Prima che Shailene Woodley diventasse famosa ottenendo un ruolo al fianco di George Clooney in “The Descendants”, stava facendo qualcosa che l’attore di “Burn After Reading” non avrebbe mai potuto farla franca: prendersi una pausa dalla recitazione lavorando in un negozio di abbigliamento.

A quel tempo, Woodley era meglio conosciuto per aver interpretato un’adolescente che rimane incinta in “The Secret Life of the American Teenager”. Anche se non era esattamente una superstar globale come Clooney, a volte i clienti del New York American Apparel, dove è stata assunta nel 2009, pensavano che avesse un aspetto familiare. “Se qualcuno mi riconoscesse, direi semplicemente ‘Oh no, lo capisco molto'”, ha detto Woodley alla rivista Interview. Stava ancora imparando le basi del suo lavoro al dettaglio quando il suo agente l’ha informata che il regista Alexander Payne voleva incontrarla, secondo The Guardian. Woodley finì per recarsi alle Hawaii per lavorare con Payne e Clooney per alcuni mesi invece di continuare a ripiegare le magliette con scollo a V.

Woodley ha detto a TheWrap che all’inizio non aveva idea di chi fosse Payne perché è il tipo di ragazza che preferirebbe arrampicarsi su un albero piuttosto che guardare film molto apprezzati nella speranza di imparare qualcosa che possa giovare alla sua carriera. Tuttavia, il lavoro di Woodley con il regista genererebbe premi e la presenterebbe a Clooney, qualcuno che ha avuto un’influenza positiva sulla sua vita.

George Clooney tollerava l’odore del corpo di Shailene Woodley

In “The Descendants”, Shailene Woodley ha interpretato la caparbia figlia adolescente del personaggio di George Clooney, e Clooney l’ha accolta come una famiglia. “Ero un po’ nervoso la prima volta che l’ho incontrato fino a quando non si è avvicinato a me e mi ha abbracciato enormemente e mi ha detto: ‘Benvenuto, tesoro'”, ha ricordato Woodley a Digital Spy. Nelle interviste, Woodley si è costantemente meravigliato di quanto sia semplice e premuroso Clooney, dicendo a TeenVogue che Clooney ha preparato dei panini da servire al cast e alla troupe. “Sul set, se qualcuno stava attraversando un momento difficile, è stato il primo a offrire assistenza. È semplicemente la persona più generosa che abbia mai incontrato in vita mia”, ha detto a IndieWire.

Mentre Woodley ha detto di non essere stata testimone di nessuno dei famosi scherzi epici di Clooney, ha rivelato che occasionalmente usava un’app per scoregge sul suo telefono per farsi ridere sul set. Era una tale gioia essere intorno che è rimasta in contatto con lui dopo la fine del loro rapporto di lavoro. In “Late Night with Seth Meyers”, Woodley ha detto di aver persino contattato Clooney mentre era in viaggio per l’Italia con un amico. Stavano alloggiando in un ostello e Clooney ha offerto un importante aggiornamento: un soggiorno gratuito nella sua residenza lì. Ha persino mandato la sua Lincoln Town Car a prenderli. “Non facevamo la doccia da forse cinque giorni. Puzzavamo”, ha ricordato Woodley, aggiungendo che era così grata che Clooney non avesse menzionato il loro cattivo odore.

Shailene Woodley e George Clooney sono diventati amici di penna

Parlando con la rivista C, Shailene Woodley ha detto di George Clooney: “È come una figura paterna per me. Sento che con lui avrò sempre un alleato, qualcuno di cui posso fidarmi e di cui fare appello in un momento di grande bisogno”. Ma come ha rivelato la Woodley all’Independent, ci sono state volte in cui ha vissuto senza telefono, il che significa che avrebbe dovuto aspettare molto tempo per avere una risposta da George usando il suo metodo di comunicazione preferito.

In un’intervista con Vulture, Woodley ha espresso la sua passione per la scrittura di lettere scritte a mano alle persone, dicendo che è qualcosa che fa ogni giorno. Ha questo in comune con George, che ha detto a Gayle King, conduttrice di “CBS Mornings”, di aver scritto lettere ad Amal Clooney quando stava cercando di corteggiarla. Secondo Amal, a volte fingeva che provenissero dal suo cane. George divenne anche amico di penna di Woodley. “Ci scriviamo e la considero davvero come la mia figlia maggiore”, ha detto a GQ. “Lei è qualcuno che amo profondamente.”

Woodley ha detto a The Orange County Register che George le ha dato alcuni preziosi consigli paterni, come dirle di assumere il ruolo principale nei film “Divergent”. E se mai volesse diventare una sorella maggiore per i gemelli di George e Amal, quel ruolo potrebbe essere ancora disponibile. “Voglio adottare Shailene”, ha scherzato una volta George a The Insider. “Penso che abbia una grande carriera davanti e possa supportarmi”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui