Jared Kushner non è una persona che ha detto spesso molto durante il suo mandato alla Casa Bianca, ma è stato un appuntamento fisso durante l’amministrazione Trump, poiché è stato spesso visto in piedi accanto a Donald Trump sia allo Studio Ovale che durante le visite e gli incontri ufficiali di stato. con dignitari stranieri. In qualità di consigliere anziano del presidente, Kushner ha trascorso alla Casa Bianca e con suo suocero lo stesso tempo di sua moglie Ivanka Trump. Ma è stato solo nel 2017 che il pubblico ha potuto ascoltare la voce di Kushner per la prima volta durante una conferenza in Medio Oriente, secondo il New York Times. Inutile dire che aveva molti elogi per il suo capo. “Il presidente ha una carriera molto lunga nel realizzare cose che molte persone dicono fossero impossibili”, ha detto all’epoca.

Eppure, secondo l’ex capo dello staff di Melania Trump, Stephanie Grisham, Kushner ha sicuramente detto più dietro le quinte di quanto abbia mai fatto davanti alle telecamere. In effetti, Grisham afferma nel suo libro, “Prenderò le tue domande ora: cosa ho visto alla Casa Bianca di Trump”, che Kushner si sarebbe vantato del tipo di roccaforte che aveva sul padre di sua moglie, nel bene e nel male . Ecco cosa ha detto.

Jared Kushner si vantava del potere che aveva su Donald Trump

Non capita molto spesso di sentire un genero vantarsi del tipo di potere che hanno sul suocero – specialmente quando è il presidente degli Stati Uniti – ma secondo Stephanie Grisham, è esattamente quello che ha fatto Jared Kushner.

Grisham sostiene che durante la prima udienza di impeachment, Kushner ha sostenuto che Trump avrebbe dovuto avere una stanza della guerra. Grisham ha ricordato nelle sue memorie (per Raw Story), “Anche se riunissimo i migliori comunicatori del paese e mettessimo insieme punti di discussione che avrebbero fatto proclamare l’innocenza di Trump a Rachel Maddow, non farebbe una minima differenza; Trump uscirebbe e twittare quello che voleva, o avrebbe lasciato che Rudy Giuliani dicesse qualcosa di strano”. È stato allora che Kushner avrebbe strizzato l’occhio e ribattuto, “lascia che mi occupi del presidente” come se sapesse esattamente cosa dire a Trump in ogni momento. Grisham ha aggiunto che Kushner “amava vantarsi di quanto facilmente potesse controllare suo suocero, come se fosse l’ultimo sussurro di Trump. Ero tipo, ‘Comunque, amico. Non ho tempo per occuparmi di questi papà. problemi.'”

Nonostante la relazione apparentemente stretta di Kushner e Trump (o lo era?), secondo la CNN, i due hanno ora creato spazio l’uno dall’altro dopo la presidenza. L’outlet afferma inoltre che Trump sta ora riflettendo sul lavoro di Kushner all’interno della Casa Bianca e sulla parte che suo genero “ha avuto nella sua eredità presidenziale”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui