo Price ha perso un figlio

Margo Price è diventata un’enorme presenza nella musica country in poco tempo, pubblicando due album acclamati dalla critica (Figlia del contadino del Midwest e All American Made) di canzoni crude, profondamente personali e inquietanti dal 2016. Anche se sembra che sia una sensazione improvvisa, ha lavorato duramente e lottando per anni per farsi un nome. Si è trasferita a Nashville nel 2003 ed è stata rifiutata da ben 30 etichette discografiche. A un certo punto, ha venduto la sua macchina e ha impegnato il suo anello di fidanzamento per pagare il tempo in studio per registrare le sue cose.

Tutto ciò impallidisce per l’agonia che Price ha sofferto nella sua vita fuori scena. La frase nella sua canzone “Hands of Time”, in cui Price dice: “Il mio primogenito è morto e ho gridato a Dio”, è fin troppo vera. “Ho avuto due gemelli”, ha detto Price National Public Radio, Radio Pubblica. “Il mio primogenito, aveva una condizione cardiaca – sindrome del cuore sinistro ipoplastico, il che significa essenzialmente che era nato con mezzo cuore.”

I medici hanno informato Price della condizione circa a metà della gravidanza e che il bambino avrebbe dovuto sottoporsi a un intervento chirurgico al cuore quasi immediatamente dopo la nascita. Purtroppo, la chirurgia correttiva “non ha funzionato”, ha detto Price, e il bambino è morto dopo solo un paio di settimane di vita. Price ha ammesso che “sono stati giorni bui per un po ‘” e, in seguito, si è auto-medicata con l’alcol. Ma se la è cavata grazie a un marito “molto solidale”, Jeremy Ivey, che è anche il chitarrista della sua band.

La moglie di Gary Allan ha posto fine alla propria vita

Gary Allan è una presenza affidabile nel mondo della musica country da più di 20 anni, ma è meglio conosciuto per i brani sentimentali e pieni di umorismo ironico come “Tough Little Boys” e “Nothing On but the Radio”.

Nel 2004, Allan ha vissuto un momento sconvolgente per la famiglia che sembrava uscito completamente dal nulla (via Persone). Dopo aver proposto all’assistente di volo Angela Herzberg nel 2000 e essersi sposato, ha unito la sua famiglia con quella di sua moglie – ognuna aveva tre figli – e si è stabilito in una casa nel Tennessee. Herzberg ha iniziato a soffrire di gravi allergie, che hanno portato a emicranie. La notte del 25 ottobre 2004, Herzberg ne ebbe uno così grave che vomitava e chiese ad Allan di portare i bambini a una festa di Halloween programmata. Lo fece, tornò, rimboccò le coperte ai bambini e accese la TV. “Erano circa le 12 di sera, e lei è venuta a chiedermi cosa stavo guardando”, ha detto Allan Persone. “Poi dopo che se n’è andata ho pensato, ‘Wow, era fuori dal personaggio.'”

Allan ha poi controllato sua moglie, che gli ha chiesto di portarle una Coca-Cola per aiutare con la nausea. Allan andò in cucina e poi “sentì un forte schiocco”. Il pop è stato uno sparo. Herzberg, che aveva sofferto di depressione non curata, si era tolta la vita.

Se tu o qualcuno che conosci hai pensieri suicidi, chiama la National Suicide Prevention Lifeline al numero 1-800-273-TALK (8255).

Il palco di Sugarland è crollato

Jennifer Nettles e Kristian Bush si esibiscono in coppia sotto il nome di Sugarland. Hanno goduto di una serie di canzoni di successo nelle classifiche country dalla metà degli anni 2000, tra cui “Want To”, “Settlin”, “All I Want to Do” e “Already Gone”. Un bisogno innocente di ascoltare quelle canzoni è ciò che ha attirato una folla enorme a uno spettacolo di Sugarland alla Indiana State Fair il 13 agosto 2011.

La band non aveva nemmeno iniziato a suonare quando è avvenuto il disastro. Arrivò una tempesta e, con essa, una folata di vento incredibilmente grande. Ha attraversato lo spazio per spettacoli all’aperto e ha strappato il tetto, abbattendo una tettoia, alcune impalcature e varie altre attrezzature. Tutto è caduto tra la folla, dove ha schiacciato – e ucciso – quattro fan. Sono stati dichiarati morti sulla scena Tammy Vandam, Glenn Goodrich, Alina Bigjohny e Christiana Santiago. Nathan Byrd stava lavorando alla troupe teatrale ed è stato anche colpito da detriti. È morto il giorno dopo in ospedale. Una sesta fan, Jennifer Haskell, è morta pochi giorni dopo per le ferite alla testa riportate nell’incidente. Meagan Toothman è diventata la settima vittima una settimana dopo il concerto, soccombendo alle sue ferite.

Sugarland ha risposto su Twitter con un semplice messaggio: “Stiamo pregando per i nostri fan e per la gente di Indianapolis. Speriamo che ti unirai a noi. Hanno bisogno della tua forza” (via The Hollywood Reporter).

Il figlio di Ricky Skaggs è sopravvissuto a uno sparo

Ricky Skaggs è il paese della vecchia scuola che troverai, capace di suonare la chitarra, il mandolino, il banjo e il violino. Quando il country ha acquisito uno splendore da top 40 negli anni ’80, Skaggs lo ha mantenuto in nome della tradizione e ha accumulato un mucchio di hit country n. 1, tra cui “Country Boy” e “Don’t Cheat in Our Hometown”. Skaggs ha scritto la storia del paese, ma anche la sua famiglia ha assistito a un atto inquietante di quella che sembrava essere la rabbia della strada.

Nell’agosto 1986, un camionista ha sparato un colpo contro un’auto guidata dalla moglie di Ricky Skaggs, Brenda (via UPI). Il proiettile ha colpito alla testa il loro passeggero, Andrew Skaggs, 7 anni. Poche ore dopo l’incidente, la polizia ha arrestato Edward Dean Duehring, Jr.

Quello che è successo? La polizia inizialmente pensava che l’autista del camion fosse arrabbiato per essere stato tagliato fuori. “Due corsie si sono ristrette a una corsia”, ha detto il portavoce della polizia Charles Vaughn UPI, “e quando ha riaperto a due corsie, l’auto è passata davanti al camion ed è allora che si è verificato l’incidente.” Tuttavia, Duehring ha ricordato gli eventi in modo diverso. In seguito ha testimoniato di aver cercato di rispettare una scadenza ravvicinata e di aver dormito solo poche ore nell’ultima settimana. Ha detto che era così privato del sonno che ha sentito delle voci e che aveva sparato con la sua pistola per scongiurare quelle minacce immaginarie. Il camionista ha ricevuto una condanna a 40 anni di carcere. Andrew Skaggs, per fortuna, è sopravvissuto e si è ripreso.

Mindy McCready aveva bisogno di un angelo

Nel 1996, all’età di 20 anni, Mindy McCready pubblicò il suo debutto da due milioni di record Diecimila angeli, che includeva hit come la title track e “Guys Do It All the Time”. Ma le versioni successive vendevano male e, a metà degli anni 2000, stava facendo notizia per cose brutte invece che per musica. Nel novembre 2004, la cantante country si è dichiarata colpevole di aver usato una falsa prescrizione di antidolorifici e, pochi mesi dopo, è stata arrestata per guida in stato di ebbrezza. Poche settimane dopo, la cantante è stata ricoverata in ospedale dopo che il suo ragazzo, Billy McKnight, è entrato in casa sua e ha cercato di strangolarla. In seguito avrebbe avuto un figlio con McKnight, dopo essere stata accusata di aver collaborato con un truffatore per segnare una barca … e due tentativi di suicidio a base di pillole.

Dopo altri arresti (per aver litigato con sua madre), rivelando una relazione lunga anni con la star del baseball Roger Clemens, e un terzo tentativo di suicidio, McCready apparve su VH1’s Celebrity Rehab con il dottor Drew. In seguito, la vita di McCready è tornata a essere disordinata. È scomparsa con suo figlio per un incantesimo (violando un accordo di custodia), e ha avuto un altro figlio con un uomo che è venuto fuori morto non molto tempo dopo. McCready è tornato in riabilitazione all’inizio di febbraio 2013, ma non è stato sufficiente per liberare McCready dai suoi demoni. La cantante 37enne si è tolta la vita a causa di uno sparo autoinflitto il 17 febbraio 2013.

Se tu o qualcuno che conosci hai pensieri suicidi, chiama la National Suicide Prevention Lifeline al numero 1-800-273-TALK (8255).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui