Una delle stelle più brillanti di Hollywood classiche si è oscurata oggi. L’Hollywood Reporter ha annunciato la morte di Jane Powell, star molto amata dei musical cinematografici dell’età dell’oro di Hollywood, il 16 settembre, per cause naturali. L’amica di lunga data di Powell, Susan Granger, ha confermato la sua morte. Aveva 92 anni.

Powell ha lavorato con la macchina di Hollywood degli MGM Studios da quando era un’adolescente, interpretando i tipi della “ragazza della porta accanto”. Dopo diversi film, tra cui “A Date With Judy” del 1948 e “Nancy Goes to Rio” degli anni ’50, ha sostituito prima June Allyson, che è rimasta incinta, e poi Judy Garland, che è stata licenziata, per il ruolo di Ellen nel film di successo del 1951 ” Royal Wedding”, al fianco della leggenda della danza Fred Astaire. Abbina perfettamente i passi di danza, il canto e l’ingegno con Astaire nel numero “Come puoi credermi quando ho detto che ti amavo quando sai che sono stato un bugiardo per tutta la vita”.

È conosciuta soprattutto per il suo ruolo nel classico (sebbene ora discutibilmente problematico) film musicale “Seven Brides for Seven Brothers”, come Milly, la casalinga del 1850 del boscaiolo Adam di Howard Keel, che ha il compito di trovare spose per i sette fratelli di Adam. Lo studio sperava che la versione cinematografica guidata da Gene Kelly-Cyd Charisse del successo teatrale “Brigadoon” fosse il grande successo di quella stagione del 1954, ma il film deludente fallì e “Seven Brides” divenne un successo dormiente, grazie a gran parte alla coreografia dinamica ed energica di Michael Kidd. Ha anche ottenuto una nomination all’Oscar come miglior film quell’anno.

Continua a leggere per saperne di più sull’incredibile vita di questa stella.

Jane Powell era una bambina di teatro che desiderava la normalità

Jane Powell è nata in Oregon il 1 aprile 1929, come Suzanne Lorraine Burce, e ha studiato e si è esibita da bambina – i suoi genitori speravano che sarebbe stata la prossima Shirley Temple, completa di riccioli. Ha ottenuto alcuni lavori in discoteca e un programma radiofonico settimanale, secondo The Hollywood Reporter, crescendo molto rapidamente.

Quando la sua famiglia si è trasferita a Los Angeles prima che lei iniziasse il liceo, è diventata parte della macchina da film della MGM quando ha catturato l’attenzione dello studio mentre cantava nel programma radiofonico di Janet Gaynor “Stars Over Hollywood”. Ha realizzato il suo primo film, “Song of the Open Road”, a 15 anni come prestito alla United Artists, interpretando un personaggio molto simile a lei – una bambina star che desiderava vivere una vita normale – di nome Jane Powell. Dopo il film, la MGM ha insistito affinché adottasse il nome come suo. Powell ha fatto altri tre film dopo i suoi enormi successi con la MGM, ma ha potuto vedere il calare dell’interesse per i musical cinematografici e ha chiesto di essere liberata dal suo contratto con la MGM a 26 anni, per TCM. È passata alla televisione e al teatro, esibendosi in produzioni su strada di musical classici come “Oklahoma!”, “Carousel” e “South Pacific”, sempre al fianco di Howard Keel. Ha fatto il suo debutto a Broadway in “Irene” del 1973 ed è apparsa in “Bounce” di Stephen Sondheim.

Powell è stata sposata cinque volte, la prima all’età di 20 anni con Geary Steffin, e la più recente con Dickie Moore, morto nel 2015. Ha tre figli, Geary, Suzanne e Lindsay, e due nipoti, Skye e Tia.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui