Sulla scia della fatale sparatoria sul set, in cui Alec Baldwin ha sparato male con la pistola di scena che ha ucciso Halyna Hutchins, i sostenitori chiedono un cambiamento a Hollywood. Durante una veglia in onore di Hutchins il 24 ottobre, Stephen Lighthill, presidente dell’American Society of Cinematographers American Film Institute, ha parlato di tenere le armi lontane dai set televisivi e cinematografici. Vanity Fair ha riferito che Lighthill ha detto: “Vorrei che tu iniziassi una conversazione sulle pistole funzionali sul set. Non c’è posto per le armi che possono uccidere su un set cinematografico”.

La morte di Hutchins riflette un problema sistemico nell’industria dell’intrattenimento. La domanda di contenuti originali, guidata da piattaforme di streaming come Netflix, Amazon e altre, ha cambiato la produzione televisiva e cinematografica. Ad esempio, le serie TV con script sono passate da 216 nel 2010 a 532 nel 2019, secondo una ricerca di FX Networks (tramite il New York Times). Lo streaming ha cambiato il modello di business dell’intrattenimento e le produzioni sono sotto pressione per fornire il prodotto più velocemente e con budget inferiori.

La domanda di contenuti ha aumentato le risorse e mancano membri dell’equipaggio esperti. Un produttore veterano ha detto a Variety: “In alcuni posti, non puoi trovare persone qualificate per questi lavori, quindi prendi (equipaggio) con pochissima esperienza”. Variety ha anche riferito che il minor costo di ingresso dei contenuti in streaming attrae le aziende senza esperienza di intrattenimento per la produzione di film. Streamline Global, una delle entità di produzione coinvolte in “Rust”, è stata fondata nel 2017. Il co-fondatore di Streamline ha dichiarato a Variety nel 2017, “I film sono il sottoprodotto delle strategie di pianificazione fiscale complete che impieghiamo per i nostri clienti”. (Um, cosa?) Tuttavia, la morte di Hutchins potrebbe cambiare Hollywood.

I sostenitori vogliono che Hollywood vieti le armi da fuoco vere dai set televisivi e cinematografici

Una petizione di Change.org che vieta le armi da fuoco vere sui set e richiede migliori condizioni di lavoro per i membri della troupe ha più di 29.000 firme al 25 ottobre. La petizione chiama Alec Baldwin a “usare il suo potere e la sua influenza nell’industria cinematografica di Hollywood”. Il regista Bandar Albuliwi ha lanciato la petizione il 23 ottobre per conto della sua amica Halyna Hutchins. Albuliwi ha scritto: “Abbiamo perso un direttore della fotografia incredibilmente talentuoso sul set del film ‘Rust’, a causa di una pistola vera che è stata scaricata con dentro munizioni vere. Sono scioccato e insensibile nel profondo”.

Il regista ha reso omaggio a Hutchins nella petizione e ha dichiarato: “Dobbiamo assicurarci che questa tragedia evitabile non si ripeta mai più… Non ci sono scuse perché accada qualcosa del genere nel 21° secolo. Le armi vere non sono più necessarie su set di produzione cinematografica.” La petizione è stata condivisa sui social da attori e registi. Direttore Olivia Wilde ha twittato, “Hollywood: è tempo di creare “Halyna’s Law”, che vieterà l’uso di armi da fuoco vere sui set di produzione cinematografica e creerà un ambiente di lavoro sicuro per tutti i soggetti coinvolti. – Firma la petizione! https://chng.it/MB9vCkr2 via @ Modificare.” Vi terremo aggiornati su come si sviluppa questo importante movimento a Hollywood.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui