Nel giugno 2020, Deadline ha riferito che l’attrice di “Twilight” Kristen Stewart era stata scelta per il ruolo della principessa Diana in un nuovo film intitolato “Spencer”. Sebbene la scelta possa essere stata sorprendente per alcuni, il regista del film Pablo Larraín non ha avuto altro che cose entusiasmanti da dire su Stewart. “Il modo in cui ha risposto alla sceneggiatura e il modo in cui si avvicina al personaggio, è molto bello da vedere. Penso che farà qualcosa di straordinario e intrigante allo stesso tempo. Lei è questa forza della natura”, ha detto allo sbocco a il tempo.

Il film ha fatto il suo debutto ufficiale al Festival di Venezia all’inizio di questo mese e le recensioni per la performance di Stewart sono state quasi tutte positive. Ha fatto un lavoro così straordinario completando la trasformazione nella Principessa del Galles e comprendendo i suoi tratti caratteriali che si parla già di una nomination all’Oscar. “[‘Spencer’ is] davvero l’adempimento della sua tremenda promessa e quasi sicuramente le porterà la prima nomination all’Oscar della sua carriera”, ha scritto Scott Feinberg dell’Hollywood Reporter.

E mentre la Stewart sta ricevendo tutti i tipi di elogi per il suo lavoro nel film, parla anche dell’esperienza e di come l’ha cambiata. Continua a leggere per saperne di più.

Kristen Stewart è stata in grado di superare una paura mentre interpretava la principessa Diana in “Spencer”

Assumere il ruolo della principessa Diana in “Spencer” ha effettivamente cambiato Kristen Stewart. In un’intervista al Los Angeles Times, l’attrice ha parlato della sua esperienza e ha spiegato come il ruolo l’abbia effettivamente aiutata a superare una delle sue paure; ballare. “Dirò ora che questo mi ha davvero tolto il guinzaglio che avevo sulla mia energia. Questo ha liberato la ballerina dentro di me. Questa è una cosa che ho preso da lei. Mi alzerò assolutamente di fronte a chiunque ora. Non sono più imbarazzato. È come strappare il cerotto. Prima non riuscivo a muovermi. Semplicemente non era qualcosa che mi faceva sentire bene “, ha detto Stewart allo sbocco.

Ha continuato a dire al Los Angeles Times che avrebbe trascorso circa 30 minuti ogni giorno a ballare – nel personaggio – durante le riprese, e questo l’ha costretta a provare tutti i tipi di sentimenti. “Alcuni giorni ero fottutamente arrabbiato, altri giorni ero un disastro assoluto. Alcuni giorni provavo un desiderio immenso. Sentivo il bisogno, la brama e il desiderio. E a volte mi sentivo davvero piccolo, solo e stupido, e poi a volte davvero vendicativo”, ha spiegato. Alla fine, però, l’ha accolta. Dopo la prima di Venezia, c’è stata una “grande festa da ballo” e Stewart ha partecipato – pienamente. “Penso di aver perso cinque libbre di sudore quella notte”, ha detto al LA Times.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui