I Vendicatori stanno finalmente iniziando a riunirsi per sostenere la loro co-protagonista Scarlett Johansson.

L’attrice supereroina ha fatto notizia dopo aver intentato una causa contro la Disney per l’uscita del suo film acclamato dalla critica “Black Widow” sul sito di streaming Disney+. Secondo il Wall Street Journal, Johansson sostiene che la Disney abbia rotto il contratto quando la società ha deciso di rilasciare il film Marvel sull’app di streaming nello stesso momento in cui il film è uscito nei cinema, il che a sua volta ha incasinato il suo stipendio. L’outlet ha riferito che la star di “Marriage Story” ha perso 50 milioni di dollari a causa delle vendite in streaming per Disney+ che si sono ridotte alle vendite del cinema, che è il modo principale in cui Johansson viene pagato per il film. Disney+ ha incassato ben 60 milioni di dollari per “Black Widow”, mentre Disney ha guadagnato 158 milioni di dollari nei cinema.

Nonostante la Disney abbia risposto all’attore, sostenendo che la sua causa non aveva “nessun merito”, i co-protagonisti di “Avengers” di Johansson stanno iniziando a difenderla, a cominciare da Elizabeth Olsen. Continua a scorrere per sapere cosa aveva da dire.

Elizabeth Olsen ha sostenuto la decisione di Scarlett Johansson

Elizabeth Olsen interpreta Scarlet Witch, o Wanda Maximoff, in “Avengers: Endgame” e “Avengers: Infinity War” della Disney e ha avuto una certa esperienza nella battaglia tra streaming, teatro e TV. Parlando con Vanity Fair il 20 agosto, si è aperta sul motivo per cui la causa di Scarlett Johansson contro la Disney l’ha colpita.

“Ero ansioso di entrare in Disney+. Ma sapevo che era Disney”, ha condiviso Olsen, riferendosi all’iscrizione a “WandaVision”, la sua serie di streaming di successo. L’attore ha continuato a condividere che quando si tratta della grande causa di Johansson, non è “preoccupata per conto di Scarlett”, ma “preoccupata per i piccoli film che hanno l’opportunità di essere visti nei cinema”. Olsen ha poi fornito il suo supporto alla sua co-protagonista, aggiungendo: “Penso che sia così dura e letteralmente quando ho letto che ero tipo, ‘Buon per te, Scarlett'”. L’attore ha continuato, “Quando si tratta di attori e dei loro guadagni , voglio dire, è solo, sono solo tutti i contratti. Quindi o è nel contratto o non lo è.

L’intervista di Vanity Fair includeva anche l’ex co-protagonista di “Kodachrome” di Olsen, Jason Sudeikis, che ha detto all’outlet che la causa di Johansson è “appropriatamente tosta e di marca”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui