Jean Hale, un’attrice della serie originale “Batman” e l’ex moglie di Dabney Coleman, è morta all’età di 89 anni. La famiglia di Hale ha detto a The Hollywood Reporter che è morta il 3 agosto per cause naturali a Santa Monica. Mentre Hale è più nota per le sue apparizioni nell’iconica serie ABC “Batman” e per un ruolo secondario nella parodia di spionaggio “In Like a Flint”, ha recitato in più di 60 produzioni cinematografiche e televisive. Tuttavia, la nativa di Salt Lake City potrebbe non essere diventata la veterana dello schermo che è oggi se non fosse stato per un po’ di fortuna.

Hale è nato a Salt Lake City ma è cresciuto a Darien, nel Connecticut. Suo padre, Stanton G. Hale, era un importante leader aziendale di eredità mormone e il suo bisnonno, Soloman Hale, possedeva un ranch con Brigham Young. Prima di studiare teatro, ha frequentato l’Università dello Utah e si è laureata in danza prima di andare allo Skidmore College di New York. Dopo il college, si è abituata a stare davanti alla telecamera, mentre faceva la modella mentre studiava anche alla prestigiosa Neighborhood Playhouse School of Theatre. Alcuni dei suoi insegnanti includevano i registi Sydney Pollack e Martha Graham e i suoi compagni di classe includevano James Caan, Jerry Weintraub, Jessica Walter, Christopher Lloyd, Brenda Vaccaro e il suo futuro marito.

Ma è stato solo all’inizio degli anni ’60, quando la sua vita è cambiata per sempre. Mentre passeggiava lungo la Fifth Avenue a New York City, l’agente di Sandra Dee, Len Luskin, l’ha notata. Questo incontro casuale ha portato a un contratto a sette cifre con la 20th Century Fox.

Jean Hale stava lavorando a una sceneggiatura su un criminale che l’aveva impersonata

Jean Hale potrebbe non aver raggiunto la fama che aveva il suo ex marito, ma era abbastanza conosciuta da avere imitatori. Prima della celebrità, tuttavia, ha sposato Dabney Coleman a New York nel 1961, secondo Deadline. Hanno avuto tre figli, Kelly, Randy e Quincy, prima di divorziare nel 1984. Solo pochi anni dopo il loro matrimonio, Hale ha fatto il suo debutto cinematografico con il film horror “Violent Midnight” e poi le sono arrivate una sfilza di offerte tra cui “In Come Flint” al fianco di James Coburn. Hale ha recitato in altri film come “Taggart” e “The St. Valentine’s Day Massacre con Jason Robards e George Segal. In televisione, è apparsa in “Perry Mason”, “The Alfred Hitchcock Hour”, “The Fugitive” e “Hawaii Five-O”, per il New York Post. In modo memorabile, ha interpretato Polly, complice della nemesi di Batman, il Cappellaio Matto, in due episodi della serie ABC con protagonista Adam West. La sua carriera sullo schermo ha iniziato a rallentare verso la metà degli anni ’80, quando ha deciso di avviare una propria società di produzione.

Nonostante si avvicinasse ai 90, Hale non ha mai smesso di lavorare – infatti, stava scrivendo una sceneggiatura semi-autobiografica. L’Hollywood Reporter afferma che Hale stava lavorando a “Being Jeannie”, basato sulla storia vera di una donna che l’ha impersonata negli anni ’60, ha sposato 10 uomini in tutto il Texas e l’Oklahoma e ha rubato i loro soldi. Selvaggio vero? Incrociamo le dita, la sceneggiatura continua in suo onore e possiamo vedere questa storia unica sullo schermo.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui