Meryl Streep e Anna Wintour hanno sorprendentemente molto in comune. Una è un’attrice vincitrice di diversi Oscar che ha dimostrato di saper recitare quasi qualunque parte. L’altra è una delle maggiori influenze della moda e molto probabilmente la ragione per cui Vogue è la rivista onnipresente e che definisce la cultura che è oggi. Ma a parte l’amore condiviso per Prada e Parigi, la coppia condivide in realtà lo stesso pool genetico. Sì, Streep e Wintour sono (in qualche modo) legati biologicamente. Ma è probabile che la star di Hollywood non ne fosse a conoscenza quando ha alzato la mano per recitare nel successo di moda cult “Il diavolo veste Prada”.

Il film, che ha incassato 326 milioni di dollari al botteghino globale da un budget di 41 milioni di dollari (per TIME), ha festeggiato il suo 15° anniversario a giugno. Il cast e la troupe hanno virtualmente incontrato Entertainment Weekly per discutere di “Il diavolo veste Prada” e del suo impatto duraturo sulla cultura pop, compreso il motivo per cui ha risuonato con le donne e gli uomini di tutto il mondo. “Penso che il motivo per cui è rimasto con noi ed è atterrato è stato perché ha colpito in un momento particolare nel tempo – il disagio con le donne che sono il capo”, ha detto Streep. Il “capo” specifico è Wintour. La Streep ha interpretato una versione di lei quando interpretava la fittizia editrice della rivista Runway Miranda Priestly, i cui capelli corti e bianchi quasi imitavano la sua presunta personalità glaciale. Sorprendentemente, Streep non aveva chiacchierato molto con Wintour fino al 2017, ma la coppia andava d’accordo. Forse perché è di famiglia?

Meryl Streep e Anna Wintour sono in realtà cugine alla lontana

Sembra che alcune persone abbiano troppo tempo a disposizione, anche se i fan di “Il diavolo veste Prada” adoreranno sicuramente queste informazioni sulla discendenza. Secondo una ricerca di MyHeritage, l’Hollywood A-Lister e il caporedattore di Vogue sono infatti cugini… anche se ottavi, per OK! Rivista. Meryl Streep e Anna Wintour sono imparentate attraverso antenati reciproci dal lato materno. William Wilberfoss Smith Jr., nato nel 1669, era sia Streep che il settimo bisnonno di Wintour ed era sposato con Agnes Mary Crosdale, secondo Pop Crush. Crosdale è nata nello Yorkshire, in Inghilterra, ma in seguito è immigrata in America dove ha incontrato suo marito… e il resto, come si suol dire, è storia. Notizie selvagge, giusto? Mentre Streep e Wintour non hanno parlato della loro pelle radiosa geneticamente benedetta e delle loro personalità potenti durante il loro primo incontro – è probabile che non siano a conoscenza di tale legame – ma si sono rivolti all’elefante nella stanza.

Durante la loro conversazione franca e di vasta portata nel 2017, che Vogue US ha caricato su YouTube, Wintour ha chiesto ironicamente a Streep chi fosse la donna più impegnativa che avesse mai interpretato. Streep ha risposto: “Oh, dovrei dire…” prima che l’icona di Vogue la interrompesse scherzosamente e dicesse: “No, no! Non ci andremo!” E dicono che Wintour è un duro lavoro e “ostile”. Mentre ci sono alcune celebrità che si sono pronunciate contro l’icona della moda – Streep in precedenza aveva chiarito che il lancio del cappotto Miranda Priestly era in realtà ispirato dagli uomini, secondo British Vogue.

Miranda Priestly era apparentemente basata su “due uomini a Hollywood”

Ci sono molte idee sbagliate su Miranda Priestly, ma la più grande dovrebbe essere che sia una rappresentazione accurata di Anna Wintour. Certo, il romanzo “Il diavolo veste Prada” era “liberamente” basato sulla regina di Vogue, ma la Streep era irremovibile sul fatto che non avesse fatto l’imitazione di Wintour, secondo Pop Crush. “So che il libro era basato sulla visione di un assistente di Anna Wintour, ma non mi interessava fare un documentario su Anna Wintour”, ha detto Streep (tramite British Vogue). “Non sapevo nulla di lei e l’ho incontrata solo alla prima serata di beneficenza. Era una brava persona a riguardo. Le è stato detto che non le assomiglio”. Un tale “buon sport” che Wintour si è persino esibito alla premiere del film indossando Prada. Sorprendente.

Ma se si suppone che la Streep non abbia interpretato Wintour, sorge la domanda su chi abbia effettivamente cercato ispirazione. Durante un podcast della NPR nel 2019, Emily Blunt, che interpretava l’impertinente ma elegante Emily, ha affermato che la Streep era motivata da alcuni pesi massimi di Hollywood. “Si è basata su due uomini di Hollywood che conosceva – che rimarranno senza nome, ma so chi sono”, ha detto Blunt, per OK! Rivista. Anche se potremmo dover aspettare ancora un po’ prima che tali informazioni vengano scoperte, cosa pensa effettivamente Wintour del film? Apparentemente, lei era “dietro al 100%”, il che ha senso dato che Streep aveva informato Wintour che “Il diavolo veste Prada” non riguardava lei … forse l’editore di Vogue sarebbe stato un po’ meno accogliente altrimenti .

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui