Fu il disagio economico a introdurre Barbara Eden nel mondo dello spettacolo. Un prodotto della Grande Depressione, la madre di Eden, Alice Mary, ha usato la sua voce dolce e la sua creatività per intrattenere le sue figlie cantando quando i soldi erano a corto, ha osservato Syfy. “Per quanto poveri fossero i miei genitori, non avevano ancora dimenticato come amare, come ridere e come sognare”, ha spiegato Eden nel suo libro di memorie del 2011 “Jeannie Out of the Bottle”. Quando Eden ha mostrato attitudine al canto, sua madre l’ha incoraggiata come meglio poteva. Ben presto, il giovane Eden ha cantato nel coro della chiesa e ha preso lezioni al Conservatory of Music di San Francisco, secondo l’Herald Extra.

Dal canto sono arrivate le esibizioni teatrali, che l’hanno portata a essere scoperta dal regista di Hollywood Mark Robson e a firmare un contratto con la 20th Century Fox, ha riferito l’Arizona Daily Star. Ci sarebbero voluti solo pochi anni prima che Eden si confrontasse con alcuni degli intrattenitori più straordinari della storia, incluso nientemeno che Elvis Presley. E non stiamo parlando di incontri casuali.

Eden è stata scelta per recitare insieme a Presley nel western del 1960 “Flaming Star”, pochi anni prima che diventasse un nome familiare come protagonista di “I Dream of Jeannie”. Il marito di Eden all’epoca, Michael Ansara, si era appena ritrovato senza lavoro a causa dell’inaspettata cancellazione di “Broken Arrow”, quindi la parte è arrivata come una grazia salvifica, ha scritto nel suo libro. Sebbene Eden fosse ormai abituato a volti famosi, incontrare uno dei più grandi era ancora snervante.

Elvis Presley era un fan del marito di Barbara Eden

Barbara Eden incontrò Elvis Presley all’inizio di agosto 1960, quando iniziò la pre-produzione di “Flaming Star”, scrisse in “Jennie Out of the Bottle”. L’attore, ovviamente, conosceva il Re del Rock ‘n’ Roll e le sue esibizioni in “The Ed Sullivan Show”, che sua madre non ha mai perso. “[I] è rimasta colpita dalla sua intensa qualità da star e dal suo sex appeal”, ha scritto. Le sue impressioni su Presley non sono state di aiuto quando l’ha incontrato in carne e ossa. “Ormai avevo incontrato innumerevoli stelle, ma la prospettiva di incontrare il grande Elvis Presley e lavorare al suo fianco erano ancora scoraggianti”, ha spiegato Eden.

Ma Eden aveva una carta nella manica di cui non sapeva nemmeno. A quanto pare, Presley era un fan di “Broken Arrow”, in particolare di Cochise di Michael Ansara. “Questo ha rotto il ghiaccio tra di noi”, ha scritto Eden. Eden era sorpreso che Presley avesse del tempo libero per guardare le serie western in TV, ma ha spiegato che lo spettacolo lo ha aiutato a calmarlo. “Mi ha detto che non poteva lasciare la sua camera d’albergo di notte per paura di essere assalito, quindi è rimasto chiuso dentro e ha guardato la TV per la maggior parte della notte”, ha ricordato.

Quella conversazione ha aperto la porta a molti successivi cuori a cuore, dando a Eden uno sguardo unico su ciò che è successo nella mente di una delle più grandi icone americane di tutti i tempi. “Quella risposta mi ha fornito una visione toccante del mondo di Elvis, che mi ha sorpreso”, rifletté.

Barbara Eden ed Elvis Presley si sono uniti per la dieta

Barbara Eden scoprì presto di avere un’altra cosa in comune con Elvis Presley: la preoccupazione per il loro peso. “Nonostante la mia dieta povera, la mia battaglia contro l’aumento di peso era in corso e l’ho detto a Elvis”, ha scritto in “Jeannie Out of the Bottle”. Con sua sorpresa, Presley ha rivelato le proprie paure. “Ho detto: ‘Beh, non hai problemi. Sei molto magro’. E lui ha detto: ‘No, no, mia mamma era pesante e la prendo. Si vede dalla mia faccia, quindi io bisogna stare molto attenti'”, ha detto Eden a Elvis Australia nel 2008.

In effetti, Presley ha lottato con l’aumento di peso prima della sua morte nel 1977 a 42 anni, ha osservato NPR. A quel punto, il re stava mangiando compulsivamente cibo spazzatura, cedendo alle sue voglie più stravaganti. Nel 1976, Presley volò a Denver solo per concedersi un panino da quasi $ 50 che aveva mangiato lì una volta. Se suona come un costoso Sammie, il Fool’s Gold Loaf costerebbe quasi $ 200 nell’economia di oggi.

Prima di raggiungere quella fase, Presley ha adottato misure estreme per tenere a bada il suo amore per il cibo. A un certo punto, ha iniziato a prendere sedativi per evitare di mangiare, secondo History of Yesterday. “Il cibo è l’unica cosa da cui mi diverto”, ha detto. Le interazioni di Eden con Presley le hanno lasciato un segno. “Ho avuto l’impressione che fosse come una prigione. L’unica volta in cui era libero e felice era quando era sul palco”, ha detto a Elvis Australia.

Se stai lottando con un disturbo alimentare o conosci qualcuno che lo è, l’aiuto è disponibile. Visitare il Sito web della National Eating Disorders Association oppure contatta la Live Helpline di NEDA al numero 1-800-931-2237. Puoi anche ricevere assistenza in caso di crisi 24 ore su 24, 7 giorni su 7 via SMS (inviare NEDA al numero 741-741).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui