Nei panni di Notorious BIG, Sean “Puff Daddy” Combs e Mase una volta si sono espressi in modo poetico, “Mo soldi, mo problemi”.

Alcuni potrebbero obiettare che Sarah Ferguson, la duchessa di York, si legge più come un ammonimento che come una fiaba. La storia racconta che Ferguson fu spazzata via dal principe Andrea nel 1985 dopo aver ricevuto un invito al Royal Ascot per volere della principessa Diana. (Pensa: principessa di giorno, sensale di notte.) Secondo The Week, la giovane coppia reale si sposa nel 1986 e dà il benvenuto a due piccole principesse: Beatrice nel 1988 ed Eugenie nel 1990. Purtroppo, la loro storia d’amore non è mai finita felicemente dopo. Nel 1992 la coppia si separò legalmente tra le accuse dilaganti secondo cui Ferguson era stato infedele e nel 1996 il principe Andrew e Ferguson divorziarono ufficialmente. Purtroppo, tuttavia, la separazione e il successivo divorzio si sarebbero rivelati solo l’inizio di una serie di sfortunati eventi nella vita di Ferguson.

È stato ampiamente riportato nel 2010 che la duchessa era sul punto di dichiarare bancarotta, la prima volta per qualsiasi membro della famiglia reale. Ma come ha fatto la duchessa a perdere così tanti soldi, incluso il suo accordo di divorzio e i guadagni come portavoce di Weight Watchers? La risposta potrebbe sorprenderti.

L’Hartmoor di Sarah Ferguson si è rivelato un incubo finanziario

Hartmoor ha spezzato il cuore di Sarah Ferguson e bruciato attraverso il suo portafoglio.

Ferguson ha detto alla rivista Hello nel 2009 che è stato il suo marchio di lifestyle e benessere a lasciarla “in bilico sull’orlo del fallimento” (tramite Royal Musings). “Ho investito tutti i miei soldi in Hartmoor, la mia compagnia di lifestyle americana, tutto quello che ho guadagnato dal film ‘Young Victoria’ [as producer] e i miei libri ‘Little Red’ e ho perso tutto”, ha rivelato. Purtroppo, tuttavia, il rischio calcolato non ha pagato. “Potrei scrivere un libro davvero interessante sulla finanza per le donne, e il primo consiglio che ho non cederebbe mai la tua proprietà intellettuale. Non avrai alcun controllo sulla tua vita. Questo è quello che è successo a me”, ha confessato (tramite ABC News).

Tuttavia, Ferguson era fermamente convinta che mentre era stata giù, di certo non era fuori. “Non sono al verde, non vado in bancarotta, né mi arrendo”, ha dichiarato. E per quanto riguarda i suoi investitori? La duchessa ha promesso che si sarebbe presa cura anche di loro. “Ora sono fuori dai guai e non deluderò le persone che hanno investito in me”. E mentre sembra che Ferguson alla fine abbia saldato tutti i suoi debiti in sospeso, anche il modo in cui li ha ripagati sarebbe stato messo in discussione.

Jeffrey Epstein ha aiutato Sarah Ferguson con il suo debito in sospeso

Tutte le strade riconducono al condannato per reati sessuali Jeffrey Epstein.

Come riportato da The Telegraph nel 2011, è stato Epstein ad aiutare a tirare fuori Sarah Ferguson dal buco finanziario in cui si è trovata… per un importo di £ 15.000 o circa $ 24.000. Come si può immaginare, quella particolare decisione si rivelò quella che sarebbe tornata a perseguitare la duchessa. “Personalmente, a nome mio, sono profondamente dispiaciuto che Jeffrey Epstein sia stato coinvolto in qualche modo con me. Detesto la pedofilia e qualsiasi abuso sessuale sui bambini e so che questo è stato un gigantesco errore di giudizio da parte mia. Sono così contrito Non posso dirlo”, ha detto Ferguson all’Evening Standard nel 2011 (tramite Daily News). “Ogni volta che posso, rimborserò i soldi e non avrò mai più nulla a che fare con Jeffrey Epstein”, ha promesso. Purtroppo, Epstein è riuscito a sollevare ancora una volta la sua brutta testa nella vita di Ferguson. Nell’aprile 2015, sono stati i rapporti del suo ex marito con Jeffrey Epstein a gettare un’ombra oscura sull’intera famiglia reale. Di conseguenza, il principe Andrea fu privato dei suoi titoli militari e dei suoi patrocini reali.

Come dice un vecchio proverbio, “se ti corichi con i cani, ti alzi con le pulci”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui