Molto prima che Alan Dale apparisse in una pletora di serie televisive di grande successo in America, l’attore neozelandese ha avuto un ruolo di lunga data nella soap opera australiana “Neighbors”, secondo IMDb. Dopo otto stagioni sulla soap australiana, Dale ha deciso che voleva tentare la fortuna a Hollywood. “Avevo circa 50 anni, quindi sto pensando, se non lo faccio non lo farò mai”, ha detto al NZ Herald nel 2007. L’attore ha avuto brevi archi narrativi in ​​spettacoli come “ER” e “The X”. -Files” prima di ottenere il ruolo del miliardario connivente Caleb Nichol in “The OC” nel 2003. Sfortunatamente, il personaggio di Dale è stato ucciso senza tante cerimonie. “L’unica discussione che ho avuto è stata quando ho ricevuto la sceneggiatura finale: ‘Ti verrà un attacco di cuore e annegherai in piscina’”, ha ricordato all’Herald. Ahia.

Fortunatamente, il tempo di Dale in “The OC” corrisponde al fatto che è stato scelto per “NCIS” dove interpretava il primo regista della divisione, Tom Morrow. Secondo Express, il vantaggio del regista Morrow era essere abile nel giocare all’interno della sfera politica del lavoro. Alla fine, anche Morrow è stato cancellato dallo spettacolo – ma questa volta il personaggio di Dale non è stato ucciso – poiché ha accettato il lavoro di vice segretario della sicurezza interna. Non è mai stato confermato dall’attore se la scelta di lasciare “NCIS” fosse sua o una decisione dei produttori. Ahimè, continua a leggere per vedere a quali spettacoli popolari ha lavorato in seguito!

Alan Dale ha interpretato un altro personaggio che ha avuto il colpo di grazia

Dopo che Alan Dale aveva lasciato sia “NCIS” che “The OC”, è stato scelto come magnate della rivista Bradford Meade in “Ugly Betty”. A quel punto, l’attore aveva sviluppato un morboso senso dell’umorismo sul modo in cui i suoi personaggi venivano spesso uccisi e su come questo avesse influenzato lo spettacolo. “Sono stato fortunato in molti modi in spettacoli come ‘The OC’ che sono diventati un successo”, ha detto al NZ Herald nel 2007. “Poi me ne vado e muore. È fantastico”.

Il suo personaggio di Bradford Meade in “Ugly Betty” ha incontrato lo stesso destino dei suoi ruoli di “Neighbours” e “OC” poiché è stato, sì, ucciso ancora una volta con un attacco di cuore. “Penso che dovrei entrare nel Guinness dei primati come l’attore che ha avuto il maggior numero di attacchi di cuore in televisione”, ha scherzato con Hobo Trash Can. Ahia!

In seguito, Dale è atterrato in un altro spettacolo molto popolare quando è stato scelto per “Lost” come Charles Widmore. L’attore ha rivelato a Hobo Trash Can di essere un fan della serie prima di ottenere il ruolo, e inizialmente credeva di essere stato assunto per apparire in un solo episodio. “Non sapevo che sarebbe continuato fino alla fine della serie”, ha detto Dale. Quello non è stato l’ultimo ruolo di Dale in una serie ben accolta o l’ultima volta che il suo personaggio ha incontrato una macabra fine …

Anche Alan Dale è apparso in questo show della CW

Alan Dale è tornato alle sue radici da soap opera nel 2017 quando è stato scelto come maggiordomo Joseph Anders nel remake della soap di successo degli anni ’80 “Dynasty”. Come notato da Variety, questa è stata una sorta di reunion, poiché “Dynasty” è stato diretto dal creatore di “The OC” Josh Schwartz. All’inizio della stagione 4, lo spettacolo ha preso in giro un funerale per uno dei personaggi, secondo TV Line. Durante la stagione, Anders di Dale ha subito un infortunio alla costola mentre proteggeva Fallon Carrington e Liam Ridley da aspiranti rapitori. Alla fine, quell’infortunio ha portato alla morte del suo personaggio quando l’infortunio lo ha distratto durante la guida e si è schiantato. Anche se, come sottolineato da The Sun, molti fan credevano che la morte del personaggio di Dale fosse un errore e che fosse ancora vivo. Hmm…

Oltre al lavoro di Dale sul piccolo schermo, è apparso nei film. L’attore è apparso in blockbuster come “The Girl with the Dragon Tattoo” di David Fincher e “Captain America: Winter Soldier”, secondo IMDb. La prolifica star ha ammesso di non essere eccessivamente esigente nella scelta di una parte. “Ascolto gli attori che fanno questo: ‘Sai, scelgo i miei ruoli quando leggo le sceneggiature.’ Quello che scelgo è quello che mi viene offerto”, ha detto Dale al NZ Herald nel 2007. Lo rispettiamo e speriamo che il suo prossimo ruolo importante non veda il suo personaggio… beh, lo sai.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui