L’uscita del trailer del film “Dear Evan Hansen” nel maggio 2021 ha lasciato i fan a chiedersi perché Ben Platt abbia lasciato “Dear Evan Hansen”, la produzione di Broadway di grande successo che, a un certo punto, avrebbe avuto “un incassi settimanale al botteghino di oltre $ 1,5 milioni”, secondo il Washington Post.

Interpretando il personaggio principale, Platt ha vinto un Tony Award nel 2017 come miglior attore in un musical, e la sua interpretazione di uno studente liceale solitario alle prese con l’ansia gli è valso elogi dalla critica e dai colleghi. In un novembre 2017 tweet, Hugh Jackman si è congratulato con Platt “per aver terminato una corsa sorprendente come Evan Hansen” e ha ringraziato l’attore e il cast dello spettacolo per uno “spettacolo memorabile e profondamente commovente”. Lo stesso mese, James Corden twittato a Platt, dicendogli che il suo tempo come Evan Hansen sarebbe stato “ricordato per sempre”.

Nel 2016, un critico del The New York Times ha osservato che Platt ha dato una performance che non era “probabilmente migliore a Broadway [that] stagione.” Lo stesso anno, un critico del Washington Post ha dichiarato: “‘Storico’ è un aggettivo che ho usato raramente per descrivere una performance, ma una recensione che non lo invoca per la svolta incandescente di Ben Platt nell’affascinante agrodolce ‘Caro Evan Hansen ‘farebbe meno giustizia.”

Con tutti i riconoscimenti e il successo, perché Platt ha fatto il suo ultimo inchino? Continuate a leggere per scoprirlo.

Ben Platt è passato ad avanzare sia nella sua carriera che nella vita personale

Al momento della sua partenza nel novembre 2017, non sono state fornite molte informazioni sul motivo per cui Ben Platt ha lasciato “Caro Evan Hansen”. Ha annunciato la sua partenza in a tweet, dicendo semplicemente che avrebbe “terminato un viaggio di 3,5 anni con una straordinaria famiglia di artisti”. Il account Twitter ufficiale anche lo spettacolo di Broadway non ha rivelato molto.

Tuttavia, in un’intervista dell’ottobre 2017 con Variety, Platt ha lasciato intendere che voleva concentrarsi sulla sua carriera di attore e forse anche cimentarsi nella regia, che ha notato essere “sempre stato nelle retrovie di [his] mente.” Pochi mesi dopo la sua ultima notte nel ruolo di Evan Hansen, è stato annunciato il suo ruolo nella serie Netflix di Ryan Murphy “The Politician”. Nel momento in cui scrivo, Platt si sta preparando per riprendere il ruolo di Payton Hobart per la terza stagione del Nel 2019, il ruolo gli è valso una nomination ai Golden Globe.

Nell’intervista a Variety, Platt ha anche detto che mentre si esibiva a Broadway, trovava troppo difficile uscire con loro, condividendo: “Quando tutto questo sarà finito, quello sarà un punto focale. C’è tempo”. Da allora, Platt ha iniziato a frequentare Noah Galvin che lo ha sostituito come Evan Hansen nella produzione musicale. Al momento della stesura di questo documento, i due sono ancora insieme e hanno celebrato il loro anniversario di 10 mesi nel novembre 2020 mentre Platt si stava riprendendo dal coronavirus.

Sembra che fare un piccolo passo indietro nella sua vita professionale abbia fatto miracoli per la vita personale di Platt.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui