La leggenda del basket Kobe Bryant è stata tragicamente uccisa in un incidente in elicottero nel gennaio 2020, lasciando una moglie in lutto e tre figlie. A bordo dell’elicottero c’era anche la figlia tredicenne Gianna Bryant, morta insieme ad altri sette passeggeri. I dettagli sull’incidente sono emersi nel febbraio 2020, sostenendo che il pilota Ara Zobayan aveva violato le linee guida sulla sicurezza volando in condizioni pericolose, secondo il Daily Mail. “E’ stata una questione di giudizio, processo decisionale, che ha portato a questo”, ha detto il presidente dell’NTSB Robert L. Sumwalt in una conferenza stampa, riferendosi alla scelta di Zobayan di volare in “condizioni nuvolose con scarsa visibilità”.

Tributi e condoglianze si sono riversati per la vedova di Kobe, Vanessa Bryant, che in seguito ha condiviso ricordi speciali del suo defunto marito al suo servizio funebre. Ad aprile, Vanessa ha commemorato su Instagram quello che sarebbe stato il ventesimo anniversario di matrimonio della coppia. “Buon anniversario, piccola. Ti amo. 20 anni”, ha scritto, insieme a una foto della coppia che si bacia il giorno del loro matrimonio. Lo ha seguito con un montaggio video che presentava una voce fuori campo da Kobe e ha reso omaggio all’amore eterno della coppia. “Con mia moglie, Vanessa… è divertente”, ha detto Kobe. “Ci divertiamo insieme. La amo moltissimo. Anche noi siamo migliori amici. È una benedizione.”

Ora, mentre incombe il secondo anniversario della morte di Kobe, continuano a venire fuori ulteriori informazioni sulla tragedia, incluso il modo in cui Vanessa ha scoperto che suo marito e sua figlia erano morti.

Vanessa Bryant ha saputo della morte di Kobe e Gianna tramite sms

Dopo l’incidente in elicottero del gennaio 2020, Vanessa Bryant ha citato in giudizio il dipartimento dello sceriffo della contea di Los Angeles per “negligenza, violazione della privacy e violazione del 14° emendamento”, secondo Vanity Fair. La causa ha affermato che i primi soccorritori hanno scattato e condiviso foto non autorizzate di resti umani nel relitto. A ottobre, Vanessa ha rilasciato una deposizione emotiva tramite Zoom, durante la quale ha condiviso che il suo assistente l’aveva informata “c’è stato un incidente e che c’erano cinque sopravvissuti”, secondo Us Weekly. In una trascrizione ottenuta dal New York Times, Vanessa ha chiesto se Kobe e Gianna fossero al sicuro e ha preso il telefono per chiamare suo marito, e poi sua madre.

“Non appena sono stato al telefono con mia madre, mi sono tenuto stretto il mio telefono, perché ovviamente stavo cercando di richiamare mio marito, e tutte queste notifiche hanno iniziato a comparire sul mio telefono, dicendo: ‘RIP Kobe. RIP Kobe. . RIP Kobe’”, ha rivelato (tramite il New York Times).

Vanessa ha anche descritto come aveva tentato di calmare la figlia maggiore Natalia. “Ho scelto [Natalia] e le ho detto che papà e Gigi avevano avuto un incidente. Da non preoccuparsi. “Sono sicura che stanno bene perché ci sono cinque sopravvissuti”, ha detto nella deposizione. Solo dopo aver guidato alla stazione di polizia Vanessa ha appreso ufficialmente che suo marito e sua figlia erano morti. Alla luce di queste nuove informazioni , non c’è dubbio che i fan stiano inviando luce e amore all’intera famiglia Bryant.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui