Il seguente articolo include riferimenti alle lotte per la salute mentale.

Nel 2000, un quindicenne Michael Phelps “è diventato il più giovane olimpionico maschio dal 1932”, secondo il Team USA. Apparso in finale per i 200 metri al volo, il nuotatore è arrivato quinto, ma il suo debutto deludente sarebbe stato uno spettacolo raro negli anni a venire. Phelps ha continuato a vincere medaglie nei successivi quattro Giochi olimpici estivi. La sua carriera totale è stata di 28 medaglie – 23 d’oro, tre d’argento e due di bronzo – e riflettendo le sue incredibili prestazioni, Phelps è diventato “l’olimpionico più decorato di tutti i tempi”. Tuttavia, il suo anno più impressionante è stato durante le Olimpiadi di Pechino 2008, dove Phelps “ha stabilito sette record mondiali, otto record americani e otto record olimpici” vincendo otto medaglie d’oro, una in ogni evento a cui ha partecipato.

Durante l’apice della sua carriera di nuotatore, e prima del suo ritiro dalle Olimpiadi dopo i Giochi del 2016 a Rio de Janeiro, il volto di Phelps era ovunque. Ad esempio, ha ospitato “Saturday Night Live” nel 2008 e nel 2012 il nuotatore aveva “11 sponsor tra cui Subway, Hilton, Omega e tutti tranne due usano Phelps su scala globale”, secondo Forbes.

Naturalmente, la vita al vertice del tuo sport non è sempre facile. Questo celebre atleta ha affrontato la sua giusta dose di problemi molto prima di aggiudicarsi la sua prima medaglia d’oro, e non era estraneo alle controversie durante l’apice della sua carriera olimpica. Ma alla fine, il nuotatore ha dimostrato le incredibili possibilità del corpo umano con le sue esibizioni. Immergiamoci nella verità non raccontata di Michael Phelps.

Dentro l’infanzia di Michael Phelps

Michael Phelps è nato nel 1985 a Baltimora, nel Maryland, secondo Biografia. È cresciuto nel quartiere di Rodgers Forge con i suoi due genitori, Fred e Deborah Phelps. Mentre suo padre una volta era un atleta lui stesso – come “un ex giocatore di football del college che ha provato per i Washington Redskins”, secondo il Baltimore Sun – la madre di Michael, che chiama “Debs”, ha lavorato come “amministratore presso la Loch Raven Academy”. .”

Tuttavia, i genitori del futuro olimpionico si separarono presto nella sua vita e alla fine divorziarono. Dopo la separazione, Michael e le sue sorelle maggiori vivevano con la madre. Ma anche dopo la sua prima apparizione olimpica, Deborah ha ancora dimostrato di essere la responsabile dell’adolescente: come ricordava Michael, “Debs mi ha fatto tornare a casa presto dalle Olimpiadi”, il che ha fatto perdere al giovane nuotatore la possibilità di ottenere il ” scooter Razor gratuito che gli atleti hanno ricevuto.”

La madre di Michael spesso ottiene gran parte del merito per aver cresciuto il nuotatore olimpico, e mentre suo padre attribuisce anche alla sua ex moglie il merito di aver fatto un ottimo lavoro nel crescere Michael, Fred si sente escluso dalla storia. “Solo perché vive con Debbie non significa che io non abbia niente a che fare con questo”, ha confessato Fred al Baltimore Sun nel 2001. “È come se non esistessi”. Detto questo, Fred si è assicurato di mantenere l’attenzione sull’olimpionico, dicendo del suo famoso figlio: “È quello in piscina. È la sua storia. Non è la storia di Debbie. Non è la mia storia”.

La storia del primo nuoto dell’olimpionico

Il viaggio di Michael Phelps verso la gloria olimpica è iniziato nel 1992. All’età di sette anni, ha iniziato a nuotare “principalmente perché le sue sorelle maggiori, Whitney e Hilary, stavano nuotando”, secondo Team USA. Anche se i suoi fratelli erano già a loro agio in piscina, la mamma di Michael, Deborah, ricordava un ragazzino esitante. “A sette anni odiava bagnarsi la faccia”, ha rivelato ad Additude Mag. Ma Debs aveva una soluzione semplice, ricordando: “Lo abbiamo capovolto e gli abbiamo insegnato il dorso”.

Nel 1995, Michael aveva rapidamente migliorato le sue capacità di nuoto. A quel tempo, il bambino di 10 anni “deteneva un record nazionale per la sua fascia di età e iniziò ad allenarsi con Bob Bowman”, secondo il Team USA. Sotto la guida del suo allenatore, le capacità di Michael sono solo migliorate. Ben presto iniziò a stabilire record a destra e a manca in piscina. In effetti, molti dei record di Michael Phelps stabiliti nei diversi gruppi di età ed eventi sono rimasti quelli da battere oltre 20 anni dopo, secondo USA Swimming.

Com’era la vita per un adolescente Michael Phelps?

Mentre Michael Phelps migliorava nel nuoto, quelli intorno a lui iniziarono a notare che il giovane era una specie di semi-celebrità. (Ehi, non capita spesso che un adolescente di una piccola città del Maryland gareggi alle Olimpiadi.) Eppure, a questo punto di questa vita, Phelps era anche un ragazzo allampanato alle prese con le solite difficoltà che derivano dall’essere uno studente.

Come ha notato il Baltimore Sun, una volta era “un ragazzo che voleva togliersi l’apparecchio prima delle Olimpiadi”. Secondo quanto riferito, Phelps era anche un “ragazzo timido della Dumbarton Middle School che aveva problemi a stare fermo in classe”. Uno dei suoi amici in quel periodo, una studentessa di terza media di nome Molly Baldwin, iniziò a passare del tempo con Phelps, che era in prima media. Affermando che i due uscivano insieme e che “era così divertente”, Baldwin ha spiegato che lei e Phelps hanno interrotto la loro relazione quando è andata al liceo.

Quando Phelps si era diplomato alla scuola media, la celebrità del futuro olimpionico era aumentata e la sua personalità era apparentemente in qualche modo cambiata. Secondo Baldwin, l’aspirante atleta olimpico “è rimasto fedele al suo carattere”, ma anche “non era timido come una volta”. E per i suoi compagni di liceo, a quanto pare il semplice fatto di vedere il nuotatore nei corridoi era un grosso problema. Baldwin ha ricordato che “le ragazze sciamavano intorno a lui”, prima di ricordare di aver sentito un compagno di studi esclamare: “Oh mio Dio! L’ho toccato!”

La famiglia Phelps è piena di nuotatori di talento

Come accennato in precedenza, grazie alle sue sorelle maggiori, Michael Phelps ha iniziato a nuotare. Ma i suoi fratelli erano più che semplici nuotatori occasionali in piscina. Hilary, la più grande dei figli Phelps, è andata all’Università di Richmond. In un’intervista del 2001 con il Baltimore Sun, ha rivelato di detenere ancora tre record di nuoto dalla sua carriera all’università. La figlia di mezzo Whitney era anche un’incredibile nuotatrice: quando aveva solo 14 anni, “era classificata terza al mondo nella farfalla dei 200 metri”, secondo l’outlet. Vale la pena notare che questo era persino meglio di suo fratello minore, Michael, che si era classificato settimo al mondo nello stesso evento quando aveva 15 anni.

Anche Whitney sembrava essere sulla buona strada per partecipare alle Olimpiadi da adolescente. “Quando è tornata a casa e ha detto ‘Sono di livello mondiale’, ho detto, ‘Oh, va bene'”, ha ricordato sua madre, Deborah. Ma guardando indietro, ha ammesso di pensare che sua figlia sarebbe andata facilmente alle Olimpiadi, “Sono stata ingenua”. Quando Whitney aveva 15 anni ed era ancora una delle migliori americane nei 200 metri farfalla, andò alle prove olimpiche del 1996. Sfortunatamente, è arrivata al sesto posto all’evento e non è riuscita a entrare nella squadra. L’allenatore di Whitney all’epoca ha affermato che il risultato era in parte dovuto a un infortunio alla schiena e in parte ai nervi del grande momento.

“Ha lasciato una cicatrice”, ha detto Michael della performance di Whitney, ricordando, “Ci ha devastato. Eravamo in rovina”.

Michael Phelps rivela ciò che la musica lo pompa

Sin da quando era un adolescente, Michael Phelps ha usato la musica come mezzo per tirare fuori le sue migliori prestazioni di nuoto. Almeno dal 2001, il nuotatore ama ascoltare il rap. Secondo il Baltimore Sun, due dei suoi preferiti da ascoltare “poco istanti prima di gareggiare[d]” erano il defunto DMX ed Eminem. Anche durante l’ultima partecipazione ai Giochi Olimpici di Phelps, gli spettatori potevano vedere il nuotatore che indossava le cuffie prima di un evento. Tuttavia, il suo momento più memorabile e virale è arrivato quando le telecamere hanno catturato Phelps mentre lanciava uno “sguardo di morte” poco prima la semifinale dei 200 metri farfalla alle Olimpiadi estive di Rio de Janeiro 2016 (tramite un video di CBS News). Con il cappuccio alzato e le cuffie sopra l’orecchio, Phelps ha guardato male il suo concorrente, Chad Le Clos dal Sud Africa, in ombra .

Durante la presentazione agli MTV Video Music Awards nello stesso anno, Phelps ha finalmente rivelato cosa stava ascoltando durante il momento virale. L’olimpionico ha annunciato al pubblico: “Ricordi a Rio quando ho fatto quella faccia che è finita su Internet? Ero nella mia zona con la traccia di Future, ‘Stick Talk’, che risuonava nelle mie cuffie”.

Questo nuotatore olimpico ha un lato caritatevole

Dopo la sua incredibile prestazione di otto medaglie d’oro alle Olimpiadi di Pechino 2008, Michael Phelps ha usato le sue risorse per aiutare gli altri. “I miei obiettivi vanno oltre la piscina, per aiutare gli altri a realizzare i propri sogni e continuare a far crescere lo sport che amo così tanto”, ha detto il nuotatore in una nota, secondo ESPN. Speedo, uno dei principali sponsor di Phelps, ha pagato all’atleta un bonus di $ 1 milione per la sua prestazione da record a Pechino. Phelps ha continuato spiegando: “Ritengo che sia appropriato continuare lo slancio che Speedo ha contribuito a creare, impegnando il mio bonus per l’istituzione della Fondazione Michael Phelps, che spero mi aiuterà a ispirare gli altri a realizzare i loro sogni e dare tornare allo sport che mi ha dato tanto”.

Phelps in seguito andò in tournée negli Stati Uniti con la sua fondazione “per visitare i bambini e condividere le sue esperienze olimpiche”. Con Speedo che ha contribuito a sponsorizzare il tour, donando anche altri 200.000 dollari alla fondazione, la campagna iniziale si è concentrata sul dare ai bambini indicazioni per includere l’esercizio come parte di uno stile di vita sano. Da allora, molte delle persone più vicine alla vita di Phelps sono state coinvolte nella sua fondazione: i membri del consiglio includono sua madre, Deborah Phelps, e il suo ex allenatore, Bob Bowman.

Secondo il sito web della fondazione, più di 100.000 persone hanno beneficiato del suo curriculum per imparare a nuotare, a partire dal 2021.

A un certo punto, nessuno aveva più appetito di Michael Phelps

Da ragazzo, Michael Phelps aveva un appetito enorme, come molti adolescenti. Ad esempio, un ristorante locale che Phelps frequentava da adolescente chiamato Pete’s Grille ha dettagliato il suo grande pasto preferito. Secondo il Baltimore Sun, dopo una pratica di nuoto di cinque miglia, Phelps avrebbe mangiato “pile di pancake con gocce di cioccolato, panini con uova e pancetta, più omelette e ciotole colme di grana. Tutto in una sola seduta”. La comproprietaria del ristorante, Darlene Castle, ha spiegato che una volta aveva pensato di aggiungere la sua firma al menu per celebrare le radici della città natale dell’olimpionico, ma ha ammesso: “Sarebbe così tanto cibo che non credo che nessuno potrebbe mangiare esso.”

Al massimo delle sue capacità di nuotatore olimpico, Phelps ha continuato a consumare una quantità di cibo dichiaratamente folle. Durante le Olimpiadi estive del 2008 – e durante la migliore performance della carriera – Phelps ha spiegato la sua dieta a NBC Sports, “Non cucino affatto. Mi è stato detto che dovevo mangiare tra le otto e le 10.000 calorie al giorno. Cerco solo di infilare tutto quello che posso nel mio corpo”. E Phelps non ha trattenuto le sue scelte, aggiungendo: “È praticamente tutto ciò che ho voglia di mangiare, lo mangerò”.

Durante la sua apparizione in “Saturday Night Live”, Phelps ha preso parte a una scenetta che prendeva in giro il suo alto apporto calorico, in cui l’olimpionico promuoveva una falsa “dieta di Michael Phelps”, in cui i seguaci potevano mangiare enormi quantità di cibo.

Quella volta che Michael Phelps ha corso con uno squalo

Durante l’evento annuale “Shark Week” di Discovery Channel nel 2017, Michael Phelps ha promosso una gara tra se stesso e un grande squalo bianco. Secondo quanto riferito, questo animale può nuotare fino a 10 volte più velocemente degli umani, lasciando all’olimpionico poche possibilità di vincere. “Essere in grado di trovarmi quasi faccia a faccia con alcuni dei più grandi predatori e animali che potessimo trovare è stato qualcosa di eccitante e solo un’opportunità che non potevo lasciarmi sfuggire. È stato un elemento della lista dei desideri per me per anni “, ha detto Phelps a Entertainment Weekly.

Dotato di una monopinna per darsi una propulsione extra, Phelps ha spiegato che ha nuotato da solo, regatando in acque libere vicino al Sudafrica con “circa 15 sommozzatori di sicurezza in giro”. Tuttavia, molti fan sono rimasti delusi dal risultato finale della gara. “Quando è stata mostrata la ‘razza’, Phelps è stato abbinato a un’immagine generata al computer di uno squalo, che presumibilmente simulava la velocità di uno squalo reale”, ha riassunto il New York Times, osservando, “Lo ‘squalo’ è persino saltato fuori dall’acqua a il traguardo per una visuale convenientemente spettacolare.”

Dopo l’evento poco brillante, una portavoce del canale, Laurie Goldberg, ha spiegato che lo speciale era “rendere le persone entusiaste degli squali”. Ha poi chiarito che non c’era alcuna intenzione di mettere a rischio la vita di Phelps contro uno squalo, aggiungendo che “nei primi due minuti dello spettacolo, abbiamo chiarito che non ce l’avremmo fatta a fianco a fianco”.

Il corpo di questo olimpionico è come nessun altro

Dopo aver visto il completo dominio di Michael Phelps in acqua, è comprensibile che alcuni possano pensare che il nuotatore sia uno scherzo della natura (sai, in senso buono, vincitore di medaglie olimpiche). In effetti, il suo corpo è costruito in modo diverso, il che significa che l’olimpionico ha diverse stranezze fisiche che lo hanno aiutato a diventare uno dei migliori atleti di sempre. Ad esempio, Phelps “ha una doppia articolazione su gomiti, ginocchia e caviglie – solo uno dei suoi numerosi vantaggi in piscina”, ha descritto un video delle Olimpiadi. Per quanto riguarda le sue caviglie a doppia articolazione, il Washington Post ha spiegato che questo ha dato a Phelps un “raggio insolito di calcio”. Nel frattempo, i “gomiti a doppia articolazione del nuotatore consentono a Phelps di creare più spinta verso il basso nell’acqua”, secondo Biografia.

Le “grandi mani dell’Olimpo agiscono anche come pagaie”, come ha descritto quest’ultimo sbocco. E anche se Phelps è piuttosto alto – 6 piedi e 4 pollici – le sue proporzioni sono atipiche. Il suo busto è particolarmente lungo per questa altezza, e Phelps ha “le gambe di un uomo più corte di 8 pollici” – che lo hanno aiutato a produrre meno resistenza mentre nuota.

Oltre alla forma del suo corpo, anche la scienza interna di Phelps si è distinta tra i suoi concorrenti. Uno studio ha mostrato che l’olimpionico ha prodotto “metà dell’acido lattico dei suoi concorrenti”, secondo The Telegraph. Questo acido si presenta naturalmente dopo lo sforzo fisico e durante il recupero, poiché il corpo elimina l’acido lattico. Ciò significa che, per Phelps, potrebbe recuperare “in pochi minuti, ed è così che è riuscito a vincere oro dopo oro in rapida successione in passato”.

La verità dietro quegli strani segni su Michael Phelps

Durante le Olimpiadi del 2016, il mondo ha visto Michael Phelps tornare ai Giochi estivi nella speranza di ottenere ancora più medaglie per il nuoto. Ma oltre a chiedersi quanti ori potrebbe portare a casa, molti fan si sono interrogati sull’aspetto fisico di Phelps. In particolare, perché aveva un mucchio di cerchi viola sulla schiena durante i suoi eventi olimpici (come nuotatore, non poteva nascondersi dal mostrare molta pelle in un costume da bagno). Si scopre che i segni provenivano in realtà da “un’antica pratica di guarigione cinese” chiamata coppettazione, secondo il New York Times.

Keenan Robinson, all’epoca personal trainer di Phelps, ha minimizzato la pratica e ha definito la coppettazione “solo un’altra modalità di recupero”, dicendo: “Non c’è niente di particolarmente speciale in questo”. Nel frattempo, come ha spiegato Phelps sul metodo, “L’ho fatto prima delle riunioni, praticamente tutte le riunioni a cui vado”. Secondo il nuotatore, se si fosse sentito dolorante, sarebbe stato d’aiuto passare attraverso una sessione di coppettazione. Tuttavia, ha anche ricordato i tempi in cui “l’allenatore ha colpito [him] piuttosto duro e ha lasciato un paio di lividi.”

Robinson ha fatto eco al sentimento che, sebbene buono per il recupero, la coppettazione ha lasciato a Phelps segni sulla pelle che sembravano “come un dalmata o una manica del tatuaggio davvero brutta”. In un post su Instagram condiviso nel 2015, Phelps ha mostrato la pratica della coppettazione in azione con un’istantanea in cui un allenatore sorrideva mentre metteva una tazza – una delle tante – sul retro delle gambe dell’olimpionico.

Questo ex olimpionico è diventato un padre di famiglia

Durante la partecipazione agli ESPY Awards 2007, la celebrazione annuale degli atleti sul tappeto rosso di ESPN, Michael Phelps ha avuto un incontro inaspettato. Uno dei dipendenti della rete, Nicole Johnson, è stato assegnato come scorta all’evento – e un decennio dopo, Phelps ha parlato del loro incontro carino con ET.

“È divertente, racconta sempre la storia come, ‘Volevo qualcuno di diverso’ e io ero tipo, ‘Oh grazie tesoro, davvero, davvero così'”, ha scherzato l’olimpionico. Ha spiegato che i due hanno iniziato a frequentarsi ed erano stati “intermittenti per 10 anni”, alla fine si sono sposati e hanno dato il benvenuto al loro primo figlio, Boomer, insieme nel 2016. Ripensando al loro successo coniugale dopo il loro primo incontro, Phelps ha affermato che sua moglie ha detto: “Tutto funziona per una ragione.”

Nicole e Michael da allora hanno ampliato ulteriormente la loro famiglia. A partire dal 2021, entrambi erano orgogliosi genitori di tre ragazzi, secondo il New York Post, avendo accolto Beckett nel 2018 e Maverick l’anno successivo. L’account Instagram di Nicole la mostra spesso con la sua grande famiglia, che comprende anche i loro due cani, Juno e Legend. Oltre ad essere una super mamma, Nicole è anche una filantropa, che fa parte del consiglio consultivo della Michael Phelps Foundation.

Alcuni momenti controversi hanno circondato Michael Phelps

Nel 2004, i sogni di Michael Phelps si sono avverati. Alle Olimpiadi estive di Atene, in Grecia, il nuotatore ha vinto la sua prima medaglia d’oro nei 400 metri misti individuali e ha lasciato i Giochi con un totale di otto medaglie. Ma più tardi quell’anno, la scarsa capacità di giudizio portò Phelps a fare notizia per tutte le ragioni sbagliate.

Un poliziotto di stato ha fermato un Phelps di 19 anni nel Maryland dopo aver eseguito un segnale di stop, secondo CBS News, e presto ha sospettato che fosse ubriaco. Dopo essere stato “accusato di guida in stato di ebbrezza, guida in stato di ebbrezza, violazione di una restrizione della patente e mancato rispetto di un segnale di stop”, secondo l’outlet, gli sono stati dati 18 mesi di libertà vigilata. Cinque anni dopo, una foto di Phelps è circolata su Internet, in cui sembrava “inalare dal tipo di pipa di vetro usata per fumare cannabis”, ha riferito il Guardian. Oltre ad essere “sospeso dalle competizioni per tre mesi dalla sua autorità di nuoto”, lo scandalo ha portato uno dei suoi sponsor, Kellogg, a farlo cadere. Tuttavia, le cose sono precipitate nel 2014, quando Phelps è stato accusato di un altro DUI dopo essere stato fermato per eccesso di velocità. USA Swimming lo ha sospeso per sei mesi e Phelps si è registrato in un programma di riabilitazione di 45 giorni.

“Ero in un posto davvero buio”, ha spiegato Phelps a SI. “Non voglio più essere vivo.” Mentre l’olimpionico ha detto allo spettacolo “Today” che non aveva lottato con la dipendenza dall’alcol, ma piuttosto “abbuffato”, ha spiegato nel 2016, “Mi sono registrato, perché penso di essere in un punto della mia vita in cui qualcosa aveva bisogno cambiare.”

Se tu o qualcuno che conosci stai lottando con la salute mentale, contatta il Riga di testo di crisi scrivendo a HOME al 741741, chiama il Alleanza Nazionale sulle Malattie Mentali assistenza telefonica al numero 1-800-950-NAMI (6264), o visitare il Sito web dell’Istituto Nazionale di Salute Mentale.

Un altro grande traguardo atletico per Michael Phelps

Nel 2012, Michael Phelps ha stabilito diversi record nel mondo dello sport. Alle Olimpiadi estive di Londra, il nuotatore ha guadagnato la sua diciannovesima medaglia, diventando ufficialmente l’atleta olimpico più decorato di sempre, secondo quanto riportato dal Wall Street Journal. Ma al di fuori delle Olimpiadi, Phelps ha stabilito un record in uno sport che non praticava nemmeno da professionista: il golf.

Quell’anno, al Dunhill Links Championship a Kingsbarns in Scozia, Phelps fece coppia con il golfista professionista Paul Casey. Il nuotatore ha allineato un putt che, secondo il caddy di Casey, “era da 159 piedi o 53 iarde” – più lungo della metà della lunghezza di un campo da calcio. Un video del putt ha mostrato la palla in movimento per 17 secondi. Questo è stato abbastanza tempo per i commentatori per parlare delle medaglie d’oro di Phelps e, mentre si avvicinava, chiedere: “Dove sta andando questo putt?” Proprio prima che la palla affondasse nella tazza, il commentatore ha detto: “Non poteva. Ce l’ha!” Phelps ha pompato le braccia per la gioia, e l’annunciatore ha affermato che il colpo è stato “un putt lungo come penso che abbiamo mai visto”.

Secondo il Daily Mail, il putt di oltre cinquanta yard è diventato il più lungo mai trasmesso in televisione. “È stato il putt più lungo che abbia mai avuto e vederlo entrare è stata una bella sensazione”, ha detto Phelps del suo fantastico tiro. Nel frattempo, l’analista di golf Ewen Murray ha descritto il colpo come “perfetto”, con la palla “che percorre tre diversi livelli al ritmo perfetto”.

Michael Phelps rivela le sue lotte interne

È facile celebrare gli olimpionici dopo aver vinto medaglie per i loro paesi d’origine, ma pochi riconoscono l’immensa pressione e le lunghe ore che sono trascorse in quei momenti. In un documentario della HBO intitolato “The Weight of Gold”, Michael Phelps – che è stato produttore esecutivo e ha anche fornito la sua voce come narratore del film – ha parlato della sua lotta di salute mentale con ansia e depressione come atleta olimpico. Nel documentario sono apparsi anche molti altri famosi olimpionici, dallo snowboarder Shaun White al pattinatore artistico Sasha Cohen, e tutti condividevano storie simili.

“Stavamo tutti dicendo: ‘Nessuno ci aiuta’ e ‘Siamo solo prodotti'”, ha detto Phelps a USA Today. “… Perché pensavo che ogni sport fosse così diverso, ogni individuo sarebbe stato così diverso, eppure ci sono 15-20 di noi nel film che vanno completamente contro questa affermazione”.

Anche prima di gareggiare alle Olimpiadi, Phelps ha anche affrontato l’ADHD. In un video del 2017 per Child Mind Institute, il nuotatore ha parlato di convivere con il disturbo. “È qualcosa con cui ho vissuto tutta la mia vita e continuerò a convivere”, ha detto l’olimpionico, aggiungendo: “È stato qualcosa che ha cambiato la mia vita sin dall’inizio”. Phelps, che è stato a lungo aperto sulla sua esperienza positiva con la terapia, ha continuato dicendo: “Penso che la cosa più importante per me, una volta che ho scoperto che era giusto parlare con qualcuno e cercare aiuto, penso che sia qualcosa che è cambiato la mia vita per sempre, e ora sono in grado di vivere la vita al massimo”.

Se tu o qualcuno che conosci stai lottando con la salute mentale, contatta il Riga di testo di crisi scrivendo a HOME al 741741, chiama il Alleanza Nazionale sulle Malattie Mentali assistenza telefonica al numero 1-800-950-NAMI (6264), o visitare il Sito web dell’Istituto Nazionale di Salute Mentale.

Quanto vale Michael Phelps?

Michael Phelps è una rarità nel suo sport per molte ragioni. Oltre al suo evidente dominio nelle gare di nuoto, è anche molto redditizio in uno sport che generalmente passa inosservato tra i Giochi Olimpici. Come risultato della corsa alla medaglia senza precedenti del nuotatore nel 2008, Phelps si è preparato per enormi vincite. Secondo Forbes, il suo agente, Peter Carlisle, ha predetto che l’olimpionico “potrebbe guadagnare $ 100 milioni nel corso della sua vita dagli sponsor”. E oltre un decennio dopo, Phelps si stava già avvicinando a quella previsione.

Secondo Celebrity Net Worth, la fortuna di Phelps valeva circa 80 milioni di dollari nel 2021, con il nuotatore che, secondo quanto riferito, “si diverte[ing] una delle carriere post-olimpiche più redditizie della storia americana”, in parte a causa delle sue sponsorizzazioni da artisti del calibro di Speedo, Under Armour, Visa, Wheaties e altro. Con quel tipo di denaro, il nativo del Maryland potrebbe probabilmente vivere ovunque voleva – e Phelps ha usato parte dei suoi guadagni per concedersi il lusso di una casa di 2.5 milioni di dollari a Scottsdale, in Arizona. Secondo Town & Country, la lussuosa residenza con cinque camere da letto poggia “su quasi un acro di terreno vicino Arizona State University” e vanta una piscina e quattro caminetti totali.

Per quanto riguarda il potere di fare soldi di Phelps, questo olimpionico in pensione non mostra segni di rallentamento. Nel 2016, ha detto alla CNBC delle sue aspirazioni imprenditoriali: “Non sai mai cosa può succedere. Adoro essere coinvolto in piccole cose e divertirmi con le cose. Immagino che solo il tempo lo dirà”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui