Probabilmente una delle serie TV educative per bambini più popolari della sua epoca, l’originale “Blue’s Clues” ha goduto di un successo di 10 anni, dal 1996 al 2006. Lo spettacolo è rimasto un ricordo televisivo fino al 2018, quando Nickelodeon ha emesso un comunicato stampa che lo annunciava stava riavviando lo spettacolo con un nuovo titolo, “Blue’s Clues & You!” Oltre al nuovo titolo, il riproposto “Blue’s Clues” ha introdotto anche un nuovo presentatore, Josh Dela Cruz. Come ha sottolineato quell’uscita, Dela Cruz ha portato con sé un’impressionante esperienza a Broadway, essendo apparsa in spettacoli come “Here Lies Love” del fondatore dei Talking Heads David Byrne, “Encores!: Merrily We Roll Along” e “Aladdin” della Disney.

Ottenere il concerto non è stata un’impresa da poco; come ha rivelato l’attore in una conversazione con BUILD Series, è stato assunto dopo un casting nazionale che ha visto 3.000 attori fare un provino per la parte.

Dalla prima di “Blue’s Clues & You!” nel 2019, Dela Cruz è diventata un volto familiare nelle famiglie con bambini piccoli. In un’intervista esclusiva con Nicki Swift, l’attore parla del passaggio dal palcoscenico di Broadway alla televisione per bambini e di quanto sia surreale vedere la sua faccia in “Blue’s Clues & You!” merce sugli scaffali dei negozi.

Il consiglio chiave che Josh Dela Cruz ha ricevuto dal conduttore originale di Blue’s Clues Steve Burns

Vieni da Broadway in “Blue’s Clues & You!” Sembra uno stile di esecuzione molto diverso, proiettarsi su un pubblico piuttosto che essere soli in una stanza con uno schermo verde. Com’è stata per te quell’esperienza?

All’inizio era piuttosto eccitante. Sono così abituato ad avere oggetti di scena, costumi e altri attori sul palco. Ma poi mi sono reso conto che, “Oh, sai come farlo”, perché ogni bambino che ha frequentato una scuola di teatro o qualsiasi campo teatrale sa che in realtà non ottiene oggetti di scena o costumi o altro. Se sono fortunati, ottengono solo un bicchiere vero, così non devono mimare. Ma essenzialmente è solo la scatola nera nella tua immaginazione. Una volta ho capito che ero tipo “Oh, okay, posso farlo. So come farlo”. Ho frequentato corsi di cinema e televisione per alcuni anni prima e quindi stavo davvero cercando di concentrarmi su questa diversa prospettiva del pubblico.

Penso che quello che ho trovato più utile sia stato Steve Burns e Donovan Patton, i presentatori originali dello spettacolo, mi hanno preso da parte e hanno detto: “Ehi, amiamo tutto quello che stai facendo e il motivo per cui sei qui è a causa delle cose che hai fatto. Non sentirti mai come se dovessi replicare o fare qualcosa che abbiamo fatto in passato. Continua a celebrarti e poi a fare quello che fai e ricorda sempre che non puoi andare avanti finché il ragazzo dall’altra parte dello schermo non ti ha aiutato. Sono loro gli esperti.” Personalizzare davvero il personaggio nell’obiettivo è qualcosa di immensamente utile perché, ancora una volta, è così diverso. Non hai un auditorium di 500, 1.000 persone su cui aumentare la tua energia o concentrarti.

C’è un’atmosfera familiare sul set di Blue’s Clues & You!

Lo fai da un po’ ormai. Ora che ti stai ambientando nel ruolo, che tipo di lezioni hai imparato facendo quella prima stagione che stanno aiutando a modellare il modo in cui lo farai in futuro?

Oh, sai cosa? Ci sono così tante cose che ho imparato. C’è un sacco di manutenzione personale. Perché il giorno va dalle otto alle sei circa, c’è un sacco di… Ed è sul cemento perché è una stanza verde. Ora che sto davvero raggiungendo i 30 anni, mi sto rendendo conto di quanto sia diventato importante lo yoga nella mia mattinata, giorno dopo giorno. Penso di essere diventato pigro alla fine del—solo per essermi stancato alla fine della scorsa stagione, e poi abbiamo finito la stagione, e poi mi sono tirato indietro, perché ho smesso di fare yoga. Ero tipo, “Beh, questo è quello che ottieni”.

Ma a parte la manutenzione personale, la cosa sorprendente che continuiamo a costruire stagione dopo stagione è che la nostra troupe, tutti quelli che il pubblico non vede. La mia assistente, Ashley, che dà voce a tutti prima che i doppiatori arrivino. È la mia compagna di recitazione durante l’intera durata delle riprese. Lei, il nostro supervisore al trucco capelli, il nostro AD, i nostri animatori sul set, le nostre impugnature, i nostri gaffer, tutti quelli che lavorano nello show e nell’ufficio di produzione, abbiamo creato questa atmosfera familiare in cui possiamo venire a lavorare e sappiamo di essere riderò, non importa quanto possa essere noiosa una sequenza o quanto possa essere complicata. Ci divertiamo sempre. È qualcosa che spero arrivi stagione dopo stagione e che il pubblico possa sentire l’amore tanto quanto me sul set.

I bambini adorano incontrare Josh Dela Cruz di persona

Ora che le esibizioni dal vivo stanno iniziando a tornare, ci sono piani per prendere “Blues Clues & You!” in viaggio con una versione live?

Lo adorerei così tanto. Sono così entusiasta che i musical e le esibizioni dal vivo tornino e tornino in pieno svolgimento. Ero in “Aladdin” e sono così eccitato per il ritorno di quello spettacolo. Avevamo i biglietti per vedere “Company” a Broadway — ho un caro amico che ci sarà. Non vediamo l’ora. Ma per quanto riguarda “Blues Clues & You!”, incrociamo le dita. Spero che avremo una sorta di esibizione dal vivo. Abbiamo fatto la parata del giorno di Macy prima della nostra prima. Speriamo che possa funzionare di nuovo. Ma anche se così non fosse, sono solo entusiasta di essere là fuori e di incontrare i ragazzi che stanno guardando lo spettacolo.

A proposito di incontrare quei ragazzi, hai avuto la possibilità di incontrare qualcuno dei tuoi giovani fan? Che tipo di reazione ti danno quando ti vedono faccia a faccia?

Si. È fantastico. Per fortuna, le mie reazioni, ogni volta che le persone mi riconoscono, sono positive. Non devo preoccuparmi di nulla che sia una situazione appiccicosa. Di solito sono prima i genitori. Quindi, una volta che i genitori attirano l’attenzione del bambino, ottengo una delle tre reazioni. Uno è: “Oh, so chi sei. Sei il mio migliore amico”, e poi ci divertiamo un mondo e ridiamo. L’altro è che diventano molto timidi e i loro genitori dicono: “Oh, guardi Josh ogni giorno”, ed è così che sono io.

È così che sono ancora, anche dopo aver visto uno spettacolo di Broadway e ho degli amici che sono nello spettacolo, andrò alla porta del palco e altri attori usciranno e sarò ancora molto timido, perché sono tipo “Wow, sei davvero, davvero bravo”. La terza reazione è che ricevo questo sguardo di traverso in cui mi dicono: “Cosa ci fai qui fuori? Dov’è Blue?” Di solito è l’unica cosa che i bambini mi diranno. Se trovano il coraggio di chiedermelo, direbbero “Dov’è Blue?” Dovrò dire che “Sta facendo un pisolino a casa” o “È a scuola”. È molto divertente. Sono così grato che ogni esperienza finora sia stata così positiva.

Gli indizi di Blue e tu! ha riempito Josh Cruz di positività

Hai menzionato la positività e questo è un progetto molto positivo in cui essere coinvolto. Questo non è un dramma oscuro in cui torni a casa dopo aver rintracciato un serial killer o qualcosa del genere tutto il giorno. Quando lavori su qualcosa che fa emergere la positività con le persone, deve essere davvero una bella sensazione per sperimentarlo.

È una bella sensazione. È una bella sensazione essere una sorta di ancora, specialmente per i genitori e i bambini che devono passare attraverso quello che hanno passato nell’ultimo anno, anno e mezzo, che non importa cosa, sanno che quando arriva il nostro spettacolo , possono semplicemente sedersi e sapere che sarà un bello spettacolo. Sarà un grande momento e imparerai. È stata anche un’esperienza estremamente positiva per me, a parte il fatto che posso fare ciò che amo fare, ma che devo portare con me quella positività e fare un respiro profondo.

Sono un essere umano e la vita quotidiana può diventare frustrante a volte. Siamo tornati a New York City dopo essere stati in Canada e soprattutto dopo la quarantena, essere usciti di nuovo con la gente, entrare in contatto con le persone, fare un respiro profondo e dire: “Oh, non è un grosso problema”. E portandolo con me. Ho scoperto che il mio umore, perché sono solo più positivo in generale, e lavoro davvero per rimanere positivo, ed essere una forza positiva ogni volta che cammino attraverso la mia giornata, sono stato di umore molto, molto migliore. Serve tutto intorno.

Gli indizi di Blue e tu! è stata una manna dal cielo per i genitori durante la pandemia

Ho detto ad alcune persone che hanno bambini piccoli che avrei parlato con te, e hanno detto: “Per favore, dillo a Josh, grazie mille”. Genitori che sono stati rinchiusi nelle loro case per l’ultimo anno con i loro figli, che si sono innamorati dello spettacolo, li ha aiutati a superarlo. Poi, mi è anche venuto in mente che stai facendo il tipo di spettacolo che in un certo senso è in effetti favorevole alla pandemia. Non hai un cast enorme, una troupe enorme, sei praticamente solo tu.

Eravamo così preoccupati quando tutto ha iniziato a crollare e ha iniziato ad accadere. Mia moglie ed io eravamo a New York e poi in Delaware e non sapevamo cosa sarebbe successo nella stagione successiva. Per fortuna, siamo così grati di essere stati in grado di entrare in Canada e lavorare, perché come hai detto tu, il nostro spettacolo è costruito per le restrizioni. Sul pavimento, penso che abbiamo 12 persone, da 12 a 14 persone in cima alla stanza. Quando stavamo girando, avevamo un addetto alla conformità COVID. Mi hanno fatto il tampone tre volte al giorno… Tre volte al giorno, tre volte alla settimana.

Sono così grato che siamo stati in grado di lavorare e che abbiamo girato più di 87 giorni senza un singolo incidente. Grazie allo sforzo di tutti sul set, alle persone che ci consultano e ai nostri produttori, siamo riusciti a farcela. Lo spettacolo è stato così salutare per me, così come per la nostra troupe, tanto quanto lo è stato per tutti coloro che guardavano a casa. Questo è proprio quello che è. Siamo una comunità, anche se non siamo sempre nella stessa stanza, ciò non significa che non siamo connessi.

Josh Dela Cruz ammette che è “surreale” vedere la sua faccia sugli scaffali dei negozi di giocattoli

“Blue’s Clues” è un marchio così grande per Nickelodeon. Com’è stato vedere la tua faccia su tutto questo merchandising firmato? Deve essere surreale dire: “Eccomi, c’è la mia faccia sullo scaffale”.

È davvero divertente. È selvaggio. Ho amato le action figure crescendo. Ricordo che avevo una action figure di Spider-Man che era la mia cosa preferita al mondo. Penso che se scavassi un po’, potrei trovarlo, ma questa è stata la cosa che mi ha fatto superare le operazioni da bambino, essere malato e divertirmi. Ora divento una action figure. Per me questa è una cosa così folle, folle, ma anche molto, molto divertente, perché ricordo molte delle foto che sono state scattate per alcuni prodotti, ma ci sono alcune foto che guardo e sono tipo , “Aspetta un secondo. Non credo di averlo mai preso. È il mio braccio? Penso che l’abbiano appena fatto con Photoshop”. Quindi è molto, molto divertente. È un sogno che si avvera ed è così surreale, specialmente ora che stiamo tornando a Target e tutto il resto e stiamo attraversando il corridoio dei giocattoli e vedendo il nostro spettacolo sugli scaffali. È selvaggio. Senza dire troppo, abbiamo lavorato su altri giocattoli elettronici di cui sono così entusiasta. Non vedo l’ora che escano.

La cosa più sorprendente che Josh Dela Cruz ha imparato su Blue’s Clues & You!

Qual è la cosa più sorprendente che hai scoperto su “Blues Clues & You!” mentre ci lavori?

Oh. La cosa più sorprendente. Non l’ho mai saputo davvero, perché non facevo parte del processo di realizzazione del film, ma sapevo che il nostro spettacolo, più di qualsiasi altro spettacolo, specialmente nel momento in cui sarebbe andato in onda per la prima volta, metteva davvero alla prova la sceneggiatura. Testarlo con i bambini, lavorare con persone laureate molto più intelligenti di quanto potessi mai sognare o immaginare di essere, e assicurarmi davvero che tutto ciò che facciamo con l’ordine in cui diciamo le cose, e presentiamo le cose e i colori, davvero sono lì per aiutare i bambini a imparare e per ottenere concetti che possono poi applicare alla scuola materna e oltre. Non avevo idea di quanto ci fosse dentro.

Ogni tavolo che leggiamo, c’è sempre qualcuno lì che si assicura che se abbiamo una nota o se abbiamo una domanda su qualcosa, “Oh, beh, questo è tornato nella ricerca”, e viene dall’essere sul set e prendere appunti su cose e cose di prestazioni specifiche che dobbiamo modificare davvero, è davvero così sorprendente quanto tutto debba essere specifico, il che lo rende più impegnativo, ma in un modo così divertente. Perché non vogliamo mai tagliare la commedia per il tempo o per il gusto della commedia, ma per farlo funzionare, come possiamo farlo? È stato davvero, davvero fantastico mettersi sulle spine, tenermi sulle spine e allungare tutti quei muscoli per far funzionare questo insieme di curriculum.

La filosofia di Josh Dela Cruz su come comunicare con i bambini

Mi è venuto in mente che comunicare in modo efficace con i bambini è una capacità molto speciale che, specialmente in televisione, penso sia una di quelle cose più difficili da fare di quanto le persone credano, perché non vuoi essere condiscendente e allo stesso tempo non può essere troppo sofisticato. Hai guardato altri host in passato, come Mr. Rogers o qualcuno del genere che forse ti ha influenzato?

Oh, assolutamente. Il signor Rogers era quello con cui sono cresciuto da bambino. Non credo nemmeno che avessimo avuto la TV via cavo fino a quando non ero alle medie, voglio dire. E così il signor Rogers sul canale 13 era quello con cui sono cresciuto. Poi più tardi, quando mia sorella minore aveva quell’età, guardavo “Blue’s Clues” con Steve. Poi più tardi con Joe, con mia cugina quando è nata. Guardarli davvero, davvero mi ha aiutato a informarmi su come affrontare questo. Quando sono andato alla mia audizione, ricordo che Steve Burns mi ha sorpreso mentre ero lì per il mio provino. Il direttore si avvicinò e mi diede degli appunti. Sapevo che c’erano persone sedute fuori dalla vista. Non pensavo che sarebbe stato Steve.

E lui se ne andò e disse: “Oh, Steve, hai qualche nota per Josh?” Quando ho fatto due più due, ero così nervoso, perché il ragazzo che ha creato il ruolo e che ha creato la cosa che sto cercando di fare mi sta guardando. Non appena ha aperto bocca, mi sono sentito importante. Mi sentivo come se la mia voce… avrei dovuto essere lì. Ho capito: “Oh, sai come farlo”. Parli al bambino a casa nel modo in cui vorresti essere parlato da chiunque con rispetto, gentilezza, comprensione. Non aver paura di chiedere aiuto, perché questo è essenzialmente il mio lavoro. Il mio lavoro è chiedere aiuto, che è stata una pratica davvero, davvero meravigliosa, perché non puoi fare tutto da solo. Per andare più lontano hai bisogno dell’aiuto di altre persone e chi meglio del bambino di casa che è esperto in tutto, dal conteggio ai colori, ai sentimenti?

I padroni di casa originali di Blue’s Clues hanno passato il testimone a Josh Dela Cruz

È interessante che tu abbia menzionato l’avere Steve su un set… Ho pensato che il modo in cui ti hanno presentato e che il passaggio del testimone sia stato fatto davvero bene, perché è qualcosa che potrebbe essere facilmente fallito, ma sembrava che mettessero un sacco di pensiero e un sacco di sforzo in tutto questo processo.

Si. La nostra creatrice, Angela [Santomero], lei è fenomenale. Tutto il nostro staff di sceneggiatori, il nostro team di produzione, tutti coloro che hanno lavorato allo show, si sono assicurati che fosse fatto bene, perché ci sono molte cose che ritornano per amore della nostalgia. Ho amato le Tartarughe Ninja crescere, quindi non importava… Penso che amiamo i film delle Tartarughe Ninja, ma avrebbe potuto essere brutto e l’avrei visto. Ma a causa della natura del nostro spettacolo, è uno spettacolo educativo. Il motivo per cui siamo tornati è stato, sì, c’è quel fattore nostalgia, dove i genitori possono divertirsi con i bambini, ma ci sono più di 20 anni di nuove ricerche e nuovi modi per aiutare i bambini a imparare.

Ecco perché era importante farlo bene. Nel farlo, sono stati in grado di usare le loro incredibili capacità creative per colmare quel divario tra me, Steve e Joe, e onestamente, in base a quanto tempo siamo stati effettivamente sul set insieme e in una stanza, non rende sentire come andiamo d’accordo. Andiamo d’accordo come se fossimo cugini o fratelli. Sono così, così grato perché sarei stato così distrutto se li avessi incontrati nella vita reale e fossi tipo “Ooh, non mi piaci”.

Josh Dela Cruz è orgoglioso di rappresentare la diversità sullo schermo

Mi sono imbattuto in un’intervista molto affascinante che hai rilasciato su come, quando hai iniziato come attore, hai davvero cercato di minimizzare la tua eredità. Poi, quando hai iniziato a lavorare in gruppi teatrali asiatici-americani, hai avuto un’illuminazione su come, “No, sto sbagliando tutto. Devo appoggiarmi a questo”. Poi, nel frattempo, ho pensato a quel recente studio sulla rappresentazione dell’AAPI sullo schermo, in cui si scopre che The Rock ha il 30 percento di tutti i ruoli dei personaggi AAPI nei film. Quali sono i tuoi pensieri a riguardo?

Crescendo, è stato… Non mi sono mai visto come qualcuno che sarebbe mai stato in TV. Mia madre scherzava con me e diceva: “Guardi così tanta TV, dovresti solo fare l’attore”. Non ho mai pensato che fosse una possibilità principalmente perché ora, da adulto, mi sono reso conto, oh, non ho visto nessuno con cui mi sono davvero connesso sullo schermo. Chiunque mi somigliasse davvero o si comportasse come me, o chiunque a cui mi riferissi non era uno straniero, non era qualcos’altro. La maggior parte della mia vita da giovane adulto ha cercato di capire come giustificare l’essere me stesso e l’essere americano. Molto di questo stava cercando di inserirsi in una scatola che non era fatta per me.

Uno dei miei ruoli da sogno di tutti i tempi, ogni volta che qualcuno mi chiedeva del teatro, era quello di essere un Jet. Mi piacerebbe essere Action in “West Side Story”. Ho un sacco di allenamento per tornare in qualsiasi tipo di forma per essere Action in “West Side Story”, ma lui è un Jet. A causa del mio aspetto, non sarei mai stato in grado di interpretare quel ruolo. Sfortunatamente questa è la storia di così tanti ruoli a Broadway e molti dei ruoli in televisione e nei film, quindi non mi sono mai visto in quello spazio. L’unico motivo per cui pensavo di poter fare teatro era perché ho visto Lea Salonga e perché ho visto Lou Diamond Phillips più tardi in “The King and I” e BD Wong.

Ci sono tanti modi in cui puoi guardare i media ora. Puoi guardare su YouTube, puoi guardare su Netflix. Ogni rete ha una piattaforma di streaming e non mancano contenuti o ruoli per le persone da giocare, guardare e a cui connettersi. Più ci sforziamo di riflettere l’America che è in realtà, meglio staremo tutti e che tutto è possibile. Le storie cambieranno e il modo in cui le raccontiamo cambierà. Se non avessimo avuto “In the Heights”, se non avessimo avuto nessuno degli spettacoli precedenti ad “Hamilton”, come avrebbe potuto esistere “Hamilton”? È così eccitante, perché ora è la nostra storia, riguarda tutti, indipendentemente dal tuo aspetto. Guardando al futuro, sono emozionato. Sono entusiasta, spero che continueremo a rappresentare più persone sullo schermo, ma anche dietro la telecamera e lo spazio creativo, perché penso che non ci siano limiti alla grandezza che possiamo raggiungere in qualsiasi spazio se lo facciamo.

Sì, quelle canzoni di Blue’s Clues & You! rimani bloccato anche nella testa di Josh Dela Cruz

Chiaramente sei molto appassionato di Broadway. Ora che si sta aprendo, hai intenzione di tornare? O il programma “Blues Clues” è troppo restrittivo per permetterti di fare entrambe le cose?

Voglio davvero, davvero tornare indietro. Voglio davvero tornare indietro. In questo momento, il programma è super, super restrittivo, ma se mai ci fosse una sorta di settimana di vacanza o qualsiasi altra cosa ad “Hamilton” o in qualsiasi altro spettacolo… Non è necessario… Potrei farlo King George. Mi piacerebbe tornare indietro, si spera una volta… Il COVID ha messo in crisi gli orari di tutti e, si spera, una volta tornati a “Stiamo girando questa volta e stiamo finendo a quest’ora”, possiamo iniziare a programmare quella roba e, si spera, fare dei nuovi lavori e portare un nuovo ruolo a Broadway.

Un’ultima domanda, viene da un genitore che ha bambini piccoli che guardano lo spettacolo tutto il tempo, e si chiedeva se ti ritrovi mai a cantare quelle canzoni quando non sei sul set, senza nemmeno rendertene conto?

Assolutamente. Mi dispiace tanto. Genitori, ogni genitore che è là fuori, voglio che mi ascolti e voglio che tu sappia che sono serio. Se ti sei mai infastidito, o se sei già infastidito dalla mia voce e dalle canzoni che canto, mi dispiace tanto, ma grazie mille per aver continuato a suonarlo per i tuoi figli. Siete tutte superstar. Mi ritrovo a cantare “Abbiamo ricevuto una lettera”, e questa è solo una delle cose che le persone mi chiedono se canto ogni giorno e, purtroppo, lo faccio. Molte volte, quando ho difficoltà a trovare qualcosa, comincio a cantare tra me e me, “Sono entrato in questa stanza per cercare un bicchiere”. Non è lontano, ma sì. Mi dispiace.

“Blue’s Clues and You” va in onda su Nickelodeon.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui