Ricordi le serie televisive degli anni ’80 Fama? Se è così, potresti ricordare la famosa battuta di Debbie Allen, quella ascoltata all’inizio di ogni spettacolo. L’attrice ha interpretato Lydia Grant, un’insegnante di danza in una scuola superiore di arti dello spettacolo a New York City, che era gentile ma tenace. “Vuoi la fama? Beh, la fama costa. E proprio qui è dove inizi a pagare, sudato”, ha detto. Fondamentalmente, il personaggio di Allen diceva che non si ottiene il loro nome in luci senza dare un grande sacrificio. Per i suoi studenti di danza immaginari, quel sacrificio era il dolore fisico di allenamenti e pratiche estenuanti, ma per altri in cerca di fama, i loro sacrifici hanno portato ad alcune conseguenze disastrose.

La maggior parte delle persone famose, in particolare quelle nello spazio di intrattenimento, sacrifica in una certa misura la loro privacy. Sfortunatamente, quella perdita di privacy, nei casi di cui stiamo per discutere, ha reso le celebrità più vulnerabili ai criminali. Hai sentito parlare di star che vengono derubate da contabili disonesti e cattivi manager, ma anche perdere milioni per furto non è niente in confronto al modo in cui questi A-Listers sono stati vittime. Quindi preparati, perché queste storie di vita reale di strani crimini commessi contro le celebrità sono più interessanti di qualsiasi cosa tu abbia mai visto loro entrare sul grande schermo.

Uno stalker ha costretto Beyoncé a rafforzare la sicurezza

Beyoncé è stata accreditata da molti per avere un vero talento, al contrario di essere una pop star che è diventata famosa per il suo aspetto fisico o per altri motivi che non hanno nulla a che fare con la musica. In altre parole, è stata definita il vero affare da critici e fan. Ma c’era una persona, un uomo britannico di nome Bassey Essien, che pensava che il cantante di “Single Ladies” fosse un impostore e l’ha molestata per questo. Il potenziale pericolo ha portato la squadra di sicurezza di Beyoncé ad essere in allerta quando ha giocato al Twickenham Stadium di Londra nel 2013. Per qualche ragione, Essien credeva che Bey avesse ucciso la vera Beyoncé e stesse fingendo di essere lei, cosa che ha comunicato in lettere minacciose, secondo Il Sole. Le molestie erano effettivamente iniziate anni prima, per Indipendente, quando Essien ha cercato di dare all’ex membro di Destiny’s Child un libro pieno di appunti sulle sue convinzioni religiose, che secondo lui l’avrebbero “aiutata”.

Poi, nel 2011, un’Alta Corte del Regno Unito ha schiaffeggiato Essien con “un ordine anti-molestie”, che in un mondo perfetto avrebbe posto fine alle cose. Ma due anni dopo, quando arrivò lo spettacolo a Twickenham, le lettere minacciose continuarono, da qui la sicurezza più stretta. “Il personale è stato informato della situazione e le sue foto sono state diffuse. Gli è stato detto di tenere gli occhi aperti e di essere estremamente vigili”, ha detto una fonte di Il Sole nel 2013.

L’amico di Kevin Hart lo ha pugnalato alla schiena?

L’anno era il 2017 e la carriera di Kevin Hart era alle stelle. Aveva una serie di film di successo e speciali di cabaret al suo attivo, e il suo film tanto atteso Jumanji: Benvenuto nella giungla stava per arrivare nei cinema alla fine di quell’anno. Ma la vita ti viene incontro velocemente, come si suol dire, e spesso i problemi aspettano solo di interrompere una buona fortuna. Hart apparentemente ha cercato di evitare uno di questi interruzioni, perché nel 2017 si è scusato su Instagram con sua moglie, Eniko Parrish, e il loro bambino per aver commesso un “brutto errore” di giudizio. Ma non ha rivelato quello che ha fatto.

Il comico ha detto, tuttavia, che qualcuno stava minacciando di estorcerlo per soldi. Successivamente è stato rivelato che Hart aveva tradito Parrish con una donna di nome Montia Sabbag. Ci sono state anche segnalazioni secondo cui Sabbag era la persona che estortava Hart, ma non era così. In realtà, era il suo ex amico, JT Jackson, presumibilmente dietro a tutto, e nel maggio 2018 è stato accusato di due conteggi di tentata estorsione ed estorsione con lettera minacciosa. Ma quelle accuse alla fine sono state ritirate, come TMZ segnalato. Jackson, che è anche un attore, è stato amico di Hart per 15 anni e dopo che è emersa la notizia delle sue presunte azioni, Hart twittato, “Mente a bocca aperta … Ferito … a corto di parole e semplicemente incredulo al momento. WOW.”

Gwyneth Paltrow ha avuto a che fare con uno stalker per 17 anni

Molti probabilmente troveranno quello che è successo a Gwyneth Paltrow estremamente inquietante e si sentiranno davvero per lei. Un uomo di nome Dante Michael Soiu avrebbe perseguitato la Paltrow per anni, inviandole “centinaia di lettere e pacchi” solo tra il 2009 e il 2015. Alcuni degli articoli inviati erano regali innocui, ma includevano anche “giocattoli sessuali, pornografia e immagini di atti sessuali in cui scriveva il suo nome e il suo”, secondo Notizie CBS. Soiu ha anche ripetutamente affermato di voler sposare la Paltrow e ha discusso della sua morte in contesti religiosi bizzarri.

Nel 2000, Siou ha fatto due viaggi dalla sua città natale di Columbus, Ohio, a casa dei genitori di Paltrow a Santa Monica, in California, venendo arrestato per la seconda volta. Si è dichiarato colpevole di stalking nel 2001, ma dopo che Paltrow ha testimoniato, un giudice lo ha ritenuto non colpevole per pazzia e lo ha mandato in un istituto psichiatrico. Le lettere bizzarre continuarono, tuttavia, e Soiu fu nuovamente arrestato. Così la Shakespeare in Love star ha testimoniato per la seconda volta nel 2016 in una Corte Superiore di Los Angeles, ma Soiu è stato prosciolto dalle accuse di stalking. “Mi sono sentito molto turbato. Ha sfidato la logica, e l’ho trovato molto, molto sconvolgente”, ha detto Paltrow durante la testimonianza nel 2016 sugli articoli che le sono stati inviati, secondo Il guardiano. “Questo era qualcosa con cui avevo già vissuto un’esperienza molto lunga e traumatica”.

Un dog sitter ha quasi pagato il prezzo più alto per Lady Gaga

Il 24 febbraio 2021, a Hollywood, in California, il dog sitter di Lady Gaga, un uomo di nome Ryan Fischer, è stato colpito al petto mentre camminava con i tre amati bulldog francesi del cantante. Per fortuna, Fischer è sopravvissuto, ma due dei cani, Koji e Gustav, sono stati rubati dai ladri che si sono allontanati nella notte su una berlina bianca. Un terzo cane calpestato da Fischer è scappato, ma è stato successivamente recuperato dalla guardia del corpo di Gaga. “Continuo ad amarti Ryan Fischer, hai rischiato la vita per combattere per la nostra famiglia. Sei per sempre un eroe”, ha scritto Gaga su Instagram due giorni dopo.

Come TMZ Secondo quanto riferito, Gaga – che stava girando un film a Roma durante l’attacco – ha offerto una ricompensa di $ 500.000 per il ritorno sicuro dei suoi cani senza “fare domande”, ma Koji e Gustav sono stati recuperati un paio di giorni dopo illesi. Secondo il Associated Press, una donna che si diceva “non coinvolta e non associata” al furto, ha portato i cagnolini alla stazione di polizia della comunità olimpica della polizia di Los Angeles a Los Angeles. Quindi, il 1 ° marzo 2021, Fischer ha dettagliato cosa gli è successo e ha ringraziato i suoi sostenitori.

“La gratitudine per tutto l’amore che provo da tutto il pianeta è immensa e intensa”, ha scritto su Instagram, aggiungendo: “Ho sentito il tuo sostegno curativo! … Sono umiliato e grato che l’attenzione e la concentrazione della polizia siano state sufficienti per riportare Koji e Gustav al sicuro, e so che si sono impegnati a consegnare questi criminali e tentati omicidi alla giustizia “.

Joss Stone è sfuggito a un complotto di omicidio

Il cantante soul britannico Joss Stone è stato vittima di uno strano complotto di omicidio che coinvolge due uomini britannici, Junior Bradshaw e Kevin Liverpool, che sono stati condannati per aver tentato di decapitarla con una spada da samurai. Sì, avete letto bene. Specchio riferisce che nel 2011 entrambi gli uomini si sono recati da Manchester, in Inghilterra, alla casa di Stone nel Devon, in Inghilterra, per compiere la loro azione malvagia. E oltre alla spada, portavano guanti, borse e coltelli. Ma il loro piano ha avuto dei seri problemi fin dall’inizio, perché mentre cercavano il cantante, gli uomini hanno avuto un incidente d’auto.

Da lì, si sono persi e in realtà hanno mostrato a un postino locale una foto di Stone e gli hanno chiesto dove viveva. Col tempo, i residenti hanno chiamato la polizia dopo aver visto gli uomini a pochi chilometri dalla casa di Stone e sono stati arrestati. In seguito la polizia ha trovato delle note nell’appartamento condiviso dei sospetti Le sessioni dell’anima cantante che ha detto che era il “diavolo in carne”, che aveva bisogno di essere decapitato e il suo corpo gettato in un fiume. Dopo che gli uomini sono stati condannati per cospirazione per omicidio e cospirazione per rapinare, il Liverpool è stato schiaffeggiato con una condanna a vita con un minimo di 10 anni e otto mesi, mentre Bradshaw ha ricevuto una condanna di 18 anni, secondo The Hollywood Reporter.

Sorprendentemente, Stone in seguito ha riso dell’intero spaventoso incidente in una chat con CNN, etichettando i suoi aspiranti assassini “pazzi pazzi”, che se ne andarono “andarono” Uccidi Bill su di esso “dopo che” si sono seduti e hanno guardato, tipo, troppi film. “

Frank Sinatra Jr. è stato rapito

L’8 dicembre 1963, il defunto Frank Sinatra Jr. fu rapito da due uomini a Lake Tahoe, in California. Naturalmente, Frank Jr. era il figlio del leggendario crooner Frank Sinatra, e uno dei rapitori, Barry Keenan, andò a liceo con la figlia di Frank, Nancy Sinatra. Keenan si è unito al complice Joe Amsler per il piano vile, che alla fine è stato sventato dall’interno. Ma partiamo dall’inizio.

Frank Jr., all’epoca solo 19 anni, stava appena iniziando la sua carriera di cantante e ha suonato in uno spettacolo all’Harrah’s Club Lodge di Lake Tahoe, secondo l’FBI. Keenan e Amsler hanno fatto irruzione nel giovane cantante mentre giaceva nel suo camerino, a quel punto lo hanno bendato e sono partiti con lui in macchina. Alla fine è stato appreso che i rapitori volevano $ 240.000 in denaro di riscatto per il famoso figlio, che l’FBI ha detto a Frank Sr. di pagare, in modo che potessero lavorare per catturare gli uomini, che erano rintanati con Frank Jr. in un sobborgo di Los Angeles. Ma mentre Keenan e Amsler recuperavano il riscatto, un terzo complice “nervoso”, secondo quanto riferito, John Irwin, lasciò andare Frank Jr.. Irwin ha poi raccontato a suo fratello del crimine, che ha telefonato agli agenti dell’FBI a San Diego. Keenan e Amsler sono stati arrestati e condannati all’ergastolo. Irwin ha ottenuto 75 anni, tuttavia, dopo varie riduzioni di pena, il Los Angeles Times ha riferito che “ognuno è stato rilasciato in meno di cinque anni”.

Il furioso dibattito sulla collana strappata di Shy Glizzy

Una collana, due resoconti diversi di quello che è successo e un pagamento pesante. Questi sono solo alcuni dei dettagli della storia del rapper di Washington DC Shy Glizzy che ha rubato la sua collana durante un’esibizione in un club di Memphis nel 2015. Ma Glizzy ha detto che la catena non è stata presa, l’ha persa e “i ragazzi hanno avuto un ** king scrimmage “in seguito, che ha detto nella sua canzone” Cut It “. Secondo HipHopDX, tuttavia, gli uomini che avevano la catena hanno detto di averla strappata dal collo di Glizzy perché non avrebbe registrato un verso per la canzone del loro amico rapper. “Ti ho detto che non vieni a Memphis che hai bisogno di tutte le misure di sicurezza al tuo spettacolo”, ha scritto su Instagram un uomo soprannominato Dmuney.

Gli uomini hanno anche chiesto a Glizzy di pagarli $ 50.000 per riavere la sua catena, come HNHH segnalato. Poi più tardi su Twitter, il rapper “Like That” ha risposto alle denunce di rapina e ha raddoppiato la sua affermazione di averla persa. “Sono scivolato e mi sono messo a mio agio”, ha scritto in un tweet ora cancellato, aggiungendo: “Per ogni azione, c’è una reazione .. Reazione a catena!” E più tardi quello stesso mese, è emerso un video che mostrava il rapper di Memphis Blac Youngsta che si supponeva ricomprasse la catena di Glizzy dal gruppo per $ 10.000, in modo da potergliela restituire. Pazzo, vero?

La strana storia dell’auto rubata di Sylvester Stallone

Il furto d’auto è un problema fin troppo comune negli Stati Uniti. In effetti, l’Insurance Information Institute mostra che ci sono stati 873.080 furti di auto negli Stati Uniti nel 2020, un aumento di 9,2 rispetto all’anno precedente. Naturalmente, le persone non hanno iniziato a strisciare sui veicoli nel 2020, e una persona che lo sa è Sylvester Stallone, che secondo quanto riferito ha avuto il suo Mercury del 1950 rubato dal suo garage nel 1994. L’auto era la stessa che l’attore guidava nel suo film Cobra e più che probabile, Stallone ha perso la speranza di riaverlo mai indietro.

Ma sorprendentemente, ha individuato il veicolo da $ 250.000 più di un decennio dopo su un sito web di aste e ha cercato di recuperarlo. Il proprietario dell’azienda, tuttavia, che fornisce i set cinematografici con le auto, si è rifiutato di restituirlo. Così Stallone – che non ha mai accusato la compagnia di aver rubato il Mercury – ha intentato una causa a Los Angeles nel 2009, chiedendone la restituzione con un pagamento di 3 milioni di dollari, come riportato da TMZ. Questo perché ha accusato l’azienda di usare il suo nome e la sua somiglianza “per promuovere l’asta”.

Stallone alla fine è uscito vittorioso nel 2011, quando TMZ ha riferito che lui e la società hanno raggiunto un accordo e il veicolo gli sarebbe stato restituito. Ma non è noto se gli siano stati dati dei soldi oltre alla macchina.

Chi ha violato la cam dell’armadio di Kris Jenner? Inoltre, chi ha una cam armadio?

Stare al passo con i Kardashians i fan potrebbero ricordare un episodio del 2015 in cui Kat, l’assistente di Kris Jenner, le disse alcune notizie molto inquietanti. E tieni presente che, in base a quando l’episodio è andato in onda, questo è avvenuto poco dopo che gli iPhone di diverse celebrità sono stati hackerati da iCloud e le foto di nudo di star tra cui Jennifer Lawrence, Kate Upton e Kirsten Dunst erano dappertutto su Internet.

“Quindi, ho appena ricevuto una notizia dal nostro investigatore e non voglio che tu vada fuori di testa, ma chiunque sia, potrebbe aver ottenuto un tuo video dalla tua telecamera”, le disse l’assistente di Jenner. “Hanno detto che eri nudo. Quando hanno hackerato il tuo iCloud, penso che fossero ancora in grado di accedere alla videocamera che è nel tuo armadio.” Kat ha anche detto che chiunque abbia hackerato il telefono di Jenner ha chiesto denaro per la restituzione del video. La matriarca Kardashian ha detto di essere rimasta scioccata dal fatto che la gente facesse una cosa del genere e ha definito l’atto “malato e contorto”. “Allora, mi ricatteranno?” lei chiese. “A meno che non scopriamo come fermarli, sì,” rispose Kat.

Avanti veloce al 2016 e una donna di Newark, in California, di nome Christina Elizabeth Bankston è stata arrestata da agenti federali per aver violato l’iCloud di Jenner, molestandola tramite e-mail e messaggi di testo per oltre sei mesi e affermando di aver ottenuto un “sex tape”, secondo per BuzzFeed. Non è chiaro, tuttavia, se Bankston sia la stessa persona accusata di aver ottenuto filmati dell’armadio di Jenner.

Le calzature di Harry Styles sono fonte di frustrazione

Cosa c’è con Harry Styles e le sue scarpe? Mentre parlava con Nick Grimshaw Harry alla BBC, (attraverso AP), il cantante ha detto che una volta è stato assalito dai fan come membro dei One Direction, e prima che se ne rendesse conto, gli mancava un elemento chiave del suo abbigliamento. “Siamo scesi dal treno a Parigi e stavo camminando e ho finito per sentirmi come se i miei piedi non toccassero il pavimento”, ha detto, aggiungendo, “stavo fluttuando e poi sono salito in macchina ed ho pensato ‘io non ho le scarpe. Ecco perché ho iniziato a indossare gli stivali. “

Sebbene essere assalito e derubato dalle scarpe è certamente strano e spaventoso a modo suo, Styles è stato anche vittima di un crimine decisamente più spaventoso. Parlando con Howard Stern nel marzo 2020, il cantante di “Watermelon Sugar” ha raccontato la storia di essere stato derubato a un coltello il giorno di San Valentino nel 2018 da un gruppo di uomini nella zona di Hampstead a Londra. Gli aggressori hanno chiesto contanti e il telefono del cantante, e mentre cercavano di costringerlo a “sbloccare” il dispositivo, Styles è fuggito in strada, cercando disperatamente di fermare le auto di passaggio per chiedere aiuto. Quando nessuno si è fermato, è “scattato” via, il che si è rivelato piuttosto difficile, perché, come ha detto lui, indossava “scarpe e zampe di velluto a coste”.

Per fortuna, i ladri non lo hanno inseguito, ma è difficile sopravvalutare quanto le calzature sembrino problematiche per questa sensazione di canto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui