Nell’ultimo decennio di musica mainstream, i progressi sono lentamente andati avanti nel fornire una rappresentazione e opportunità più forti per una varietà di artisti LGBTQIA+ in una vasta gamma di generi. E nel 2019, la rappresentazione LGBTQIA+ è stata ulteriormente rafforzata dall’apparizione di Montero Lamar Hill – meglio conosciuto come Lil Nas X – un giovane musicista che mescola generi che sembrava non aver paura di sfidare lo status quo della cultura moderna.

Un artista audace e schietto apparentemente guidato dall’autenticità, Lil Nas X sembra avere il desiderio di rimediare ai problemi culturali che hanno reso così difficile il suo viaggio come giovane LGBTQIA+. Di conseguenza, il viaggio di Lil Nas X come artista LGBTQIA+ lo ha visto salire di livello mentre esibisce canzoni, video musicali, post sui social media e scelte di stile che sfidano apertamente il bigottismo e celebrano l’egoismo con orgoglio.

Nell’affrontare il contraccolpo costante per la sua identità da parte dei critici conservatori, Lil Nas X si è rifiutato di sminuire la sua voce o diminuire la sua presenza. Semmai, è uscito più grande, più audace e più rumoroso con ogni critica lanciata contro di lui – ed è stato un viaggio assoluto vederlo farlo. Ecco tutto ciò che devi sapere sull’innovativo viaggio di Lil Nas X come artista LGBTQIA+.

Uscendo al culmine della sua popolarità

Nel bel mezzo della corsa da record di “Old Town Road” in cima alla Billboard Top 100 (tramite Billboard), Lil Nas X ha preso una decisione che temeva potesse “oscurare” la sua carriera (tramite People): è uscito come membro della comunità LGBTQIA+. L’artista rivoluzionario ha fatto l’annuncio alla fine del mese del Pride in a Twitter post punteggiato da un’emoji arcobaleno, “Alcuni di voi già lo sanno, ad alcuni di voi non interessa, ad alcuni di voi non se ne sono più andati”, ha scritto. Ha poi concluso il post suggerendo ai fan di “ascoltare attentamente C7osure”, la sua canzone che esplora l’individualità e la crescita.

In un’intervista con The Guardian, Lil Nas X ha rivelato che la sua sessualità era in precedenza qualcosa che pensava di tenere per sempre per sé, “L’onesta verità è che avevo pianificato di morire con il segreto”, ha detto, “Ma questo è cambiato quando Sono diventato Lil Nas X.” Successivamente, la superstar dell’hip hop è stata promossa come un’influenza positiva e la prova che essere apertamente LGBTQIA+ non dovrebbe essere dannoso per le opportunità di vita o il successo.

Per Today, nel 2021, Lil Nas X ha ricevuto un Honoree ai Native Son Awards, dove ha descritto il coming out come “uno dei momenti più spaventosi” della sua vita, ma uno che sperava avrebbe aperto le porte agli altri. “Troppi dei nostri giovani stanno lottando per trovare accettazione”, ha detto, “Ho preso la decisione di essere me stesso e aprire le porte per il resto della mia vita”.

Ridefinire l’aspetto e i suoni della musica country

Sebbene ci fosse stato un numero crescente di artisti apertamente LGBTQIA+ e artisti neri all’interno della musica country prima del grande successo di “Old Town Road”, il successo della canzone ha aumentato la visibilità dei gruppi emarginati all’interno del genere. Come riportato da GQ, la canzone di successo di Lil Nas X “non è emersa dal vuoto”, con Internet che ha sviluppato una fissazione “sulla maestà del cowboy nero” come parte di ciò che Bri Malandro ha soprannominato “The Yee-Haw Agenda”. ” in una celebrazione della cultura del cowboy nero su Instagram.

Nonostante Lil Nas X sia diventato il primo artista nero apertamente LGBTQIA+ a vincere un premio della Country Music Association (tramite il Los Angeles Times), la legittimità di “Old Town Road” come canzone country è stata messa in discussione quando Billboard l’ha rimossa dalla Hot Country Chart . Secondo CBS News, Billboard ha rilasciato una dichiarazione in cui suggerisce che il successo “non abbraccia abbastanza elementi della musica country di oggi per tracciare la sua versione attuale”.

La decisione ha sollevato le sopracciglia, non da ultimo quelle appartenenti allo stesso artista che ha definito la melodia “una canzone country trap”, e ha sottolineato che “Meant to Be” di Florida Georgia Line e Bebe Rexha era consentita nelle classifiche nazionali e “c’è intrappolare i tamburi su quello.” (tramite cartellone pubblicitario). Parlando con Teen Vogue, Lil Nas X ha definito la scena della musica country “custodita” e ha suggerito che solo “artisti country conosciuti” potevano farla franca con tali esperimenti di genere, ma che “un ragazzo nero che rappa” non può superare le classifiche country facendo lo stesso.

Ha evidenziato le sfide intersezionali affrontate dai neri LGBTQIA+

“Old Town Road” potrebbe aver contribuito ad approfondire le conversazioni sulle persone emarginate all’interno della musica country, ma il coming out di Lil Nas X ha anche generato un dialogo più profondo sulle sfide intersezionali vissute dai neri LGBTQIA+ in generale. Mentre un profilo di Time rifletteva sul giovane “outlier” culturale, “Non ci sono molte stelle nere nella musica country; non ci sono molte stelle queer nell’hip-hop. Non ci sono molte stelle nere nella cultura americana, punto- vuoto.” Lil Nas X ha rotto diverse barriere in un abile colpo e, a detta di tutti, non è stato facile per lui.

In un’intervista con GQ, il rapper ha condiviso che crescere in una famiglia cristiana ad Atlanta “non gli ha permesso lo spazio” per essere se stesso. “Questo è stato uno dei motivi principali per cui non ho mai voluto essere gay”, ha detto, “Ho persino pensato… ‘Se ne andrà. Dio mi sta solo tentando.'” Lil Nas X ha ulteriormente ampliato le difficoltà ha affrontato “crescere per odiare” la sua sessualità da giovane gay nero durante un episodio di “The Shop: Uninterrupted” della HBO. Il comico Kevin Hart ha interrotto il rapper per chiedere “cosa” stava odiando e “perché”, a cui il rapper ha risposto, “Omosessualità, gay” e ha aggiunto: “Dai ora, se sei davvero del quartiere, tu conoscere.”

L’eroe della moda omoerotico dell’hip hop

Lil Nas X non ha solo esteso la sua voce e il suo profilo pubblico per proclamare con orgoglio la sua sessualità (e sostenere altri giovani LGBTQIA+ nel processo); lo ha anche mostrato audacemente attraverso una serie infinita di scelte di stile audaci che hanno sfidato le norme di genere e le aspettative del settore. L’artista stravagante, che una volta ha descritto il suo stile personale come “rischioso, vibrante, camp” (via W), si pavoneggia in strane rivisitazioni di look maschili sul tappeto rosso: un abito in pelle Versace rosa bubblegum, completo di un’imbracatura toracica borchiata (via PopSugar); Un abito di Christopher John Rogers del colore della kryptonite con una camicia zebrata e una combinazione di guanti (tramite Vogue); E un’emozionante culotte, abito halterneck di Andrea Grossi (via Vogue).

Il guardaroba di genere fluido e campy del musicista ha raccolto così ripetuti confronti con i look omoerotici ispirati all’alta moda della serie manga di Hirohiki Araki “Le bizzarre avventure di Jojo” che Lil Nas X ha condiviso un Twitter post dichiarando scherzosamente “per favore smettila di dire che sembro un personaggio di Jojo” – ma il messaggio era chiaro, Lil Nas X non era solo un musicista, era anche un onnipotente eroe LGBTQIA+.

Indossando look sfacciatamente queer, gli abiti da red carpet della star non sono solo una gioiosa celebrazione dell’individualità e dell’orgoglio, ma sono anche una dimostrazione dell’hip hop che viene reindirizzato lontano da ciò che Vogue una volta chiamava “sensibilità spavalda” e “ipermaschile”. tone” che ha continuato a dominare il genere – con qualche eccezione – negli ultimi anni.

Normalizzare il sesso gay nella musica mainstream

Quando Lil Nas X è uscito per la prima volta come parte della comunità LGBTQIA +, i fan sono giunti alle conclusioni immediate che “Old Town Road” riguarda segretamente il sesso gay. “Quindi è questo che intendeva per giro finché non ne posso più”, ha scherzato il rapper Twitter, in risposta alla speculazione, prima di chiudere il dibattito una volta per tutte da scrivere, “‘Old Town Road’ parla letteralmente di cavalli.” Due anni dopo, tuttavia, Lil Nas X ha pronunciato un inno sessuale gay che “Old Town Road” non era – il gloriosamente esplicito “Montero (Call Me By Your Name)”.

Ispirato al film con lo stesso nome – “uno dei primi film gay” che il rapper ha visto – Lil Nas X ha spiegato in un video Genius Verified che la canzone è stata scritta con l’intento di “normalizzare” le linee sulla lussuria gay e il sesso nelle canzoni , “allo stesso modo in cui qualcuno potrebbe parlare di” desiderio eterosessuale e sesso. Il musicista ha aggiunto che sperava che tali linee avrebbero “aprire più porte” per narrazioni più queer all’interno della musica, “Mi sembra che sia davvero importante per la rappresentazione in generale”, ha detto. Un mese dopo l’uscita, la canzone era diventata un bop certificato e stava scalando il livello più alto delle classifiche di Billboard.

Lil Nas X ha celebrato nel modo in cui sa fare meglio: ha preso a Twitter, ha condiviso una clip di “SpongeBob SquarePants” di un personaggio che rideva maliziosamente e con orgoglio puntava il dito contro se stesso, “io dopo aver portato una canzone sul sesso gay in cima alle classifiche di Billboard”.

Celebrare il sacro nel profano

Lil Nas X ha detto molto su come essere cresciuto in una famiglia cristiana conservatrice lo abbia fatto provare vergogna per la sua identità, incluso una volta dicendo a “CBS This Morning” che “pregava, pregava, pregava che” essere gay “era come una fase”. Nel frattempo, su Twitter, i critici lo attaccano regolarmente per aver “venduto la sua anima al diavolo” – o simili – per come celebra con orgoglio la sua sessualità. Per il video di “Montero (Call Me By Your Name,)” Lil Nas X ha capovolto queste connotazioni negative sulla testa per proprio loro.

Ricco di un assortimento di immagini religiose, il video si conclude notoriamente con Lil Nas X che macina un palo dritto fino all’inferno dove macina (e uccide) Satana. I critici hanno celebrato il video come “la più grande e brillante esplosione di orgoglio gay” nella storia dei video musicali (tramite Variety), e per come raffigura un giovane gay che esprime “la sua sessualità esattamente negli stessi termini … [that] le sue controparti etero hanno goduto per decenni” (tramite Variety).

Come riportato da USA Today, Lil Nas X ha subito il contraccolpo degli attivisti cristiani che potrebbero aver preso alla lettera le immagini del video, ma hanno anche colto il punto. Per lo meno, il padre cristiano del rapper ha compreso e rispettato il messaggio. Lil Nas X ha condiviso uno screenshot di un suo messaggio in poi Twitter che diceva in parte: “Video molto creativo… Molto ORGOGLIOSO di te”.

Polemiche sulle 666 paia di calci personalizzati

Perché fermarsi a macinare semplicemente il Principe delle Tenebre quando puoi fare una passeggiata anche nei suoi panni? Lil Nas X ha acceso un focolaio di ulteriori polemiche dopo l’uscita di “Montero (Call Me By Your Name)” collaborando con il collettivo artistico sperimentale MSCHF su un paio di sneakers sataniche. 666 paia di scarpe da ginnastica Nike Air Max sono state messe a disposizione dei fan e 665 paia sono state vendute in “meno di un minuto” (tramite la CNN).

Come ogni buon paio di scarpe sataniche, ogni paio è stato iniettato con una goccia di sangue umano ed è arrivato completo di un ciondolo Pentagramma fissato ai lacci. Come osservato da Vox, la controversia su Satan Shoes è stata una grande promozione per una traccia già calda, ma è stata anche una forma di sconvolgimento culturale queer da parte dell’artista, “Lil Nas X ha messo sangue umano in 666 paia di Nike perché essere queer significa abbracciare la tua cattiveria.”

Nike non era soddisfatta e ha intentato una causa contro MSCHF per “violazione del marchio”, con la società di scarpe da ginnastica scontenta che la scarpa avrebbe probabilmente “causato confusione” e “danno significativo” al marchio, “anche tra i consumatori che credono che Nike stia approvando Satanism” (tramite Rolling Stone.) Lil Nas X non sembrava troppo preoccupato, tuttavia. Tra il contraccolpo, ha pubblicato delle scuse fasulle tramite il suo YouTube che ha posizionato con orgoglio le sue buffonate di Satana da “Montero (Chiamami col tuo nome)” in primo piano, ingannando i suoi peggiori critici per guardare un video che probabilmente disapprovavano.

Usa l’arguzia come arma sui social media

Come probabilmente avrai notato, Lil Nas X non è stato timido nell’usare i social media per condividere verità intime sulla sua vita e identità. Tuttavia, è stato anche rivoluzionario per il modo in cui ha usato la sua piattaforma per colpire i critici conservatori che hanno contestato quanto orgogliosamente e audacemente presenti la sua sessualità.

Che si tratti di servire a glib “Dì che sei eccitato e vai”, per il disgusto dell’attivista anti-LGBTQIA+ Angela Stanton-King per il rapper che “si fa la linguaccia” nella copertina di “Holiday” (tramite Them); trollare i suoi critici da girando intorno al riferimento satanico nascosto e “atdemoneth” (“la comunità blt non lo nasconde nemmeno più smh”); o scrollarsi di dosso il suggerimento che ha “venduto l’anima al diavolo” con il video “Montero (Call Me By Your Name)” di affermando, “chi se ne frega, sembro sexy”, Lil Nas X usa l’umorismo per minare l’incitamento all’odio online e combattere l’omofobia.

I suoi leggendari passaggi su Twitter forniscono un supporto più ampio alla comunità nel suo insieme, con il musicista che una volta ha dichiarato: “Voglio rappresentare al 100% la comunità LGBT”, in un’intervista con The Guardian. “È più facile per me”, ha detto di poter parlare così apertamente della sua sessualità, “Non dipendo da nessuno. Non c’è nessuno che mi butterà fuori di casa”. Altri giovani LGBTQIA+ sui social media potrebbero non essere nella posizione di combattere contro tali commenti, ma Lil Nas X lo è, e lo fa con un sorriso ironico.

Serrando le labbra in diretta TV

Se Lil Nas X non aveva acceso abbastanza la furia conservatrice brandendo una grande torcia di orgoglio gay alimentato dai nuovi fuochi dell’inferno, allora la sua ormai storica performance ai BET Awards lo ha fatto sicuramente. Il rapper ha lasciato a bocca aperta in tutta l’America quando ha pomiciato con uno dei suoi ballerini alla fine della sua esibizione di “Montero (Call Me By Your Name)” – e la gente aveva molto da dire al riguardo. Un fan su Twitter one celebre l’esibizione per spingere in avanti “persone queer più abilitate sessualmente nella cultura pop mainstream”, mentre un altro raggiante, “Se sei cresciuto nero e gay, sai quanto questo sia importante.”

Naturalmente, c’era anche un diluvio di detrattori che consideravano la performance inappropriata per la televisione dal vivo mainstream – e Lil Nas X è rimasto fermo e ha avuto risposte per tutti loro (tramite USA Today). In una risposta a un Tweet poi cancellato, l’artista ha scritto, “lavora su te stesso, amo chi sono e qualunque cosa decida di fare”, mentre un altro lo ha visto riconoscere i propri limiti come artista LGBTQIA+ e come li usa nel suo lavoro, “Sono insicuro riguardo alla mia sessualità. Continuo a hanno una lunga strada da percorrere”, ha ha scritto, “quando sei condizionato dalla società a odiarti per tutta la vita, ci vuole un sacco di disimparare. Ed è esattamente il motivo per cui faccio quello che faccio.”

Nonostante il contraccolpo, TMZ ha riferito che solo tre denunce ufficiali sono state presentate alla Federal Communications Commission.

Una lettera al quattordicenne Montero

L’artista ha mostrato ulteriore sostegno ai suoi giovani fan LGBTQIA+ accompagnando l’uscita di “Montero (Call Me By Your Name)” con una lettera a se stesso quattordicenne, condivisa su Twitter. “Ho scritto una canzone con il nostro nome dentro”, ha iniziato la nota, “so che abbiamo promesso di non uscire mai pubblicamente, so che abbiamo promesso di non essere mai “quel” tipo di persona gay … ma questo aprirà le porte per molte altre persone queer semplicemente esistere.” Firmando teneramente la lettera dicendo “ti mando amore dal futuro”, il rapper ha ammesso liberamente che sebbene “questo è spaventoso”, ha comunque un “programma per far sì che le persone rimangano … fuori dalla vita degli altri e smettano di dettare chi dovrebbero essere».

In un’intervista con Entertainment Weekly, Lil Nas X ha indirizzato la lettera e ha dichiarato come voleva fornire “grazia” a se stesso. “È molto importante… perdonare te stesso per il passato”, ha detto, aggiungendo: “Devi amare e nutrirti”. Si potrebbe obiettare che anche nei suoi momenti più sfacciati e controversi, gran parte del lavoro di Lil Nas X opera dal punto di vista dell’artista che si ama e si nutre nel modo in cui non era in grado di farlo da adolescente.

Spostare la periferica nel mainstream

Non contento di semplicemente abbattere le barriere come artista LGBTQIA+ con la sua musica, Lil Nas X ha anche abbattuto le barriere parlando apertamente e onestamente su argomenti di cui raramente si parla nelle conversazioni tradizionali. Nel 2021, ha ricevuto il plauso per essere uscito come un “power bottom” durante una conversazione con il rapper apertamente gay di Brockhampton Kevin Abstract su Twitter.

Ha poi impreziosito la sua dichiarazione parafrasando scherzosamente il saggio “We Should All Be Feminists” di Chimamanda Ngozi Adichie scrivendo delle sfide che derivano da un atteggiamento così sessuale, “Insegniamo alle nostre natiche a rimpicciolirsi, a farsi più piccole”, ha scritto , “Diciamo ai bassi, puoi avere ambizione, ma non troppo. Dovresti mirare ad avere successo, ma non troppo. Altrimenti, minacceresti i massimi”.

Per chi non ha familiarità, NewNowNext definisce un Power Bottom come qualcuno che “prende il controllo della penetrazione” durante il rapporto e che generalmente “comanda” e “naviga” l’atto. Nel riferire sulla rivelazione di Lil Nas X, Pink News ha suggerito che sta “‘soffiando conversazioni mainstream aperte sulla sessualità’ discutendo argomenti spesso confinati a sex club, stabilimenti balneari e account Twitter anonimi”, secondo la dominatrice Gemma Glitter, che ha aggiunto: “Ogni volta che trascinare queste conversazioni nel mainstream, un segmento della società può uscire dall’ombra e smettere di vergognarsi di chi sono e di cosa gli piace.”

Lil Nas X trova la crescita nell’essere fedele al 100% a se stesso

Quando i musicisti LGBTQIA+ escono allo scoperto, e con la stessa vivacità e audacia di Lil Nas X, spesso ci può essere la preoccupazione che in qualche modo si allontaneranno dalla loro base di fan eterosessuali nel processo, e successivamente perderanno fan e vendite a causa di ciò. Essendo sincero e coraggioso quanto è sulla sua sessualità – e ricevendo le continue critiche da parte dei conservatori anti-omosessuali mentre lo faceva – Lil Nas X ha rivelato di aver rapidamente superato ogni preoccupazione che aveva di sconvolgere o perdere qualcuno dei suoi eterosessuali fan.

Parlando con Entertainment Weekly, il musicista si è aperto sulle sue preoccupazioni iniziali, “All’inizio avevo davvero paura di alienare i miei fan etero”, ha detto, “Ma poi è stato un po’ come se si fossero sentiti offesi, non lo erano mai stati. davvero qui per me. Erano qui per qualunque versione di me stesso si inventassero nella loro testa”. Dopo la sua ormai leggendaria esibizione ai BET Awards, Lil Nas X ha preso a Twitter per condividere quanto sia stato difficile esibirsi, “tremavo sapendo che stavo eseguendo qualcosa del genere di fronte ai miei coetanei etero”, ha detto. E quando gli è stato chiesto perché si fosse “costretto” a farlo se lo trovava così snervante, ha aggiunto che a volte le cose che troviamo difficili sono i compiti più necessari per salire di livello, “Se non ti spingi al di fuori di la tua zona di comfort non crescerai mai.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui