I Giochi Olimpici di Tokyo del 2021 sono a buon punto e la gente è ancora sconvolta per la sospensione di Sha’Carri Richardson dopo che la velocista ha fallito un test antidoping ottenendo il suo record personale alle prove olimpiche. Secondo The Athletic, la Richardson è risultata positiva al THC – una sostanza chimica trovata nella cannabis e nella marijuana – dopo aver partecipato alle prove olimpiche l’8 giugno. L’Agenzia antidoping degli Stati Uniti ha sospeso la Richardson per 30 giorni il 28 giugno e ha significato che non poteva partecipare all’evento olimpico dei 100 metri, che inizia il 30 luglio con le batterie. Richardson potrebbe essere idoneo a partecipare alla staffetta 4×100 metri più avanti nei Giochi – se viene nominata nella squadra degli Stati Uniti, secondo l’outlet.

All’epoca, Richardson accettò la sospensione e accusò il suo uso di cannabis come un modo per far fronte alla morte inaspettata della madre biologica una settimana prima dell’inizio delle prove olimpiche, secondo la NBC. Si è scusata con i suoi fan, la famiglia e gli sponsor durante l’intervista, dicendo: “Mi scuso molto se vi ho deluso, e l’ho fatto”. Tuttavia, Richardson ha promesso che un’altra sospensione “non accadrà mai più” e che sarebbe pronta a competere dopo che le sue sanzioni saranno state revocate.

A pochi giorni dall’inizio dei giochi olimpici, la squalifica di Richardson sta ancora suscitando molte discussioni. Scopri perché le persone la stanno difendendo di seguito.

La sospensione olimpica di Sha’Carri Richardson è sconcertante

La sospensione di Sha’Carri Richardson dai Giochi Olimpici di Tokyo del 2021 ha suscitato indignazione tra le celebrità e i sostenitori della cannabis che affermano che la decisione dell’Agenzia antidoping degli Stati Uniti non è coerente con il suo messaggio nel vietare la sostanza, in particolare perché altri atleti l’hanno pubblicizzata pubblicamente durante il in vista dei Giochi.

In un articolo di Forbes pubblicato il 21 luglio, la star del calcio della squadra nazionale femminile di calcio statunitense Megan Rapinoe ha parlato dell’uso del CBD e ha promosso Mendi, una società di CBD che ha co-fondato con sua sorella Rachael Rapinoe. Megan aveva precedentemente sostenuto Richardson e ha affermato che tutti gli atleti dovrebbero essere in grado di usare la marijuana perché aiuta con la gestione del dolore e l’infiammazione, tra gli altri benefici. Tuttavia, l’intervista di Megan non è stata ben accolta su Twitter con molti utenti che hanno affermato che c’era un doppio standard con il modo in cui entrambi gli atleti sono trattati dai funzionari e dai media. “Non solo Sha’Carri è stata castigata e umiliata, ma non le è stata nemmeno data una piattaforma”, un utente di Twitter ha scritto sotto l’articolo di Forbes, prima di aggiungere: “L’hanno attribuito a ‘un’altra persona di colore che si drogava.’ Ma è divertente perché per i neri è marijuana. Per i bianchi è cannabis”.

Altri utenti hanno anche definito la sospensione di Richardson “ingiusta” dopo che BuzzFeed ha pubblicato un rapporto su come a uno schermidore olimpico è stato permesso di competere ai Giochi quando è indagato per violenza sessuale. “Eppure Sha’Carri Richardson è stata sospesa per un mese e non può partecipare alle Olimpiadi perché è risultata positiva alla marijuana?” un utente twittato. “Dai un senso.”

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui