“A League of Their Own” ha molte battute e personaggi iconici. “Non si piange nel baseball” è sopravvissuto, così come il ricordo positivo di Dottie, Kit, Doris e Marla Hooch. Insieme a tutto il divertimento di questo dramma storico c’era “All The Way” Mae Mordabito, interpretata da Madonna. Lei e le altre donne che componevano i Rockford Peaches hanno rubato il cuore degli spettatori proprio come le giocatrici di baseball della vita reale hanno rubato quello americano.

Ma anche se i Rockford Peaches e le donne in “A League of Their Own” hanno realizzato un film divertente con la pop star di fama mondiale Madonna, non tutti hanno apprezzato il fatto che la cantante abbia prenotato il ruolo. Debra Winger, che era stata originariamente scelta per il ruolo di Dottie di Geena Davis, ha detto di aver lasciato la produzione perché della Madonna. Winger ha detto a The Telegraph nell’agosto 2021 (tramite Today) che una volta scelta la pop star, sentiva che sarebbe stato “un film di Elvis”. Allora, perché Madonna è stata scelta in primo luogo? Perché nessuno si adatta meglio al ruolo, ecco perché.

Madonna ha interpretato il ruolo di ‘All The Way’ Mae

Il personaggio di Madonna, Mae, è stato ispirato dalla vera giocatrice della All-American Girls Professional Baseball League Faye Dancer, alias “All The Way Faye”. Secondo il Washington Post, Dancer era una grande giocatrice, una burlone che non lasciava mai riposare i suoi accompagnatori, e aveva una diapositiva caratteristica che Mae fa dolorosamente in “A League of Their Own” con un sorriso per la folla. “Mi sono sempre divertito, alzando la gonna per i fan, facendo le spaccate e le verticali quando i giochi si sono calmati”, ha detto Dancer nel 1992, secondo The Post. L’ex giocatore di baseball è morto il 22 maggio 2002.

Tom Hanks ha detto a Entertainment Tonight nel 1992 che “nessuno sapeva cosa aspettarsi dall’icona culturale più riconoscibile e popolare del mondo” quando gli è stato chiesto di lavorare con Madonna. “Aveva una personalità distinta ed è interessante abituarsi dopo un po’”, ha detto.

Con ciò, Hanks intendeva dire che il cantante era qualcuno “che ha visto moltissimo” e “che ha passato molto tempo”. Alcuni direbbero che questo è simile alla caratterizzazione di Mae. “All The Way” Mae sa quanto è attraente e lo usa a suo vantaggio. Ma, sotto tutto, ha ancora dei sentimenti e non è così dura come potrebbe far credere. “Ho finito per piacermi. Ho pensato che fosse carina. Ho pensato che fosse bella”, ha condiviso Hanks.

Madonna ha avuto un impatto positivo sui suoi co-protagonisti

Oltre a interpretare meravigliosamente Mae e diventare praticamente “[part] dell’ensemble”, secondo Tom Hanks, Madonna ha avuto un impatto duraturo sui suoi compagni di cast (tramite Entertainment Tonight). In particolare, Rosie O’Donnell, che interpretava Doris Murphy, e Madonna sono diventate subito amiche.

“Rosie non aveva paura di Madonna”, ha detto Megan Cavanagh a Entertainment Weekly nel 1992 (tramite E! News). “[O’Donnell] ha fatto quello che voleva fare, e penso che Madonna l’abbia amato”. Ad esempio, O’Donnell ha dimostrato quanto non avesse paura dell’icona pop cantando i brani di Madonna sul set. “Rosie cantava tutto ‘Holiday’, e Madonna si arrabbiava con lei e diceva: ‘Non cantare mai più una delle mie canzoni'”, ha aggiunto Cavanagh. “E il giorno dopo, [O’Donnell would] esci e canta “Vogue”. È stato così divertente guardarla mentre lo faceva”.

L’impatto positivo di Madonna è probabilmente derivato dal fatto che lei voleva assolutamente essere lì, secondo il produttore Robert Greenhut. Ha detto a ESPNW che, anche quando ha detto alla cantante che ha pagato “pochissimi soldi” rispetto agli altri suoi progetti, Madonna ha detto che “voleva essere diversa nella sua carriera” (tramite E! News). E ha detto che era “alla fine… una dolcezza”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui