Dopo anni di tentativi di tenere nascosti i suoi registri finanziari, sembra che l’ex presidente Donald Trump non sarà più in grado di farlo. Come le principali reti di notizie e pubblicazioni come Il Washington Post riportato il 22 febbraio 2021, il più alto organo giudiziario del paese – la Corte Suprema degli Stati Uniti – si è pronunciato contro una mozione presentata dall’ex comandante in capo nel tentativo di tenere i suoi registri fiscali fuori dalle mani di New York City Il procuratore distrettuale Cyrus R. Vance, Jr. che sta esaminando possibili rapporti dubbi che coinvolgono Trump e il suo impero economico, l’organizzazione Trump, secondo Il New York Times.

Allora come è arrivata la Corte Suprema alla decisione di abbattere l’ultimo tentativo di Trump di evitare possibili accuse di (presunta) violazione della legge dello Stato di New York? Come ha risposto Trump alla sentenza, nonostante il suo divieto permanente dalle piattaforme di social media come Twitter? E cosa succederà dopo?

La Corte Suprema ha stabilito che le dichiarazioni dei redditi di Donald Trump sono ora un gioco leale

La decisione potenzialmente storica presa dalla Corte Suprema – per Donald Trump di consegnare le sue dichiarazioni dei redditi e altri documenti finanziari all’accusa – è stata, per CNN e Il Washington Post, mesi di lavoro. Entrambe le fonti hanno riferito che l’udienza stessa ha subito un ritardo di quattro mesi a partire dall’ottobre 2020, dopo che una corte d’appello federale ha interrotto gli sforzi di Trump per mantenere privati ​​i suoi registri finanziari.

Secondo CNN, Il caso di Trump si basava sulle minuzie in un mandato di comparizione del luglio 2020, da cui Trump aveva tentato (e fallito) di chiedere l’immunità a causa del suo stato di presidente.

Come hanno notato entrambi i media, la decisione del febbraio 2021 presa dalla Corte Suprema sull’ultima mozione di Trump è stata emessa e resa pubblica senza commenti e senza una parola di dissenso, ed era contenuta nell’ambito di una singola frase.

Trump ha incolpato la sentenza della Corte Suprema sui Democratici

La reazione di Donald Trump, riferita dall’ex presidente in un comunicato ufficiale, per La collina, è stato uno che ha incolpato la decisione del partito democratico, nonché le affermazioni ridimensionate di Trump di frode degli elettori nelle elezioni del novembre 2020. Affermando che “la Corte Suprema non avrebbe mai dovuto permettere che questa” spedizione di pesca “accadesse”, Trump ha poi proseguito affermando che la sentenza era “qualcosa che non è mai accaduto a un presidente prima”, definendola una “spedizione di ispirazione democratica”. [issuance] in una località totalmente democratica, New York City e nello Stato. “Trump ha quindi promesso di” continuare a combattere, proprio come ho fatto io, negli ultimi cinque anni … nonostante tutti i crimini elettorali commessi contro di me “.

Come Il New York Post riportato poco dopo il primo commento di Trump sulla questione, l’ex comandante in capo ha elaborato la decisione della Corte Suprema in una dichiarazione inviata via e-mail, che faceva riferimento alle accuse di interferenza russa nelle elezioni del 2016, alla presidente della Camera Nancy Pelosi e al primo impeachment di Trump processo nel 2020. “Che si trattasse dell’infinita bufala di Mueller da 32 milioni di dollari, che ha già indagato su tutto ciò che potrebbe essere indagato,” Russia Russia Russia “, dove è stato riscontrato” No Collusion “, o due ridicole” Crazy Nancy ” ha ispirato tentativi di impeachment in cui sono stato trovato NON COLPEVOLE “, si leggeva nella dichiarazione, per Il Post. “Non finisce mai!”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui