Non c’è dubbio che Britney Spears abbia consolidato la sua eredità come icona culturale della fine degli anni ’90 e dei primi anni ’00 per una generazione di amanti della musica negli Stati Uniti. La cantante è meglio conosciuta per le sue accattivanti canzoni di successo come “…Baby One More Time” e “Toxic”, così come per le sue frequenti apparizioni nei notiziari a causa delle sue relazioni di alto profilo, lotte personali a lungo documentate, e tutela giudiziaria.

Sfortunatamente, mentre molti sosterrebbero che la Spears sia una vera principessa del pop, si scopre che il mondo intero non ha sempre visto la musica della Spears in una luce così positiva – e non stiamo parlando della sua faida online con la Chiesa cattolica. Potrebbe essere una sorpresa anche per i fan più devoti che uno dei video musicali della Spears sia stato bandito dalla messa in onda sui canali televisivi di tutto il continente europeo, e la battaglia legale che ha dato inizio a tutto non si è basata su nulla di esplicito contenuti o testi offensivi.

Il video “Do Somethin” è stato bandito in Francia

La società madre dell’etichetta di moda Louis Vuitton, LVMH, ha portato MTV Online e Sony BMG in tribunale in Francia per il video musicale della Spears per “Do Somethin”, secondo un rapporto di Billboard Online. L’articolo rilevava che la stessa Spears non era stata dichiarata colpevole di alcun illecito dal tribunale civile, ma Sony BMG e MTV Online sono state multate di 80.000 euro ciascuna – $ 117.000 in dollari nel 2007 – per le loro violazioni delle leggi francesi sulla contraffazione, secondo il rapporto.

La ragione? La Spears è mostrata alla guida di un SUV Hummer rosa nel video musicale e il cruscotto del veicolo è rivestito con un tessuto che ricorda un motivo dell’etichetta chiamata “Cherry Blossoms”, completo del logo “LV” di Louis Vuitton. Il quotidiano francese Le Figaro ha riferito che la corte ha ritenuto che l’immagine della Spears fosse distante dall’immagine di lusso trasmessa dal marchio Louis Vuitton.

Come risultato della loro perdita nel caso, il tribunale ha ordinato a Sony BMG e MTV Online di interrompere la trasmissione del video di “Do Somethin'” nel 2007, con Digital Spy che ha notato che le società avrebbero dovuto pagare l’equivalente di $ 1.470 per ogni giorno che hanno tenuto il video online.

I riferimenti a Louis Vuitton furono infine eliminati

Law.com, citando il rapporto dell’Associated Press sul caso LVMH contro Sony BMG e MTV Online, ha affermato che il video era in fase di rimozione dai siti Web in Francia al momento della pubblicazione dell’articolo nel 2007. L’outlet ha inoltre osservato che questa non era una strada insolita da intraprendere per LVMH contro coloro che riteneva stessero falsificando la sua proprietà.

D’altra parte, l’ABA Journal ha notato al momento della sentenza del tribunale francese che LVMH ha effettivamente perso una causa contro Haute Diggity Dog per i suoi giocattoli per cani di peluche “Chewy Vuiton” nella 4a Corte d’Appello del Circuito degli Stati Uniti, con la sentenza della corte che i giocattoli per cani erano legalmente protetti come una parodia del marchio. Il video di Spears, tuttavia, non è stato così fortunato.

Al momento della stesura di questo articolo, il video musicale “Do Somethin'” rimane disponibile per la visione su Vevo, ma la tappezzeria offensiva che ha portato alla causa LVMH è stata modificata. Immagino che tu non possa dire a Louis Vuitton di “fare qualcosa”, perché in realtà lo faranno.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui