Sembra, in una metafora davvero mista, che probabilmente il “rocketman” più amato al mondo potrebbe dire addio alla strada di mattoni gialli. Come riportato dal New York Post il 23 giugno, il cantautore britannico Elton John ha confermato le date del suo prossimo tour di addio, uno che, come suggerisce il nome, sarà presumibilmente la sua ultima incursione sul palco in una serie di spettacoli in tutto il Nord America ed Europa.

“Gli spettacoli che annuncio oggi saranno le mie ultime date del tour in Nord America e in Europa”, ha dichiarato l’annuncio, che è stato pubblicato sul suo sito Web, in merito alla terza tappa a lungo ritardata del suo addio al pubblico come artista itinerante, che è stato sospeso nel 2020 a causa della pandemia di coronavirus (tramite la Posta). “Ho intenzione di uscire nel miglior modo possibile”, ha aggiunto John, affermando che si esibirà “al mio meglio, con la produzione più spettacolare che abbia mai avuto, suonando in luoghi che hanno significato così tanto per me durante la mia carriera.”

Ma nonostante la dichiarazione del lodato pianista e produttore, è davvero la fine dei giorni di tour di John? E ci sono prove che in qualche modo, in qualche modo, il suo tour finale non sarà l’ultimo? Continuate a leggere per scoprirlo.

Potrebbe essere questa la fine della strada di mattoni gialli per Elton John?

Come ha notato la CNN nella loro copertura, l’ultimo tour di Elton John ha, in un certo senso, anni di lavoro. Mentre il tour stesso era stato sospeso in precedenza nel 2020 a causa di COVID-19, è iniziato quasi due anni prima della pandemia, quando John ha suonato per i frequentatori di concerti ad Allentown, in Pennsylvania, al concerto di debutto del tour nel 2018. E mentre il New York Post ha sottolineato che in una precedente intervista del 2020 il Piano Man ha dichiarato che all’epoca si stava “divertendo il tempo a casa” con suo marito, David Furnish, e i loro due figli, ancora “davvero [missed] essere sulla strada e esibirsi.”

Tuttavia, come riportato anche dal Post, il tour proposto da John sarà un addio prolungato, categoricamente parlando. L’ultima tappa si svolgerà nel corso di 17 mesi, con tappe nelle principali città degli Stati Uniti come New York, Houston, Detroit e Miami, oltre a metropoli europee tra cui Berlino. Il concerto finale proposto non si terrà né in Europa né in Nord America, ma si concluderà nella città neozelandese di Auckland nel 2023. Ma secondo Bustle nel 2019, il suo ritiro dal tour non significa che si ritirerà dalla musica, cosa che ha intenzione di continuare a fare. Non è nemmeno la prima volta che John annuncia un addio o un ritiro, il primo dei quali è avvenuto nel 1977.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui