Matthew Perry sorride

Phillip Faraone/Getty Images

Matthew Perry è stato legato a molte donne nel corso della sua vita, ma è stato l’unico membro del cast di “Friends” a non essersi mai sposato. L’anno prima della sua prematura scomparsa, l’attore ha parlato delle sue relazioni passate, ammettendo che la sua paura dell’abbandono ha avuto un ruolo nel sabotarne la maggior parte, se non tutte.

La storia degli appuntamenti di Perry prevede una serie di storie d’amore di alto profilo, inclusa una breve avventura con Gwyneth Paltrow e le relazioni con Julia Roberts e la star di “Mean Girls” Lizzy Caplan. Si era anche fidanzato con la sua manager letteraria, Molly Hurwitz. In un’intervista conGQ, l’attore ha ammesso di essere responsabile della fine di queste relazioni, citando l’insicurezza come motivo principale. “Li lascio perché ho una paura mortale che scoprano che non sono abbastanza, che non contano e che sono troppo bisognoso, e che mi lascino e questo finirà per annientatemi e dovrò drogarmi e questo mi ucciderà,” ha condiviso. “Ecco perché ho rotto con queste donne meravigliose che hanno incrociato il mio cammino… E ora sono tutte andate avanti, tutte, e sono sposate e hanno figli… Sono tutte felici, il che è fantastico, ma sono io quello seduto da solo in una sala di proiezione.”

Fortunatamente, Perry aveva superato i suoi problemi legati all’impegno prima della sua morte. Ha anche espresso il desiderio di stabilirsi finalmente e mettere su famiglia.

Matthew Perry desiderava avere una propria famiglia

Matthew Perry in posa

Giovani immagini di Hollywood/Getty

Nel mezzo delle sue relazioni fallite, Matthew Perry aveva espresso da tempo il desiderio di fondare una propria famiglia. Nel 2004, quando finì “Friends”, descrisse la sua vita ideale, che includeva avere figli. “In un mondo perfetto, il mio gioco di tennis migliora ,” disse Linea di film. “Ho figli e una bellissima moglie e vivo su una collina da qualche parte che non è a Los Angeles. E la sceneggiatura che Tom Hanks ha appena rifiutato finisce nelle mie mani.”

Ma la vita era diversa per Perry. La star ha avuto una battaglia molto pubblica contro l’abuso di sostanze, che ha superato solo nel 2021 e di cui ha parlato apertamente. Ha condiviso tutto della sua esperienza nel suo libro di memorie “Amici, amanti e la grande cosa terribile”, sottolineando che la sua dipendenza ha fatto deragliare i suoi piani. Ma si era avvicinato al suo sogno quando aveva una relazione con Lizzy Caplan, alla quale aveva quasi chiesto di sposarlo.

“Per Natale, avevo pagato un’enorme somma di denaro affinché un artista dipingesse noi due. Il mio piano era di regalarle il dipinto e poi fare la domanda… beh, non l’ho mai fatta… E così Era ora, tutto quello che dovevo fare era dire: ‘Tesoro, ti amo. Vuoi…’ Ma non l’ho detto. Tutte le mie paure si sono impennate come un serpente,'” ha ammesso. “Penso spesso se lo avessi chiesto [her to marry me], ora avremmo due figli e una casa. Invece, sono un idiota che è solo a casa sua a 53 anni.”

Pensava che avrebbe fatto un buon lavoro come papà

Matthew Perry sorride

s_bukley/Shutterstock

Matthew Perry si era sempre immaginato come un papà affettuoso. Attribuiva questo alla sua esperienza nel prendersi cura dei suoi fratelli più piccoli e dei suoi figliocci, per i quali, a dire il vero, aveva tutti un debole. “Mi piacerebbe avere dei figli un giorno. In effetti, io” Sono abbastanza bravo con loro. Sono cresciuto con cinque fratellastri, il più giovane dei quali ha 11 anni meno di me, quindi penso di aver imparato alcune abilità genitoriali piuttosto interessanti abbastanza presto nella vita,” ha condiviso con Mail giornaliera nel 2009. “Sono cresciuto facendo da babysitter e mi è sempre piaciuto. Amo la famiglia. Un paio dei miei amici più cari hanno dei figli e io sono il loro padrino, ed è uno dei miei più grandi piaceri della vita, andarli a prendere a scuola e appendere fuori con loro. Quindi forse un giorno.”

Anche se l’opportunità purtroppo non si è mai presentata, Perry ha raggiunto con orgoglio un punto di svolta nella sua vita che lo ha liberato dalle sue riserve di vecchia data riguardo al sistemarsi con qualcuno. “Ci sono voluti decenni per farlo, ma l’ho fatto”, ha detto a GQ. “Credo di essere abbastanza, di non essere troppo bisognoso e di contare davvero. Alla fine, ha finalmente realizzato il suo potenziale per essere l’uomo di casa.” essere un papà eccezionale. E ora penso che sarei un buon marito. Ma non allora.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui