Sono passate circa due settimane dall’avvento del catastrofico festival musicale Astroworld e le vittime non si sono fermate. Il 14 novembre, un bambino di 9 anni di nome Ezra Blount, che è stato messo in coma farmacologico dopo essere stato ferito durante l’evento, è morto, ha confermato Sylvester Turner, sindaco di Houston. La morte di Blount porta il bilancio delle vittime di Astroworld a 10.

?s=109370″>

Il 5 novembre, otto persone sono state uccise e centinaia sono rimaste ferite dopo che la folla si è precipitata sul palco durante il set di Travis Scott. Altre due persone sono morte in seguito all’incidente e almeno 25 vittime sono state ricoverate in ospedale a seguito di gravi ferite, secondo il Washington Post. I rapporti affermano che erano presenti circa 50.000 persone.

In risposta alla tragedia, Scott ha annullato la sua esibizione al Day N Vegas Festival, dove era stato nominato protagonista, e ha promesso rimborsi completi per tutti i partecipanti all’Astroworld, secondo Variety. Scott ha anche affermato che sta coprendo tutti i costi del funerale per le vittime e ha collaborato con BetterHelp per offrire una terapia online a coloro che sono stati colpiti negativamente dall’evento. “Questi sono i primi di molti passi che Travis intende intraprendere come parte del suo voto personale di assistere le persone colpite durante il loro processo di lutto e recupero”, hanno affermato i rappresentanti di Scott in una dichiarazione (tramite NBC News). Ma ora, il rapper e gli organizzatori dell’evento potrebbero trovarsi in guai legali ancora più profondi, poiché stanno per affrontare una massiccia causa.

Travis Scott e gli organizzatori di Astroworld dovranno ora affrontare una causa multimilionaria

Travis Scott viene nominato in una nuova causa da 750 milioni di dollari intentata da un avvocato di Houston per conto delle 125 vittime del festival Astroworld. Drake, Apple Music, Live Nation, Epic Records, Scott’s Cactus Jack Records e Tristar Sports & Entertainment Group sono anche imputati, secondo la denuncia, per The Wall Street Journal.

“Le morti e le ferite che si sono verificate sono state inutili e insensate e le sofferenze causate alle famiglie e a tutte le altre persone coinvolte saranno infinite”, si legge nella causa. “I danni richiesti in questo caso tentano di riparare, aiutare o compensare i danni e le perdite subite da questi querelanti, niente di più e niente di meno”.

Il campo di Scott deve ancora rilasciare una dichiarazione, ma fonti vicine al rapper, tra cui Kylie Jenner, sostengono che non era a conoscenza di quanto fosse grave la situazione quando stava accadendo. Dopo l’incidente, Scott ha detto di essere “devastato” e di “impegnarsi a lavorare insieme alla comunità di Houston per curare e sostenere le famiglie bisognose”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui