Il 30 aprile 2022, la cantante country Naomi Judd è morta all’età di 76 anni e da allora ha lasciato un enorme buco nel cuore della sua famiglia, dei suoi amici e, naturalmente, dei suoi fan. Le sue figlie, Ashley Judd e Wynonna Judd, hanno condiviso una dichiarazione sui social media, in cui si legge: “Oggi noi sorelle abbiamo vissuto una tragedia. Abbiamo perso la nostra bellissima madre a causa della malattia mentale. Siamo a pezzi. Stiamo attraversando un profondo dolore e sappiamo che come l’amavamo, era amata dal suo pubblico. Siamo in un territorio sconosciuto”.

Sebbene la lotta di Naomi con la sua salute mentale sia stata apertamente condivisa dalla cantante nel corso degli anni, secondo la NBC, Ashley ha parlato dell’intensità delle battaglie interne di sua madre subito dopo la sua morte. In un’intervista con “Good Morning America”, Ashley ha ammesso che lo stato mentale di sua madre era peggiorato così tanto da non poter arrivare alla sua introduzione nella Country Music Hall of Fame solo un giorno dopo. “Mia madre, nostra madre, non poteva resistere fino a quando non è stata inserita nella Hall of Fame dai suoi coetanei. Voglio dire, questo è il livello di catastrofe di ciò che stava accadendo dentro di lei. Perché la barriera tra il rispetto in cui la tenevano non poteva penetrare nel suo cuore. E la menzogna che la malattia le diceva era così convincente”.

Mentre molte persone sono lasciate a contemplare le lotte di Naomi, i fan stanno imparando di più sulla vita della defunta cantante, che include il suo cambio di nome significativo e significativo.

Se tu o qualcuno che conosci sta lottando con la salute mentale, contatta il Linea di testo di crisi scrivendo a HOME al 741741, chiama il Alleanza nazionale sulle malattie mentali linea di assistenza al numero 1-800-950-NAMI (6264), o visitare il Sito web dell’Istituto Nazionale di Salute Mentale.

Naomi Judd ha cambiato il suo nome per un motivo spirituale

Mentre il mondo l’avrebbe conosciuta e amata come Naomi Judd, metà del duo di cantanti The Judds insieme a Wynonna Judd, quello non era il nome di nascita della star del paese. È un dato di fatto, è nata Diana Ellen Judd ma ha cambiato il suo nome in Naomi poco dopo aver iniziato la sua carriera di cantante.

Secondo Taste of Country, Naomi ha detto che semplicemente non si sentiva come se il suo nome di battesimo emulasse “la sua concezione spirituale e rurale del Kentucky della sua vera eredità”. Apparentemente, ha preso la Sacra Bibbia per qualche ispirazione biblica per cambiare nome e si è resa conto che c’erano molte figure di nome Naomi con cui condivideva esperienze simili. Nel libro “The Judds: A Biography”, scritto da Bob Millard, scrisse: “La scelta di Naomi per il suo nuovo nome fu profetica per Diana, poiché la storia biblica racconta della donna ebrea Naomi che continua i suoi viaggi alla ricerca di un a casa nella sua ex patria e alla fine lasciando dietro di sé una delle figure della figlia prima di trovare la sua ricompensa grazie all’altra ragazza”.

Tuttavia, questa non è l’unica volta in cui la star in vetta alle classifiche ha preso decisioni audaci quando si è trattato del suo nome. In effetti, una delle sue figlie ha preso una decisione simile proprio insieme a lei.

Naomi Judd non era una fan del cognome del suo primo marito

Nello stesso periodo in cui Naomi Judd aveva cambiato il suo nome da Diana a Naomi, anche sua figlia Wynonna Judd aveva cambiato il suo nome. Wynonna è nata Christina Claire Ciminella, ma ha deciso che “Wynonna” – ispirata da un verso della canzone “Route 66” – sarebbe stata più adatta a lei. Il suo cognome di nascita proveniva dal primo marito di Naomi, Michael Ciminella. Naomi ha dato il nome a Wynonna anche se non era il suo padre naturale. Tuttavia, Naomi lo cambiò in Judd dopo che la coppia divorziò nel 1972 quando Wynonna aveva 8 anni.

Sebbene Naomi sia stata per breve tempo una Ciminella durante il suo primo matrimonio, l’ha rapidamente cambiata in Judd per un motivo semplice, ma pratico: a quanto pare tutti hanno avuto problemi a pronunciare o scrivere il cognome del suo ex marito. Secondo “The Judds: A Biography” di Bob Millard, per Taste of Country, “Se chiamassi la pizza o il lavaggio a secco, lo metterebbero sotto S o Z. Mi stavo divertendo con questo nome lungo. Qualunque cosa facessi, mi dava problemi.” Naomi ha anche detto che non si è mai sentita davvero una “vera Ciminella” e ha persino detto, secondo il libro di Millard, “Ciminella era così italiana, e suonava sempre come quella malattia della salmonella”.

Indipendentemente dal fatto che fosse Diana o Naomi, o Judd o Ciminella, è sicuro dire che il mondo l’amava comunque.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui