L’attrice Dorothy Steel, nota per il suo ruolo in “Black Panther” del 2018, è morta all’età di 95 anni. L’agente della Steel, Cindy Butler, ha dato la notizia su Facebook, scrivendo: “È con il cuore pesante che annuncio questa mattina che Dorothy Steel si è trasferita stamattina nel suo corpo. città natale di Detroit. Questo è ciò che voleva essere a casa. ” Ha continuato, “Grazie signora Dorothy per avermi dato l’opportunità di cavalcare quest’onda con te”.

Steel ha iniziato a recitare all’età di 88 anni, secondo The Hollywood Reporter. L’attore è apparso sia in TV che al cinema, con ruoli in “The Trouble With Going Somewhere”, “Merry Christmas Baby” e “Daisy Winters”.

“Grazie al mondo per averla amata da lontano”, ha aggiunto Butler alla dichiarazione. “Ho ricevuto chiamate da tutto il mondo che volevano intervistare o fare una biografia della sua vita. Era molto selettiva”.

Prima della sua morte il 15 ottobre, Steel ha parlato con Steve Harvey del suo viaggio sul grande schermo e del motivo per cui ha detto di no per la prima volta a “Black Panther”.

Dorothy Steel ha quasi rifiutato Black Panther

Nel 2018, Dorothy Steel ha partecipato a “The Steve Harvey Show” dopo aver creato un video virale chiedendo di essere nel suo show. Nell’intervista, Steel ha rivelato come inizialmente abbia rifiutato l’opportunità di fare un’audizione per “Black Panther”, dicendo al suo agente: “Non c’è modo che non potrò essere in un fumetto alla mia età”. Steel aveva 92 anni quando “Black Panther” uscì nelle sale.

“Era molto persistente”, ha detto la Steel ad Harvey della persistenza del suo agente Cindy Butler nel convincerla a fare “Black Panther”. “Devo davvero darle credito, perché ha detto, ‘Signora Dorothy, puoi farlo.'” L’attore ha continuato raccontando la storia dietro a come suo nipote è stato l’ultimo incoraggiamento di cui aveva bisogno per accettare il ruolo, dicendo a sua nonna: “Parli sempre di non uscire dal nulla, lascia che la tua fede ti porti lì”. La fede di Steel, insieme alla sua pratica quotidiana di un discorso di Nelson Mandela, l’ha portata a unirsi al cast di quello che è diventato un film da 1,3 miliardi di dollari. “Mi fa sentire davvero bene far parte di qualcosa che… posso dire Black? Wakanda Forever!” disse Acciaio. Secondo The Hollywood Reporter, il suo personaggio era un anziano della tribù nel film.

L’addetto stampa dell’attore ha rivelato a WSB-TV dopo la sua morte che la Steel era sul set per le riprese del sequel del film ad Atlanta, aggiungendo: “È uscita alla grande”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui