Oggi conosciamo Rudy Giuliani come l’ex avvocato abbozzato dell’ex presidente Donald Trump che è apparentemente sempre sotto inchiesta. Ma l’11 settembre 2001 Giuliani, allora sindaco di New York, è diventato un eroe americano.

Ma fino a quel giorno, Giuliani non era esattamente visto come caldo e sfocato. Prima di catapultarsi sotto i riflettori nazionali, era conosciuto a New York come un ex pubblico ministero che era duro con il crimine, schierando la teoria delle “finestre rotte”, che reprimeva reati minori come il possesso di marijuana o la minzione pubblica nel tentativo di scoraggiare di più reati gravi. Ma, come riporta Gothamist, i critici hanno visto la repressione del crimine come un modo per controllare e sorvegliare eccessivamente i neri poveri. Un articolo del 1998 del New York Times si riferiva persino a Giuliani come “Il Mussolini di Manhattan”.

Tutto ciò è cambiato l’11 settembre, quando Giuliani si è fatto avanti ed è diventato il volto nazionale della guarigione dopo il più mortale attacco terroristico nella storia americana. A un servizio di preghiera dell’11 settembre tenuto due settimane dopo l’attacco, Oprah Winfrey ha presentato Giuliani come “il sindaco d’America”, un soprannome che è rimasto con lui per il resto del suo mandato, secondo Gothamist. Nello stesso anno, Time Magazine lo nominò Persona dell’anno, chiamando Giuliani “Sindaco del mondo”.

Vent’anni dopo, a una cena commemorativa del tragico evento, Giuliani tenne un discorso davvero bizzarro che lasciò tutti a bocca aperta. Ecco cosa aveva da dire.

Rudy Giuliani era “ubriaco a morte”?

Il discorso di Rudy Giuliani a una cena commemorativa dell’11 settembre ha toccato una vasta gamma di argomenti estranei. In un punto, Giuliani ha raccontato di aver incontrato la regina Elisabetta II e l’ha imitata lodandolo per la sua leadership con un povero accento britannico prima di assicurare alla stanza che non ha – né è mai stato – uscito con l’ormai caduto in disgrazia del principe Andrea. “Non sono mai uscita con lui! Mai e poi mai!” esclamò Giuliani. “Non ho mai bevuto qualcosa con lui. Non sono mai stato con una donna o una ragazza con lui. Mai e poi mai.”

Giuliani anche andò via sul generale Mark Milley, chiedendosi ad alta voce: “Come fa quel tipo a essere un generale?” riguardo alla raccomandazione di Milley di chiudere la base aerea di Bagram in Afghanistan, secondo il New York Post. Ha continuato: “Volevo afferrare il suo – cosa ha, cinque stelle? Dieci stelle? Dodici stelle? Ha così tante stelle che gli arrivano alle orecchie. Volevo afferrare le sue stelle e ficcargliele in gola e dire: “È a 400 miglia dalla Cina, stronzo! La Cina sarà il nostro nemico per i prossimi 40 anni! Hai una base aerea a 400 miglia da loro e stai rinunciando? Idiota!”

L’ex procuratore federale Ron Filipkowski ha affermato su Twitter che Giuliani era “ubriaco a morte”, ma TMZ riferisce che fonti vicine all’ex sindaco affermano che non era così. Giuliani deve ancora commentare.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui