Quando Nicki Swift ha incontrato Jason Ritter, stava promuovendo il 7° gala annuale di Freeze HD per conto della Huntington’s Disease Society of America, che si svolge virtualmente il 16 ottobre. L’attore, che guarda caso è il nipote di Tex Ritter, è un appuntamento fisso sui nostri schermi, grazie a ruoli in film come “Freddy vs. Jason” e programmi TV tra cui “Parenthood” e “A Million Little Things”. Più recentemente, Ritter ha prestato la sua voce a una moltitudine di personaggi animati, incluso quello di Ryder in “Frozen II”.

Comprensibilmente, Ritter ha avuto una palla che si unisce all’universo “Frozen” della Disney, come ha detto a Nicki Swift. “In realtà conosco Josh Gad e Kristen Bell da anni, anni e anni, e sono andato al college con Kristen, e conosco anche Josh da così tanto tempo”, ha condiviso. “Ero così entusiasta di vedere quando è uscito il primo ‘Frozen’, quanto fosse grande, ma è stato davvero divertente mandare loro un messaggio ed essere tipo, ‘Anch’io sono nella tua famiglia di ‘Frozen’, ora.'”

Ecco com’è stata l’esperienza di Jason Ritter a lavorare con la Disney nell’epica avventura animata.

Jason Ritter è un “ragazzo Disney” in tutto e per tutto

Segnare un ruolo in un film Disney è stato un sogno diventato realtà per Jason Ritter. “È stato così eccitante. Soprattutto perché ero davvero una Disney, sono ancora un ragazzo della Disney”, ha detto a Nicki Swift. “Ma voglio dire, ho visto tutti quei film. Conoscevo probabilmente troppi testi di tutte le canzoni di tutti gli spettacoli, e l’ho adorato. E quindi è stato davvero emozionante entrare in quel mondo e vedere com’è un po’ all’interno di una macchina enorme e massiccia, ed è davvero sorprendente perché al centro di esso, c’è ancora molta giocosità e creatività e cose che non immagineresti in qualcosa che ha un tale vasto pubblico».

Ma il provino per un ruolo nel musical animato non era privo di ostacoli, come ha spiegato Ritter. “Ero decisamente molto nervoso. Era la prima volta che dovevo cantare in un’audizione, e quasi non l’ho fatto perché ero troppo spaventato”, ha ricordato. “Ma poi ho pensato, ‘E se lo provo e lo capisco?’ Se avessi avuto troppa paura, avrei lasciato che la mia paura mi impedisse di esserci, e quello sarebbe stato l’unico ostacolo sulla strada”.

Jason Ritter ha lavorato duramente

Nonostante fosse nervoso all’idea di dover cantare durante l’audizione, Jason Ritter si è lanciato nel tentativo di ottenere un ruolo in “Frozen II”. Come ha rivelato a Nicki Swift, “Sono andato da un voice coach e mi sono esercitato per un mese tra il mio primo [audition] e il mio richiamo, ed è stato così emozionante.”

Tutta quella formazione vocale lo ha indubbiamente aiutato a ottenere il ruolo di Ryder in “Frozen II”, anche se alla fine non era necessario. Come ha spiegato Ritter, “La canzone in cui avrei avuto una piccola parte è stata tagliata, quindi non ho dovuto cantare affatto, comunque. Quindi era come il meglio di entrambi i mondi. Non ho dovuto cantare quello, ma è stato molto divertente.” Ha continuato: “Ho superato un mio enorme ostacolo personale, una grande paura, ed è stato così divertente”.

Jason Ritter sarà il co-conduttore del settimo evento annuale Freeze HD e dell’asta online della Huntington’s Disease Society of America il 16 ottobre 2021.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui