Il tatuaggio è una forma d’arte e nessuno conosce i dettagli meglio di Chris Núñez. Tra i suoi periodi in “Miami Ink” e “Ink Master”, è diventato sinonimo di eccellenza degli inchiostri. E anche con tre decenni di lavoro alle spalle, il nativo della Florida ha parlato ancora con una scintilla discutendo del suo ultimo sforzo artistico in un’intervista esclusiva con Nicki Swift.

Color Collab, una nuova app per libri da colorare digitale disponibile per utenti Android e iPhone, è nata da un’idea di Núñez e di un amico che ha incontrato – dove altro? – in un negozio di tatuaggi. L’app cerca di portare l ‘”attività universale” del colore a “dilettanti” e “artisti professionisti esperti”, come nota Núñez sul sito Web di Color Collab, mentre allo stesso tempo gamifica l’esperienza consentendo agli artisti in erba di confrontarsi l’un l’altro e collabora con artisti leggendari come lui.

Anche se “Ink Master” è stato cancellato e la produzione del suo finale live è stata interrotta a causa della pandemia dei COVID-19, Núñez non potrebbe essere di buon umore. Non solo ha utilizzato il tempo in quarantena per avviare un’app, ma ha anche perfezionato la sua prospettiva sulla vita e sulla sua piattaforma. Tra la creazione di un progetto per gli artisti per monetizzare il loro lavoro dopo aver subito molti “pessimi affari” e l’utilizzo dei suoi guadagni televisivi per finanziare le produzioni, Núñez è stato impegnato. E mentre è entusiasta che i fan vedano il suo nuovo lavoro sullo schermo, anche lui “non vede l’ora” di tornare dietro l’ago.

L’ultimo impegno di Chris Núñez è di quattro anni di lavoro

Prima di tutto, volevo solo chiederti come ti sta trattando la vita pandemica. Come sei stato?

Amico, sai cosa? A parte tutto ciò che penso abbiamo visto accadere a livello globale, e tutte le diverse persone che sono state colpite in quel modo, rimanere impegnato durante la pandemia è stato un problema per me. E penso sia stata una frizione per il nostro gruppo. Fondamentalmente abbiamo forgiato l’app [Color Collab] di cui stiamo parlando oggi durante la pandemia, attraverso tutti noi che abbiamo prove e tribolazioni, membri della famiglia [getting] malato, succede di tutto. Ma avere un lavoro è stato sicuramente uno degli stimoli più forti durante la pandemia per me.

Come è nata questa app? Solo attraverso le conversazioni durante la quarantena?

No, quindi [Color Collab] era un’amicizia in corso, in fondo, da maledetti, probabilmente quattro anni, poco più di quattro anni. [Co-founder Tobias Sherman] e ho incontrato nel mio negozio di tatuaggi. È entrato per farsi un tatuaggio. In realtà era già stato tatuato da Ami [James] da “Miami Ink”, aveva una koi con l’acqua, ovviamente, all’interno del braccio, e poi è venuto da me e voleva davvero ottenere qualcosa. E ho finito per fare una grande tigre su di lui. E ci ha guidato attraverso circa tre sessioni. Finì per prendere un enorme drago in cima alla sua spalla da [Chris] Garver. Quindi aveva il trio, la manica del trio dei ragazzi.

E siamo diventati davvero buoni amici, e abbiamo iniziato così. Poi siamo andati a pranzare insieme. E la prossima cosa che sai, siamo stati insieme alle vacanze delle famiglie, ai viaggi di snowboard, e probabilmente circa un anno e mezzo fa, mi aveva presentato [co-founder] Simon [Abitbol] anche in quel periodo.

Lui e Simon erano grandi sostenitori di ELEAGUE e quello era davvero il loro lavoro … Simon era uno sviluppatore straordinario e Toby era fortemente investito nella tecnologia. E parlavamo sempre di modi diversi in cui avremmo potuto fare cose in cui avrei potuto trasformare l’arte nei giochi. Quindi, nel corso del tempo, abbiamo intrapreso la strada per diventare amici … e alla fine siamo venuti fuori da qualcosa basato sul fatto che ero un giudice in uno spettacolo di competizione.

Giusto.

Quindi, poiché ero un giudice in uno spettacolo di concorrenza, perché no? Dal momento che abbiamo artisti ospiti che abbiamo sempre generato e portato come una sorta di altre autorità durante lo spettacolo durante le stagioni, perché non fare qualcosa con tutti i miei amici più stretti, portandoli su questa piattaforma dove potremmo creare entrate per i nostri artisti o [they] potrebbe essere messo in mostra – in primo piano, grande visibilità per loro. Sarebbero in grado di promuovere e fare tutto ciò che vogliono dal retro della nostra casa, per la loro arte, per i loro progetti, che non prenderemmo mai un centesimo. Abbiamo costruito qualcosa perché ero un artista e ho ottenuto così tanti pessimi affari. Abbiamo costruito in modo collaborativo qualcosa che avremmo potuto restituire ai nostri artisti che sarebbe stato fantastico. E poi abbiamo deciso di gamify creando questa componente competitiva.

Dopo 30 anni di tatuaggi, Chris Núñez era pronto a promuovere la “creazione e la collaborazione”

So che hai curato i principali partner dell’app. Come hai deciso chi presentare, o erano solo persone che avevi incontrato durante lo spettacolo e con cui sei rimasto in contatto?

Bene, questo è il mio 30 ° anniversario da tatuatore.

Wow. Congratulazioni!

Giusto, quindi l’ho fatto davvero per molto tempo. E lo faccio ancora. Quindi, essendo che sono un tatuatore, essendo che ho viaggiato per il mondo tatuando e ho imparato il mio mestiere stando sugli aeroplani più che stazionando in una particolare città o negozio, ho tutti questi grandi amici. E davvero queste sono le persone che mi hanno ispirato durante la mia carriera per diversi motivi stilistici, per diversi motivi di composizione, per tutti i diversi motivi artistici che ho sempre detto “Wow, è stato davvero fantastico il modo in cui hanno fatto questo o l’hanno fatto questo. Devo cercare di incorporarlo nel mio stile perché qui mi manca “.

Quindi per me erano tutti amici, ma [also] insegnanti. Sono state tutte le persone che ho guardato in alto [to that weren’t famous]. Mi sentivo come se quelle fossero le persone autentiche da restituire [to]. Non abbiamo davvero seguito così tanto il cliché della personalità televisiva. Ho inseguito il cuore e l’anima o il battito del cuore, per me, di ciò che amo del tatuaggio. E questi sono i veri tatuatori che stanno lavorando.

Sì, puoi usare un po ‘di quella lucentezza che hai dall’essere in reality TV per evidenziare queste persone che hai incontrato lungo la strada. Mi chiedevo anche se potresti farmi un po ‘di più sull’esperienza utente di Color Collab. Che aspetto ha quando un giovane artista in erba lo carica?

Quindi Simon ci ha costruito una piattaforma così robusta e di nuovo, l’ha costruita durante la pandemia in un lasso di tempo relativamente breve, con tutto il nostro personale molto piccolo che abbiamo, tutti fanno lo zoom avanti e indietro, nessuno insieme. Simon ha inventato qualcosa che, per me, la prima volta che me l’ha dato per usarlo, non potevo crederci. Sono rimasto a bocca aperta. Ci sono rimasto seduto per cinque ore. Sai cosa voglio dire? Perché senti sempre: “Ehi, faremo questo e lo faremo”, ma poi quando hai qualcosa tra le mani che è reale soprattutto per un artista, abbiamo molte cose che ci vengono incontro , ma non giungono mai a buon fine. E questa cosa era una cosa reale nella mia mano, sono stato completamente ripreso.

Quando accedi all’app e puoi aprirla, hai i tuoi diversi strumenti, che puoi selezionare. Puoi selezionare le tue diverse vernici. Puoi dipingere per cella o puoi effettivamente entrare con un iPencil o un iPen e il tuo strumento e puoi effettivamente modellare, puoi mescolare i colori. Puoi punteggiare l’ombra, puoi tingere, puoi sfumare, puoi usare quella che sembra quasi vernice spray. Puoi perderti. Quindi la bellezza di ciò che Simon ha costruito attraverso tutte le nostre conversazioni è che ora possiamo guardare i nostri replay sull’app.

Vedere cosa fanno gli altri con la nostra app è ciò che mi lascia davvero a bocca aperta. E penso che cosa dia davvero gas alla nostra azienda, perché, sì amico, le persone lo stanno davvero cercando, lo usano e fanno cose che non mi aspettavo. E questa è tutta la bellezza della creazione e della collaborazione. Ed è quello che è stato, davvero.

La quarantena è stata una “rinascita” per creativi come Chris Núñez

Penso che stia arrivando in un momento davvero fantastico, perché molte persone si sono rivolte all’arte come forma di cura di sé in questi tempi. La colorazione o l’arte sono state uno strumento utile per te in questi tempi oltre a mettere insieme questa app?

Sì, perché per me, ho guardato cosa direi [is] gli ultimi cinque anni per me sono stati davvero un aumento nell’arte. Ed è stata una specie di esplosione riemergente, perché da bambino sono cresciuto nel mondo dei graffiti. Parlo come un bambino vero, da otto anni a diciotto. Poi a 18 anni ho iniziato a tatuare e ho preso tutto e tutte le mie energie e le ho messe in questo, perché all’epoca era così difficile capisci che sto tatuando la pelle delle persone. Quindi l’ho preso molto sul serio e ci ho messo tutto. Ma per il tuo punto, essere in grado di vedere cosa è successo nel corso della pandemia per me, è totale – è una rinascita perché abbiamo visto musica straordinaria. Abbiamo visto la scrittura, le sceneggiature, l’arte, l’intero mondo tecnologico immergersi in questo mercato NFT. Vediamo tutto esplodere, ma chiunque si sia preso il tempo per creare sta raccogliendo i frutti della propria creazione ora, giusto? Perché stai vedendo emergere così tante opportunità e penso che gli artisti ora, attraverso quello che è successo e attraverso tutto il loro duro lavoro e attraverso la tecnologia, avranno finalmente una giusta scossa nel cuore.

Chris Núñez sta pianificando un ritorno al reality

Quindi so che Color Collab non è l’unica cosa su cui sei stato impegnato a lavorare. Mi chiedevo se potessi darci qualche suggerimento sugli altri progetti che hai in cantiere.

Per quanto riguarda Color Collab, ti dirò, abbiamo alcuni fantastici concorsi in arrivo molto presto come nelle prossime due settimane. E lasceremo cadere gli NFT e faremo per il primo lancio in assoluto … una collaborazione tra chiunque vinca la collaborazione per la colorazione al nostro concorso, prenderò la loro arte, abbellirò la loro arte , in realtà il loro pezzo di carta fisico e poi creeremo un NFT che presenteremo loro che è loro. Abbiamo alcuni lanci NFT davvero entusiasmanti, i nostri artisti partner ei miei amici. Stiamo entrando rapidamente in altri generi d’arte e stiamo emergendo nelle cose da cui siamo veramente attratti, che è culturale, molti murales e arte di strada, molti graffiti. Quindi questo è un enorme passo successivo nel piano su cui stiamo lavorando attualmente.

Siamo in fase di sviluppo. Dal tempo in “Ink Master”, ho imparato moltissimo su come funziona il retro della casa, e sono molto grato per il tempo che ho trascorso lì, perché ora posso produrre esecutivamente. Quindi in realtà, durante la pandemia stranamente, ho fatto parte di un progetto Netflix. E sono il produttore esecutivo dietro casa in uno spettacolo chiamato “Tattoo Re-Do”.

In realtà è stato con uno dei miei vecchi capi che era a capo di una rete che se n’è andata, e stavamo parlando. Quindi sono sempre stato molto calmo con tutti i miei colleghi e tutto, stavamo parlando e siamo usciti e abbiamo prodotto lo spettacolo e l’ho scelto con i miei amici. Quindi la maggioranza, tutti quelli che sono tatuatori, sono miei vecchi amici. È stato davvero fantastico mettere la luce su altre persone e fare un passo indietro e guardare tutto arrivare a buon fine. E questo ci porta a “Tastemakers”, uno spettacolo che abbiamo in fase di sviluppo ora che inizieremo le riprese il mese prossimo per [Color] Collaborazione, che ruota attorno all’amicizia tra me e Toby, perché Toby è il ragazzo tecnologico e io il ragazzo artistico. Quindi ci porteremo in queste avventure per incontrarci e vedere queste diverse cose che giocano e talvolta le fondono insieme.

Sembra che tu sia stato decisamente impegnato anche al di fuori dell’app. “Tattoo Re-Do”, presumo che il nome dica tutto quando si tratta della premessa.

Sì … uscirà su Netflix. Non abbiamo una data provvisoria, ma stiamo guardando da qualche parte nei prossimi due mesi. Quindi non abbiamo ricevuto il nostro appuntamento finale da Netflix, ma … saranno sei episodi fuori dal cancello e sì, dovrebbe essere davvero divertente. Sono entusiasta di vedere come le persone lo ricevono.

Sono sicuro che affrontare la televisione senza copione da una prospettiva diversa è stato anche molto eccitante e interessante.

È decisamente un approccio diverso. Ti siedi sul retro della casa. È un mondo diverso.

È così che Ink Master ha preparato Chris Núñez per la prossima fase della sua carriera

Quindi abbiamo dovuto dire addio a “Ink Master“per la pandemia. Mi chiedevo com’è stato chiudere quel capitolo e dire addio allo spettacolo in questo periodo dell’anno scorso?

Sai cos’è davvero, penso che quando rifletto su tutto ciò che è accaduto nel corso di quello che abbiamo visto accadere negli Stati Uniti e, di nuovo, a livello globale nel corso del tempo, quello era solo un piccolo assaggio . Niente è andato finché non è morto. Quindi, non sai mai cosa ci sarà nel futuro. Non sai mai cosa potrebbe esserci. E nel frattempo, ho sentito sussurri che stanno riportando qualcosa indietro o qualsiasi altra cosa, e auguro loro tutta la fortuna del mondo. Sono stato impegnato come ho potuto. E ho abbassato la testa e mi sto concentrando su tutto ciò che è positivo e sai, sono davvero entusiasta di Collab.

Dopo uno spettacolo come “Ink Master”, ritieni che ti abbia preparato per questo prossimo passo nella tua carriera di imprenditore e sostenitore delle arti in modi diversi?

Assolutamente. Nel corso degli ultimi tre anni sono stato dentro e fuori dall’Amazzonia per un bel po ‘, ho vissuto laggiù con due diverse tribù e ho girato un documentario con loro tutto basato su di loro. Non è una docuserie ospitata da me. Non è nessuna di queste cose. Era la mia passione, e gran parte dei soldi che ho guadagnato con “Ink Master” mi ha spinto ad andare a girare qualcosa in cui credo con tutto il cuore. Quindi ho inseguito questo progetto e nel frattempo continuo a trovare modi per fare cose di beneficenza e riportare le cose in Amazzonia, nella comunità, tutto attraverso l’arte. Quindi, ospiteremo [and working with] tre tribù. Li stiamo portando in Collab e produciamo capsule per loro in cui i proventi tornano a loro. Quindi siamo una comunità guidata dall’arte; non siamo una comunità opportunista quando si tratta del mondo in cui ci stiamo addentrando.

Sicuramente sembra che tu abbia preso questa fama che hai ottenuto dallo spettacolo e stia davvero trovando ottimi modi per restituire non solo l’arte, ma anche alle comunità con quella piattaforma. Sembra che ti vedremo riunirti con alcuni amici su alcuni dei tuoi prossimi progetti. Sei ancora in contatto con Kat Von D o con qualcuno di “Ink Master” o “Miami Ink?”

Si. Quindi i miei ragazzi di “Miami Ink”, siamo ancora tutti fantastici. [Chris] Garver fa effettivamente parte del nuovo progetto. Chris ed io, siamo stati molto vicini per tutto il tempo. Io e Ami siamo fantastici, Darren [Brass] e io sono cool. Come tutti noi, ovviamente è stata un’enorme tragedia [Yoji Harada who passed away in 2019]. Quello è stato un crepacuore e mezzo che ci hanno dato tutti. Ma sto calmo con tutti, amico. Penso che la situazione peggiore possa capitarmi di fronte e ne troverò il positivo, sai? Farò perno e troverò un modo, tutto è un momento di insegnamento ed è così che proviamo ad avvicinarci alla vita.

La passione di Chris Núñez per i tatuaggi non è cambiata

Ora che sei nel mondo degli inchiostri da 30 anni, ti ritrovi ancora a fare molti tatuaggi o l’arte o l’effettivo processo fisico sono cambiati per te?

Beh, no, in realtà a causa della pandemia, ovviamente siamo stati completamente soffocati. Quindi la creazione di Collab ha mantenuto quei succhi che scorrevano per me. E ora … c’è un’eccitazione in questo. Ho un appuntamento in arrivo la prossima settimana e, stranamente, non vedo l’ora che arrivi la prossima settimana.

Quindi, quando tatuaggio, è la cosa giusta. Ecco perché penso che l’esperienza Collab per gli utenti sia molto simile alla mia esperienza con i miei clienti. È un modo in cui mi siedo e in realtà, se ti sto tatuando, dimentico tutto quello che sta succedendo nella mia vita e quello che sto facendo è il mio obiettivo. … In 30 anni ho avuto qualche discussione con le amiche o qualche intoppo per strada o altro, capisci cosa intendo? E ti metti al lavoro ed è come se tutto il tuo mondo crollasse e abbassi la testa e inizi a tatuare e poi non c’è più. È andato. E durante le quattro ore che trascorrerò su quel cliente, farò 40 ore di lavoro su me stesso e mi alzo ed è come se mi sentissi di nuovo alla grande. Sai cosa voglio dire? È bello. È tutto: “Andrà tutto bene. Nessun problema”. E spero che questo sia ciò che l’app fa per molte persone.

È divertente, in realtà mi sono fatto il mio primo tatuaggio solo pochi mesi fa. Il mio artista lo faceva lui stesso da circa 20 anni ed era proprio come un’atmosfera rilassante e meditativa. E io ero tipo “Ho capito. Perché ho aspettato così tanto per entrare in questo?”

Questo è l’inizio.

Il tatuaggio ha fatto la differenza nella vita di Chris Núñez

Hai storie selvagge o interessanti dei tuoi anni passati a tatuare celebrità e clienti?

Piuttosto che un caso, quello che ti direi è che c’è una magia che si verifica in un negozio di tatuaggi. Ed è che avrai un gangster seduto di fronte a un detective seduto di fronte a questo percorso di vita e quella persona … Avrai questa dicotomia in cui, specialmente tatuare a Miami, tatuare a New York, tatuare a LA, tatuare sulla costa così, c’è una dicotomia così sorprendente di persone e personaggi e tutto ciò che entra in gioco. Ogni giorno nel negozio è stata una sorpresa. E rivivere un momento qualsiasi, per me dopo 30 anni, è impossibile. Il tatuaggio mi ha dato la mia cultura, la mia vita, i miei gusti, le mie lingue. Mi ha costretto a imparare il portoghese prima ancora di intraprendere la strada dell’Amazzonia.

Parlavo spagnolo, parlavo inglese, ho imparato un po ‘di italiano. Ho imparato un po ‘di francese, capisci cosa intendo? Ho avuto modo di farlo in ogni città perché avevo un mezzo che potevo mettere in una scatola così grande, saltare su un aereo e partire. E quel tipo di evasione mi ha dato così tanta cultura e così tanta libertà di interpretare e vedere il mondo con occhi diversi, perché tu vedi il mondo con gli occhi di ogni paese in cui sei stato che non posso dire abbastanza di cosa fatto per me.

Decisamente. Hai qualcos’altro da aggiungere su Color Collab o qualcosa che potrei non aver chiesto?

Vorrei solo dire che abbiamo versioni diverse per questo. Abbiamo Android, abbiamo Apple, e se qualcuno lo prende e lo mette sul suo iPad, prendi la tua matita ed entra lì e ti perderai per ore e ore. Quando hai una matita lì dentro, puoi fare così tanto sul tuo iPad che si trasforma davvero in un intero altro mondo. E abbiamo così tanti aggiornamenti e funzionalità in arrivo. Abbiamo penne per ogni artista. Abbiamo diversi strumenti e tra poche settimane stiamo abbandonando un’enorme collaborazione IP, che non posso dirti di cosa si tratta, ma è enorme.

Puoi liberare il tuo artista interiore con Chris Núñez e l’app Color Collab di Foundry IV, disponibile su Google Play e App Store.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui