L’incontro tra la principessa Diana e l’allora giornalista della BBC Martin Bashir nel novembre 1995 ha segnato una pietra miliare nella storia recente della famiglia reale britannica. Come riportato da People, la regina Elisabetta II ha preso provvedimenti decisivi per interferire nel matrimonio di Diana e del principe Carlo e ha ordinato loro di chiedere il divorzio dopo l’intervista bomba, in cui la principessa ha esposto i dettagli della sua vita privata in un modo che non era mai stato fatto prima da qualsiasi reale in servizio, secondo la BBC. Quasi 23 milioni di telespettatori si sono sintonizzati per guardare l’intervista nel Regno Unito, un numero che all’epoca rappresentava quasi il 40% della popolazione, ha osservato news.com.au.

Questioni etiche su come Bashir si assicurò l’intervista furono sollevate l’anno successivo, quando due giornalisti britannici lo accusarono di aver falsificato estratti conto bancari nel settembre 1995 per mostrarlo al fratello di Diana, Charles Spencer, secondo The Guardian. I giornalisti hanno sostenuto che Bashir ha usato i documenti come prova che qualcuno nell’ufficio di Spencer stava perdendo informazioni su Diana, secondo il rapporto. In tal modo, Bashir sperava che Spencer convincesse sua sorella a condividere la sua versione della storia. Due mesi dopo, lo fece.

Un’indagine interna della BBC ha scagionato Bashir dalle accuse in parte perché Diana aveva espresso che avrebbe fatto l’intervista a prescindere, secondo The Guardian. Tuttavia, un’indagine del 2021 guidata dall’ex giudice Lord John Dyson ha dichiarato Bashir colpevole di aver usato l’inganno per ottenere lo scoop, secondo il rapporto della BBC. La rete britannica sta ora cercando di fare ammenda. Continua a leggere per sapere come.

Secondo quanto riferito, la BBC ha intenzione di donare i proventi dell’intervista in beneficenza

Dopo essere stata criticata per i risultati rivelati dall’inchiesta di Los Dyson, la BBC si è scusata con i membri della famiglia reale britannica, tra cui il principe Carlo e i due figli suoi e della principessa Diana, il principe Willian e il principe Harry. Ora, secondo quanto riferito, la rete è pronta a compiere passi concreti per correggere il torto accettando di donare $ 2 milioni a un ente di beneficenza scelto dalla famiglia reale, secondo quanto riportato dal Daily Mail il 14 agosto.

Questo è quanto la BBC ha guadagnato vendendo i diritti dell’intervista di Martin Bashir con l’amata defunta principessa, secondo il rapporto. “Questa è una decisione ammirevole, anche se ovviamente non può annullare il danno che è stato fatto o cancellare la colpa della BBC”, ha detto alla pubblicazione l’amica di Diana, Rosa Monckton. Né la BBC né Kensington Palace hanno confermato la notizia, ha osservato il Daily Mail.

William e Harry, che hanno entrambi criticato la BBC per l’intervista, probabilmente avranno voce in capitolo su quale beneficenza riceverà la somma, secondo il Daily Mail. Charles Spencer sostiene che i documenti falsificati sono stati cruciali nel suo coinvolgimento per garantire l’incontro tra Diana e la rete perché lo hanno convinto che persone vicine alla sua famiglia li stavano spiando, secondo People. “Questo è ciò che mi ha portato a parlare con Diana di queste cose”, ha detto. “Questo a sua volta ha portato all’incontro in cui ho presentato Diana a Bashir, il 19 settembre 1995. Questo ha poi portato all’intervista.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui