Il seguente articolo contiene discussioni su aggressioni e violenze sessuali.

“House of Hammer”, il documentario di Discovery+ che descrive in dettaglio le accuse di stupro contro l’attore Armie Hammer, sta suscitando molto scalpore. La serie di docu in tre parti è stata presentata per la prima volta il 2 settembre 2022 ed è stata accolta con critiche immediate da una delle presunte vittime di Hammer. La donna, soprannominata Effie, ha rivelato al Los Angeles Times di essere stata invitata a partecipare allo speciale televisivo, ma ha rifiutato senza fare domande. “È estremamente inappropriato da parte tua sfruttare un momento così tragico e vulnerabile nella vita di molte persone, senza alcun riguardo per il nostro processo di guarigione e la nostra privacy”, ha detto Effie.

Effie è stata l’unica vittima ad intraprendere un’azione legale contro Hammer dopo aver creato un account Instagram anonimo con la speranza di smascherare la star. Durante una conferenza stampa nel marzo 2021, Effie ha affermato che Hammer l’ha abusata “ripetutamente” e l’ha costretta a compiere atti sessuali violenti. “Pensavo che mi avrebbe ucciso”, ha detto Effie (per Variety).

E mentre le accuse di abusi sono preoccupanti, i realizzatori del progetto stanno ora affrontando una bizzarra controversia.

La serie di docu utilizzava una falsa foto di lesioni

Discovery+ sta affrontando un contraccolpo dopo che gli spettatori hanno notato un grave errore nel primo episodio della serie di docu. Nel primo episodio, l’accusatrice di Armie Hammer, Courtney Vucekovich, ha affermato che l’erede del petrolio godeva di sesso fisicamente violento. Durante il ricordo di Vucekovich, sullo schermo è stata mostrata l’immagine di un presunto segno di morso. “Penso che Armie abbia scattato quella foto”, ha ricordato Courtney (tramite E! News). “Morde davvero forte. E ti dice di indossarli come un distintivo d’onore, quasi come se mi avesse convinto che sono fortunato ad averlo”.

Tuttavia, gli utenti dei social media hanno suggerito che la foto non fosse di Vucekovich e alcuni hanno ipotizzato che l’immagine fosse stata rubata da Internet. “Non è un ‘errore’. Hanno rubato una foto da Pinterest [and] presentato come prova”, una persona twittato. Mentre un altro Twitter l’utente ha aggiunto: “Quindi i registi non hanno verificato le immagini che hanno inserito nel loro film?”

In seguito al contraccolpo, Vucekovich ha tentato di fornire una spiegazione per il disguido e ha affermato che l’immagine inclusa nel documentario le era stata precedentemente inviata dallo stesso Hammer. “Credevo fosse una mia foto, dato che ho dozzine di foto che ritraggono i suoi abusi sul mio corpo”, ha detto Vucekovich in una dichiarazione a Le persone. Talos Films, che ha prodotto lo speciale per Discovery+, ha confermato che l’immagine è stata rimossa a seguito di una “indagine”. Hammer ha negato le accuse e ha suggerito che ogni incontro sessuale che ha avuto fosse consensuale.

Se tu o qualcuno che conosci è stato vittima di violenza sessuale, l’aiuto è disponibile. Visitare il Sito web della rete nazionale di stupri, abusi e incesto oppure contatta la National Helpline di RAINN al numero 1-800-656-HOPE (4673).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui