Hayden Panettiere sta parlando di una decisione straziante che ha preso per sua figlia, Kaya, che condivide con il suo ex compagno, il pugile Wladimir Klitschko. Us Weekly ha riferito nel 2019 che la famiglia viveva in paesi separati, sostenendo all’epoca che Panettiere non aveva trascorso molto tempo con il suo unico figlio perché viveva con suo padre nel suo paese d’origine, l’Ucraina. “Sa che il bambino che sta con lei non è la cosa migliore per [Kaya right now]. È una situazione triste”, ha condiviso una fonte, sottolineando che la madre di Klitschko stava aiutando a crescere Kaya.

Da allora Panettiere ha parlato della sua decisione di mandare Kaya, che è nata nel 2014, in Europa mentre è rimasta negli Stati Uniti, dicendo a People a giugno che a seguito di un attacco paralizzante di depressione postnatale si è appassionata a pillole e alcol. “Non ho mai avuto la sensazione di voler fare del male a mia figlia, ma non volevo passare del tempo con lei. C’era solo questo colore grigio nella mia vita”, ha spiegato come si è sentita dopo aver accolto Kaya. Panettiere ha condiviso di aver preso la decisione per lei e Kaya di vivere separate nel 2018 dopo essersi svegliata tremante a causa della sua dipendenza dall’alcol. “È stata la cosa più difficile che abbia mai dovuto fare. Ma volevo essere una brava mamma per lei, e a volte questo significa lasciarli andare”.

Ora, l’ex attore di “Nashville” sta facendo ancora più luce sulla sua tragica scelta.

Hayden Panettiere ha ammesso che mandare sua figlia in Ucraina “non era una discussione”

Hayden Panettiere è stata molto sincera sulla sua relazione con sua figlia in “Red Table Talk” con Jada Pinkett Smith e sua madre, Adrienne Banfield Norris, e la conduttrice ospite Kelly Osbourne, ammettendo che mandare Kaya in Ucraina era apparentemente qualcosa che le era stato detto che stava accadendo piuttosto che una discussione aperta con Wladimir Klitschko. “Per il modo in cui è stato fatto, è stato molto sconvolgente. Voglio dire, è stata la peggiore firma di quei documenti, la cosa più straziante che abbia mai dovuto fare in vita mia”, ha ricordato Panettiere. Ha aggiunto che credeva che il piano originale fosse che sua figlia andasse via solo per pochi mesi mentre lavorava su se stessa e si puliva, ma purtroppo deve ancora tornare alla custodia di Panettiere dopo aver firmato i documenti per dare la piena custodia a Klitschko.

Panettiere in precedenza ha parlato di quanto abbia trovato difficile stare lontano da sua figlia, suggerendo apparentemente che Klitschko ha trascorso la maggior parte del tempo con lei anche prima che gli fosse concessa la piena custodia. Nel maggio 2017, ha detto a TV Week: “Cambia non solo settimanalmente, ma ogni giorno, ogni ora. Poiché io e Wladimir a volte non viviamo nello stesso paese, forse ci sarà una settimana in cui non la vedo. E poi quando la vedo, è come giorno e notte”.

A febbraio, Panettiere ha confermato che Kaya era al sicuro e non in Ucraina durante l’invasione russa, ma non ha condiviso dove Kaya si era trasferita per sicurezza.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui