Come si dice nel mondo dello spettacolo, lo spettacolo deve andare avanti. I musicisti vanno e vengono, ma la musica è per sempre. I Judds, composti dal duo madre-figlia Naomi e Wynonna Judd, hanno entusiasmato il pubblico sin dalla loro formazione nel 1983. A partire dal loro successo di successo “Mama, He’s Crazy”, il duo ha prodotto sei album in studio e 14 singoli al numero 1 prima del 1991. ” Wynonna e io non potevamo parlarci, ma, a bassa voce, potremmo cantare insieme”, ha detto Naomi, secondo PBS.

I Judds hanno continuato a esibirsi a intermittenza nel corso dei decenni, segnando la loro esibizione finale – una tenera versione di “Love Can Build a Bridge” – ai CMT Music Awards 2022. Purtroppo, Naomi è morta poco dopo all’età di 76 anni, portando il tempo del duo a una triste fine. Ma sua figlia Wynonna ha promesso di continuare a esibirsi, in tournée nei giorni da tutto esaurito in cui avrebbe dovuto suonare con Naomi. “Stasera, mentre chiudiamo, lo spettacolo deve andare avanti, per quanto difficile possa essere. E ci faremo vedere insieme e tu mi porterai”, ha detto Wynonna secondo il New York Post.

Non era la prima volta che Wynonna doveva fare da solo, però. Negli anni ’90, Wynonna andò per la sua strada e smise di andare in tour con Naomi per questo tragico motivo.

Wynonna e Naomi Judd hanno temporaneamente deciso di chiudere

A differenza di alcuni duetti popolari, Naomi e Wynonna Judd non hanno smesso di esibirsi insieme perché hanno litigato. Invece, nel 1990, la salute di Naomi ha preso una brutta piega. Secondo TODAY, i medici hanno diagnosticato a Naomi l’epatite C quell’anno. In effetti, hanno dato alla matriarca Judd solo tre anni di vita. L’epatite C colpisce le persone in modo diverso, essendo di breve durata in alcuni e trasformandosi in una malattia cronica in altri. Può portare a cirrosi e altre complicazioni.

In un’intervista del 2019 con la dottoressa Oz, Naomi ha riflettuto su come la prognosi minacciasse la sua carriera. “Ero fuori di testa perché stavo per perdere la mia carriera. Wynona e io avevamo contratti per un anno di concerti. Mi sentivo come se fossi l’amministratore delegato di una grande azienda. Se non cantavo, la gente non mangiava .E ‘stato orribile”, ha detto.

Ma, ancora una volta, lo spettacolo è andato avanti. Dopo lo scioglimento dei Judds, Wyonna ha lanciato una carriera da solista di successo su sollecitazione di sua madre, pubblicando quattro singoli al numero 1. Da parte sua, Naomi ha rifiutato di arrendersi e ha sconfitto la malattia dopo cinque anni. Alan P. Brownstein, ex amministratore delegato di ALF, ha riflettuto su quanta ispirazione sia diventata. Ha detto: “Sebbene un certo numero di celebrità colpite da malattie del fegato abbiano contribuito in molti modi, Naomi è stata una straordinaria: era la mia eroina”.

Wynonna Judd continuerà l’eredità di sua madre

Nei decenni successivi, i Judds si sarebbero esibiti occasionalmente per riunioni speciali e concerti una tantum. Ma non hanno mai eguagliato la stessa produzione che hanno ottenuto durante la loro pluripremiata corsa negli anni ’80. Nell’aprile 2022, il duo ha annunciato insieme un “Final Tour” di 10 tappe che inizierà a settembre.

I Judd sarebbero stati anche inseriti nella Country Music Hall of Fame il giorno dopo la morte di Naomi Judd. Wynonna è salita sul palco e ha riflettuto sulla morte straziante di sua madre, secondo The Tennessean, dicendo: “È una strana dinamica essere così spezzato e benedetto … Ma anche se il mio cuore è spezzato, continuerò a cantare”.

Wynonna si esibirà negli spettacoli sold-out insieme a Martina McBride, come previsto. Ma, in questo momento, la cantante country è concentrata sul ricordo e sull’onore dell’eredità di sua madre. Ha espresso il suo dolore attraverso il potere del canto, l’unica cosa che ha sempre unito madre e figlia nel corso degli anni. “Stasera, la ricordiamo nelle canzoni”, ha detto, secondo la ABC. Ha eseguito una commovente interpretazione di “River in Time”, continuando l’eredità di sua madre perché lo spettacolo è sempre andato e continuerà sempre.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui