L’olimpionica di Tokyo 2021 Naomi Osaka ha fatto alcuni grandi slam nelle notizie nel 2021 per il suo audace rifiuto di parlare con i media durante gli Open di Francia di maggio. Espulso dalla competizione e multato di $ 15.000, il boicottaggio delle conferenze stampa da parte di Osaka ha scatenato un grande botta e risposta sul trattamento dei media della salute mentale degli atleti pro. In una featurette di Netflix del 20 luglio, “Voices of a Champion”, che promuove il nuovo documentario Netflix in tre parti di Osaka “Naomi Osaka”, sua sorella Mari Osaka condivide nuove intuizioni su una parte recentemente inesplorata della vita di Naomi: il loro stretto legame fraterno . Crescendo giocando al fianco di Naomi e migliorando il gioco a vicenda, Mari racconta le riprese domestiche delle sorelle da bambine. “Sognavamo di essere campioni”, dice. “Sfidando le etichette, corteggiando l’eccellenza, ognuno scegliendo la vittoria sull’altro.” Mari, che si è ritirata dal tennis professionistico a marzo, secondo People, ha aggiunto: “I nostri genitori hanno organizzato i nostri sogni e ci hanno addestrato a realizzarli”.

Mentre Naomi si prepara a competere per il Giappone, ha rivelato che lei e Mari non si vedono “da qualche mese”. “Mi manca molto perché siamo cresciute insieme”, ha ricordato Naomi. “Lavoreremo insieme ogni giorno fino all’età di 17 anni”. Ecco alcuni altri fatti precedentemente poco noti sulla sorella con cui la quattro volte campionessa di tennis del Grande Slam ha condiviso gran parte della sua vita.

Il legame tra Naomi e Mari Osaka è più profondo del sangue

Diventa subito ovvio che non si può raccontare la storia dell’ascesa di Naomi Osaka alla superstar del tennis senza raccontare quella della sorella Mari Osaka. I due hanno persino gareggiato al Miami Open di marzo 2019 l’uno contro l’altro prima che Mari si ritirasse. “È stato un viaggio che alla fine non mi è piaciuto, ma sono grato per tutti i ricordi e il supporto che ho guadagnato”, ha scritto Mari in un post su Instagram cancellato nel marzo 2021 (tramite People).

Naomi ha detto al New York Times quanto un avversario difficile che Mari stava giocando l’uno contro l’altro durante l’infanzia. “Fino all’età di 15 anni mi dava 6-0, ridicolo”, ha ricordato Naomi con affetto. Alla fine, Naomi ha iniziato ad abbinare sua sorella, riflettendo, “Non so cosa sia successo, forse finalmente qualcosa è scattato nella mia testa”. Mari ha anche raccontato, dal suo punto di vista, la sensazione di vedere Naomi all’altezza della sua sfida. Nella featurette di luglio di Netflix “Voices of a Champion”, Mari ha comunicato a Naomi, “Il giorno in cui mi hai raggiunto qualcosa ha fatto clic… Ogni vittoria costruisce una piattaforma che useremo per avere un impatto, trovando uno scopo dentro e fuori il corte… e tifando a vicenda.” (E abbiamo pensato nostro le sorelle maggiori ci hanno fatto dei bei discorsi!)

Oltre alla condivisione di Naomi nella featurette come Mari è ancora il suo leader in molti modi (“Sono solo la nave per qualunque cosa voglia fare”), ha confessato umilmente che, in termini di match, Mari è “su come un milione… nel record di vittorie-sconfitte.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui