Nell’anno da quando l’ex presidente Donald Trump si è congedato dallo Studio Ovale, l’ex comandante in capo è stato coinvolto in un numero crescente di battaglie legali, con la (probabilmente lontana) possibilità che Trump vedesse l’interno di un’aula di tribunale, se non una cella di prigione. Tra questi ci sono una battaglia in cui Trump potrebbe essere accusato di manomissione elettorale nella contea di Fulton in Georgia e un tuffo legale in corso sulle vicende dell’Organizzazione Trump. Ma ora, secondo un rapporto della CNN del 29 dicembre, sembra che Trump stia tentando di usare la più alta corte del paese – è vero, la Corte Suprema – forse per avere le cose a suo favore.

Secondo la rete, gli avvocati che rappresentano Trump hanno presentato una mozione per mettere un pezzo di rapporto, vale a dire una particolare intervista con un membro di alto profilo del Congresso, sul loro radar. Allora qual è lo scopo della mozione? A cosa è collegato? E quale potrebbe essere la speranza di Trump nell’avvisare i giudici della sua esistenza?

La nuova mozione di Donald Trump è su un membro del comitato della Camera del 6 gennaio

Secondo la CNN, la mozione presentata dal team legale di Donald Trump è stata presentata per segnalare un’intervista del Washington Post con il rappresentante democratico Bennie Thompson. L’intervista, che è stata pubblicata il 23 dicembre, presenta Thompson – che attualmente è presidente della commissione della Camera che indaga sugli eventi che hanno portato all’insurrezione di Capitol Hill il 6 gennaio – che parla del presunto ritardo di Trump nel reprimere le centinaia di rivoltosi che hanno preso d’assalto il Congresso . Parlando al Post, Thompson ha affermato che “l’inosservanza del dovere di Trump ci causa vera preoccupazione” e che tali preoccupazioni potrebbero giustificare un “deferimento criminale” contro Trump al Dipartimento di Giustizia. Thompson ha anche aggiunto che “non ci sarebbe alcuna riluttanza da parte di questo comitato a farlo”.

Il motivo per cui Trump ha presentato la mozione è che l’intera faccenda è, per usare un termine preferito da Trump, una “caccia alle streghe” destinata a perseguire l’ex presidente senza alcun sostegno sostanziale per farlo. Nel documento, secondo la CNN, gli avvocati di Trump hanno affermato che “il Comitato non può prendersi gioco del mandato costituzionale del Congresso secondo cui le sue richieste e le sue indagini devono essere supportate da un ‘valido scopo legislativo'”, definendo l’indagine della commissione della Camera “un’indagine delle forze dell’ordine con la scusa che potrebbe legiferare sulla base delle informazioni che emergono nel corso dell’esplorazione.” Non è noto come la Corte Suprema risponderà al deposito.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui