Kanye West è un rapper, imprenditore, stilista e – se ha qualcosa a che fare con questo – un futuro presidente degli Stati Uniti.

West ha fatto un’apparizione a sorpresa al Fast Company’s Innovation Festival il 7 novembre 2019, dove ha condiviso le sue aspirazioni presidenziali. “Quando mi candiderò alla presidenza nel 2024, sicuramente …” Il rapper smise di parlare quando il pubblico scoppiò a ridere. Un Occidente imperturbabile chiese: “Di cosa ridete tutti?” Il 42enne ha continuato dicendo che ha in programma di trasferire la sua azienda di moda da miliardi di dollari, Yeezy – che ha avuto un ruolo nelle tendenze della moda avviate dai Kardashian – nel Nord e Sud America entro i prossimi due anni. La sede dell’azienda sarà a Cody, Wyo, nel ranch di 9.000 acri di West. West ha accennato al fatto che il trasferimento di Yeezy negli Stati Uniti “creerà così tanti posti di lavoro” di cui ha intenzione camminare – non correre – per il presidente. Nessuno dirà mai che Kanye West manca di fiducia.

Immaginiamo che West stesse indirettamente sottolineando che la sua capacità di creare una quantità significativa di posti di lavoro non solo stimolerebbe l’economia, ma aiuterebbe anche a ridurre il tasso di disoccupazione. I tassi di disoccupazione possono essere un argomento piuttosto caldo nei dibattiti presidenziali, quindi forse West stava mostrando alle persone che ha già una mano sul problema a più di quattro anni dalla sua offerta presidenziale.

West può parlare in modo chiaro, ma camminerà davvero?

L’abbiamo già sentito da Kanye West

Questa non è la prima volta che Kanye West ha espresso il suo desiderio di essere il leader del mondo libero. Nel 2015, West è salito sul palco dei VMA (questa volta senza nessun rinforzo Taylor Swift in vista) per dire al mondo che aveva in programma di partecipare alle elezioni del 2020. “Non so cosa perderò dopo questo. Non importa, però; Non si tratta di me. Si tratta di idee. Nuove idee. Persone con idee. Persone che credono nella verità”, ha detto il rapper. “E sì, come probabilmente avresti potuto intuire in questo momento, ho deciso nel 2020 di candidarmi alla presidenza.”

All’epoca, Kim Kardashian disse a Ellen DeGeneres nel suo popolare talk show che West non aveva mai discusso del suo desiderio di candidarsi alla presidenza prima del suo sfogo ai VMA. Tuttavia, ha affermato di sostenere pienamente le aspirazioni politiche di suo marito. “Credo che sia serio. So che se si concentra su qualcosa, farà del suo meglio”, aggiungendo, “penso che sarebbe così divertente essere alla Casa Bianca”. Contrappunto, Kim: potrebbe davvero fare schifo essere alla Casa Bianca.

Avanti veloce fino al 2019 e, invece di colpire il sentiero della campagna, West è impegnato a promuovere la sua candidatura presidenziale cinque anni da adesso. È come se l’annuncio del 2020 non fosse mai successo. Sebbene il rapper abbia probabilmente il potere di star per attirare una discreta quantità di sostegno, resta da vedere se è disposto a dedicare tempo e sforzi per una campagna in piena regola. Quindi, anche se suona decisamente come lui piani per candidarsi alla presidenza (anche John Legend dice che è serio al riguardo), ci sono buone probabilità che entro il 2024 West avrà messo gli occhi su un’altra impresa – relegando la sua candidatura a nient’altro che a un’altra ennesima ribellione selvaggia di Kanye West.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui