Simile a Dwayne Johnson prima di lui, Jason Momoa ha costruito una carriera sull’essere grande. Con muscoli enormi e un sorriso affascinante, Momoa è diventato l’uomo principale in film come il riavvio del 2011 di “Conan the Barbarian”. Il film originale del 1982 ha aiutato a dare il via alla carriera di attore di Arnold Schwarzenegger e il personaggio è stato un passo importante nei film per Momoa poiché in precedenza era noto solo per il suo lavoro televisivo, secondo IMDb. Tuttavia, Momoa ha conservato brutti ricordi del progetto. “Ho fatto parte di molte cose che hanno davvero fatto schifo e film in cui è fuori dalle tue mani. Conan era uno di loro. È stata una delle migliori esperienze che ho avuto ed è [was] preso in consegna e trasformato in un grosso mucchio di merda”, ha detto a GQ.

La carriera di Momoa è stata piena di alti e bassi. Dopo “Conan” ha avuto un periodo memorabile in “Il Trono di Spade” solo per essere ucciso nella prima stagione, magicamente riportato in vita dalla morte, poi soffocato la stagione successiva. Dopo la sua partenza dallo spettacolo, “GoT” ha continuato a salire alle stelle in popolarità senza Momoa. Il finale di serie lascia ancora una brutta impressione ai fan anni dopo, secondo Collider, ma non che importasse perché a quel punto Momoa era già diventata una superstar. Ha interpretato “Aquaman” ed è diventato il protagonista della serie TV “See”. Eppure, Momoa era vicino a perdere tutto questo a causa di una mossa all’inizio della carriera che ha quasi posto fine al suo tempo a Hollywood.

Jason Momoa riflette sul suo divertimento al sole

Il primo ruolo televisivo di Jason Momoa è arrivato nella serie spin-off “Baywatch: Hawaii”. In uno spettacolo noto per le sue star, come il fusto David Hasselhoff e Pamela Anderson, che corrono al rallentatore con abiti minimal, ha senso che i produttori abbiano selezionato Momoa. Di recente aveva vinto il concorso Model of the Year alle Hawaii, o almeno così diceva. All’età di 19 anni, Momoa ha mentito durante il processo di casting quando i produttori gli hanno chiesto se avesse mai recitato o modellato. Ha affermato di aver posato per i più grandi nomi della moda come Gucci e Louis Vuitton, ma “ci stavamo solo inventando sul posto”, ha detto Momoa a Square Mile. Successivamente, Momoa ha continuato la farsa lavorando con i manager per cospirare sulla sua falsa carriera di modella. Momoa ha anche continuato a modellare il suo curriculum per anni.

Questa bugia gli è quasi costata perché anche se lo spettacolo è stato una buona visibilità per il giovane attore, lo stigma che circonda la serie ha reso difficile per Momoa trovare un altro lavoro. Gli ci sono voluti quasi cinque anni per ottenere anche il suo primo agente di recitazione. “Adoro il fatto che mi abbia dato l’opportunità di innamorarmi della recitazione, ma mi ha anche ferito davvero, partecipandoci. Solo perché è ‘Baywatch’, la gente non pensa che tu possa recitare”, ha rivelato Momoa a Movieline . Sebbene lo spettacolo abbia aperto la strada a Momoa per ottenere il suo ruolo in “Conan the Barbarian”, ricorda ancora le persone che hanno messo in dubbio la decisione di assumere un “tizio ‘Baywatch'”.

I tanti crolli di Jason Momoa

Dopo diverse stagioni in “Baywatch: Hawaii”, Momoa non ha ricevuto le offerte di recitazione che sperava. “Le cose si sono complicate. Non stavo ottenendo alcun lavoro e ho dovuto sviluppare il mio progetto per ottenere dei soldi in entrata”, ha detto a Square Mile. Momoa ha detto che il suo più grande ostacolo da superare è stata la reputazione che si è guadagnato dal suo ruolo di attraente bagnino. “Nessuno mi prenderebbe sul serio perché era ‘Baywatch’. Ho vissuto all’ombra di questo per molto tempo”, ha detto Momoa a Reuters.

Stanco di poche offerte, Momoa ha deciso di allontanarsi da Hollywood e divertirsi arrampicandosi su roccia e viaggiando per il mondo. “Ero anche interessato a diverse religioni, quindi sono andato in Francia e in Italia. Sono andato in Tibet. Sono andato in Giappone. Ho vissuto tutti i miei sogni”, ha ricordato al New York Times. Anche se può sembrare che “Il Trono di Spade” sia stato positivo per la carriera di Momoa, ha rivelato che, ancora una volta, ha dovuto affrontare una siccità di recitazione dopo la fine del suo arco narrativo. “Non riuscivo a trovare lavoro. È molto impegnativo quando hai bambini e sei completamente indebitato”, ha confessato a InStyle.

Anche se tutto ha funzionato per Momoa, è ancora attento a rivivere i suoi primi giorni. Ad esempio, si rifiuta di lasciare che i suoi figli guardino i suoi episodi di “Baywatch”. “Non diciamo la parola B a casa. Nascondiamo tutto questo… non è mai successo”, ha spiegato Momoa nel programma radiofonico “Fitzy e Wippa”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui