Chad L. Coleman non è estraneo ai fan della televisione. In effetti, una rapida scansione della pagina IMDb di questo attore molto richiesto ricorda alcuni dei suoi ruoli più memorabili, come Cutty in “The Wire”, Z in “C’è sempre il sole in California”, Tyrese in “The Walking Dead” e Tobias Church in “Arrow”, solo per citarne alcuni.

src=”https://live.primis.tech/live/liveView.php?s=109370″>

Ora, Coleman sta espandendo i suoi talenti in un regno completamente nuovo con il lancio di “Humble Hollywood Podcast with Chad”, un nuovo podcast in cui è affiancato da una serie di ospiti famosi, dai suoi co-protagonisti ai numerosi progetti in cui è stato coinvolto in una varietà di altri professionisti, tra cui artisti del calibro dell’attore Anthony Mackie, l’astronauta Dan Tani e il chitarrista dei Def Leppard Phil Collen.

Anche passando ad altre attività, c’è ancora una cosa per cui Coleman è riconosciuto, più e più volte: “The Walking Dead”. In un’intervista esclusiva con Nicki Swift, Coleman riflette sul ruolo fuori misura che “The Walking Dead” ha avuto nella sua carriera ora che lo spettacolo sta finendo la sua corsa dopo 11 stagioni.

Far parte del “gigantesco” di The Walking Dead

Per i fan di “The Walking Dead”, Chad L. Coleman sarà sempre noto per aver interpretato Tyrese Williams, un ex linebacker della NFL fino all’apocalisse zombie. Come i fan ricorderanno, Coleman ha interpretato il personaggio durante la 3a, 4a e 5a stagione dello show, fino a quando Tyrese non è stato morso da un vagante. A Williams, tuttavia, è stata risparmiata l’umiliazione di trasformarsi in uno zombi, poiché a Tyrese è stato amputato il braccio infetto; purtroppo, il personaggio alla fine è morto, non per l’infezione da zombi, ma per aver perso troppo sangue.

Con “The Walking Dead” che ha terminato la sua corsa nel 2022, Coleman ha condiviso i suoi pensieri sull’interpretazione del personaggio preferito dai fan durante l’apice della popolarità dello spettacolo. “Beh, sai una cosa? Era un colosso”, ha detto, ma ha notato tutti i vari spin-off di “Walking Dead” ambientati nell’universo dello show che prenderanno il suo posto quando finalmente si concluderà. “Non è fatto”, rifletté Coleman. “Semplicemente ruotando in meteore meno grandi che continueranno a vorticare.”

La fama di Walking Dead di Chad L. Coleman è arrivata in un momento difficile per lui personalmente

Mentre la carriera di Chad L. Coleman è salita alle stelle grazie al fatto di essere in “The Walking Dead”, ha attraversato parecchio nella sua vita personale. “Ma allo stesso tempo, la vita reale sta accadendo”, ha spiegato dei suoi anni nello show. “Quindi a volte non lo stai vivendo appieno perché mia sorella era morta che era come una madre per me. Avevo una nuova relazione con qualcuno che davvero non conoscevo e stavamo avendo un figlio. Quindi c’era molto personalmente accadeva in quel momento, più o meno intorno al 2013”.

Guardando indietro, Coleman può vedere l’impatto che lo spettacolo ha avuto sulla sua carriera e sulla sua vita. “Andando a tutti i Comic-Cons e cose del genere, ovviamente, intendo dire che stavo vivendo l’industria a un livello che non avevo mai sperimentato prima, perché ‘The Wire’ a quel punto non era un successo commerciale”, ha detto disse. “Quindi sì, la quantità di amore e fandom e la possibilità di viaggiare in tutto il mondo ed essere accolto da Santiago, in Cile, alla Germania, la quantità di amore che ho ricevuto è stata fenomenale”.

L'”Humble Hollywood Podcast with Chad” verrà lanciato ufficialmente sabato 16 aprile. I biglietti sono disponibili per il lancio di persona di “Poddy” a Las Vegas, mentre le interviste sui podcast saranno disponibili su tutti i servizi di streaming di podcast dopo il lancio.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui