Mentre il conto alla rovescia per il processo dell’ex CEO di Theranos Elizabeth Holmes il 31 agosto si avvicina alla sua inevitabile fine, sembra che Holmes stia ricevendo ancora una volta un rinnovato interesse per il suo caso. Holmes, che è stato accusato nel 2018 di molteplici accuse di frode telematica e cospirazione per commettere frodi telematiche, ha trascorso i quasi 15 anni precedenti a raccogliere milioni e milioni di dollari in contanti dagli investitori per produrre una macchina delle dimensioni di una stampante chiamata Edison, che ha affermato potrebbe eseguire centinaia di test diagnostici per i pazienti con solo una semplice estrazione pari a una goccia di sangue. (Come suggerirebbe la sua accusa nel 2018, nessuna tecnologia del genere esisteva effettivamente per realizzare il suo dispositivo potenzialmente rivoluzionario.)

Considerando che Holmes era, prima delle accuse, considerata un’icona della Silicon Valley a pieno titolo – e persino diventando la prima donna in assoluto ad abbellire la copertina della rivista Fortune – la copertura della sua rapida caduta, insieme al suo impero di Theranos, era vasto. La creazione di un libro di John Carreyrou, il giornalista del Wall Street Journal che è stato in gran parte responsabile della scoperta della sua presunta, vasta truffa, un podcast popolare, un documentario della HBO e altro, sembravano, a modo loro, tentare di rispondere a una domanda simile: cosa ha spinto Holmes a commettere la sua presunta lunga truffa? E la sua educazione familiare, e forse il suo rapporto con i suoi genitori allora e adesso, potrebbero fornire delle risposte?

I genitori di Elizabeth Holmes sembravano spingerla al limite

Secondo un articolo pubblicato da Forbes nel 2019, un vicino di casa della famiglia Holmes – uno che è anche uno psichiatra – ha fornito alcune informazioni non solo sull’educazione di Elizabeth Holmes, ma anche sul suo rapporto con i suoi genitori. George Fuisz, che conosceva Holmes da quando era bambina, cresciuta in un sobborgo di Washington, DC, in Virginia, ha detto alla rivista che il padre di Holmes, Christian, e sua madre, Noel, erano persone che “aspiravano a usare le loro connessioni con Washington per ottenere soldi”. Sebbene Fuisz sostenesse che sia Noel che Christian erano “gelosi” della famiglia Fuisz per il loro successo professionale, e in particolare per l’altra carriera di Fuisz come inventore e per i suoi numerosi brevetti approvati, disse anche che gli Holmes spinsero Elizabeth verso Fuisz affinché lui potesse guidarla ufficiosamente.

“Noel ha programmato Elizabeth per essere come me, inventare e imparare una lingua”, ha ricordato Fuisz, prima di criticare quello che considerava un comportamento malsano nel modo in cui erano genitori del loro bambino. “Sono uno psichiatra e un medico di famiglia e direi a un padre e a una madre di non trattare il loro bambino in quel modo. Sarà quello che sarà. Non spingerla in qualcosa che non vuole fare”, ha detto. notato. “Nelle foto che ho con la nostra famiglia è ritirata. È sempre tirata da parte e non era naturalmente emotiva da bambina”.

I genitori di Elizabeth Holmes hanno avuto un controllo su di lei fino all’età adulta

Come ha ricordato anche George Fuisz nella sua intervista del 2019 con Forbes, i suoi genitori sono stati quelli che hanno tentato di spingerla a frequentare la Stanford University – la stessa scuola in cui alla fine avrebbe sviluppato la sua idea per Theranos e la Edison, e infamemente abbandonata per per inseguire il suo sogno e la sua azienda nel 2003 all’età di 19 anni.

Tuttavia, secondo Fuisz, i voti di Holmes non erano esattamente all’altezza, quindi per portare la figlia a Stanford, sia Christian che Noel Holmes hanno insistito perché si iscriva a un programma pre-universitario di Stanford per studiare il mandarino, un’opportunità che Holmes ha insieme, anche se a malincuore. “Elizabeth chiamava la casa dalla Cina piangendo”, ha detto Fuisz. “Noel rispondeva alle chiamate di Elizabeth e chiedeva alla mia ex moglie di rispondere. Elizabeth ha detto: ‘Le persone sono sporche, l’hotel è sporco e voglio tornare a casa.’ Ma Noel le avrebbe detto di smetterla di lamentarsi e di seguire il programma.'”

Da adulta, la madre di Holmes ha detto a Fortune nel 2014 (per Heavy) di essere stata determinante nella supervisione della prima domanda di brevetto di Holmes. “L’ho vista sedersi al computer e per cinque-sei giorni si è alzata a malapena”. Noel ha continuato: “Le portavo del cibo ogni tanto, e dormiva forse una o due ore a notte per cinque notti”. Secondo Fuisz, Noel era anche responsabile di aiutare sua figlia a garantire gli investitori durante i primi anni di Theranos.

I genitori di Elizabeth Holmes hanno difeso la voce controversa della figlia

Mentre la relazione tra Elizabeth Holmes ei suoi genitori durante i suoi anni formativi può essere facilmente ricercata attraverso le testimonianze di coloro che conoscevano la famiglia, è meno facile discernere dove si trova oggi la loro relazione. Sebbene Noel e Christian Holmes non abbiano parlato pubblicamente della loro figlia o del suo imminente processo per frode telematica previsto per la fine di agosto, sembra che l’ultima volta che hanno commentato alla stampa la loro figlia sia stato nel 2019, ma invece di parlare del suo processo, entrambi si è preso il tempo di difenderla dai commenti sulla sua voce parlante.

Come molti ricorderanno, uno dei fattori intriganti dell’ex CEO di Theranos è stato il modo in cui si è presentata, compresa la sua inclinazione a indossare dolcevita neri nello stile di Steve Jobs di Apple, che lei apparentemente idolatrava, così come l’insolito profondo qualità della sua voce. Come è stato successivamente scoperto e discusso in documentari come “The Inventor”, il baritono era apparentemente artificioso, mentre la sua voce naturale parlava molto più alta. Tuttavia, secondo TMZ (tramite The Cut), hanno insistito sul fatto che la voce fosse reale e che la nonna di Holmes avesse effettivamente condiviso lo stesso tratto. Hanno anche affermato di essere stati al fianco della figlia nonostante le accuse contro di lei in quel momento. Ma saranno al suo fianco quando inizierà il processo? Solo il tempo lo dirà…

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui