Proprio quando pensavi che la battaglia per la custodia di Angelina Jolie e Brad Pitt non potesse essere più complicata, uno sviluppo recente ha complicato ulteriormente il caso. Il 27 ottobre, The Hollywood Reporter ha osservato che la Corte Suprema della California ha respinto l’appello di Pitt contro una sentenza del tribunale che rimuoveva il giudice che sovrintendeva all’intero procedimento di custodia. A luglio, Jolie ha vinto la sua offerta per squalificare il giudice John W. Ouderkirk dopo aver affermato di non aver rivelato le sue “relazioni commerciali e professionali in corso” con il team legale di Pitt, secondo Us Weekly. Pitt ha impugnato questa decisione e ha chiesto che fosse esaminata dalla più alta corte della California.

Ora, il giudice Oudenkirk è ufficialmente fuori. Secondo USA Today, la corte non ha offerto una spiegazione, tranne che la “petizione per il riesame e la domanda di soggiorno negata”. La Jolie era a Londra con i loro figli alla premiere di “The Eternals” quando la decisione è stata resa pubblica. Ma secondo Robert Olson, avvocato d’appello di Jolie, è contenta del risultato. “La signora Jolie è concentrata sulla sua famiglia ed è contenta che il benessere dei suoi figli non sia guidato da un comportamento non etico”, ha detto in una nota. “Come rafforzato dalle corti d’appello della California, la nostra magistratura dà la priorità all’etica e al miglior interesse dei bambini e non tollererà la cattiva condotta giudiziaria per premiare gli interessi di una parte. La signora Jolie è lieta che la famiglia ora vada avanti in modo cooperativo”.

Tuttavia, andare avanti significa solo che dovranno ricominciare da capo.

La recente sentenza significa che Angelina Jolie e Brad Pitt dovranno probabilmente ricominciare il procedimento di custodia

Il rifiuto della Corte Suprema della California all’appello di Brad Pitt significa che la sua battaglia per la custodia con Angelina Jolie è tutt’altro che finita. Se non fosse avvenuta la squalifica del giudice Ouderkirk, si sarebbero già avvicinati al traguardo. Ma con questo ultimo sviluppo, è molto probabile che non avranno altra scelta che tornare al punto di partenza.

In una dichiarazione rilasciata a USA Today, il portavoce di Pitt ha affermato che la sentenza non ha importanza nel grande schema delle cose. Non cambierà in alcun modo “la straordinaria quantità di prove fattuali che hanno portato il giudice del processo – e i numerosi esperti che hanno testimoniato – a raggiungere una chiara conclusione su ciò che è nell’interesse dei bambini”. La sua dichiarazione ha continuato: “Continueremo a fare tutto ciò che è legalmente necessario sulla base dei risultati dettagliati degli esperti indipendenti”.

Jolie e Pitt sono coinvolti in questa battaglia per la custodia da oltre cinque anni, che è costata loro una fortuna. L’avvocato divorzista Mark Vincent Kaplan, sebbene non affiliato con l’ex coppia ma abbia rappresentato varie celebrità in queste questioni, ha detto a Us Weekly che probabilmente hanno sborsato “centinaia di migliaia di dollari, se non milioni” nella controversia. “E potrebbe essere di più se ricominciano da capo”, ha aggiunto. “Niente è più costoso di una custodia molto contestata [dispute].”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui