La giornalista veterana Cokie Roberts, che è spesso accreditata come un pioniere per le donne della stampa, è morta per complicazioni di cancro al seno all’età di 75 anni. È sopravvissuta al marito e ai due figli.

Roberts, che è stato nominato “Living Legend” dalla Biblioteca del Congresso nel 2008, è forse meglio conosciuto per aver aiutato trampolino di lancio Npr nel colosso della radio pubblica è conosciuto come oggi. È stata anche una venerata commentatore di ABC News che è apparsa su vari programmi di rete, tra cui questa settimana E Buongiorno America. Secondo Buongiorno America, la giornalista ha collezionato tre Emmy Awards ed è stata inserita nella Broadcasting and Cable Hall of Fame durante la sua decennale carriera; tuttavia, il suo lavoro non era dove ha trovato la gioia più grande.

Dietro le quinte del suo puntuale commento politico, questa giornalista di lunga data, radio e televisione, era anche una donna di famiglia la cui vita era sempre strettamente intrecciata con il mondo politico di Washington, D.C. – dai suoi primi ricordi all’occasionale confronto con Donald Trump. Questa è l’indicibile verità di Cokie Roberts.

Cokie Roberts è cresciuto vagando per le sale del Congresso

Come figlia di due rappresentanti degli Stati Uniti, i primi ricordi di Cokie Roberts furono del Congresso. È nata e cresciuta nei corridoi del ramo legislativo, e alla fine ha dedicato la sua vita a riferire su di esso. Il padre di Roberts, Hale Boggs, ebbe una lunga carriera nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti. Fu eletto rappresentante per la Louisiana nel 1940, e divenne il leader della maggioranza della Camera nel 1971. Era una figura politica così importante che, secondo gli archivi della Camera dei Rappresentanti, ci si aspettava che un giorno assumesse il ruolo di presidente della Camera. Sfortunatamente, è morto prima di aver avuto l’occasione.

Secondo gli archivi della Camera, Roberts aveva una ricchezza di ricordi positivi della sua infanzia a Washington, tra cui andare in metropolitana del Senato e sedersi ai suoi posti in vimini, partecipare all’Opening Day del Congresso con suo padre alla fine degli anni ’40, e cercare di convincere suo padre a sostenere pubblicamente il Voting Rights Act del 1965. Per molti versi, il Campidoglio si è sempre sentito come a casa.

“Ho ancora momenti in Campidoglio dove farò girare un angolo, e qualcosa tornerà di corsa”, ha detto nel 2007 (attraverso gli archivi della Casa). “E ho 63 anni. E ci saranno momenti in cui giro un angolo e una sorta di metà si aspettano di vedere mio padre. Quindi è un posto molto – un luogo che ufemò di ricordi, per dirla con un eufemismo.”

Cokie Roberts è stata una pioniera come sua madre

Cokie Roberts ha seguito le orme di sua madre, Corrinne “Lindy” Boggs, che era un pioniere per le donne a Washington, D.C. Secondo la sua biografia nell’archivio della Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, Boggs fu la prima donna a rappresentare la Louisiana alla Camera, ma inizialmente si trasferì nella capitale della nazione per servire come consigliere politico capo per suo marito (e il padre di Roberts), Hale Boggs.

Lindy ha iniziato la sua carriera con radici nel giornalismo, che è in definitiva dove sua figlia ha anche trovato la sua chiamata. La congressista era una redattore del giornale Newcomb College of Tulane University, dove inizialmente incontrò Hale, che servì come redattore generale. Si sposarono prima che Hale si laureasse in legge, e Lindy intraprese una carriera di sostegno alle campagne del marito e alla vita politica mentre cresceva i suoi tre figli.

Dopo la tragica morte di Hale (più su questo in un attimo) – e tre decenni di servire come suo “confidente politico, stratega e attivista surrogato” – Lindy ha vinto un’elezione speciale per riempire il seggio vuoto di suo marito. Finì per servire nella casa per 18 anni. Il presidente dei Servizi Armati F. Edward Hebert una volta la definì “l’unica vedova che conosco che è veramente qualificata – dannatamente qualificata – a prendere il sopravvento”.

Il padre di Cokie Roberts è scomparso in un incidente aereo

Il padre di Cokie Roberts, Hale Boggs, prestò servizio nella Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti per circa tre decenni prima della sua tragica scomparsa nell’ottobre 1972. Secondo Politico, il deputato stava servendo come leader della maggioranza della Camera quando il suo aereo scomparve durante un viaggio di campagna da qualche parte tra Anchorage e Juneau, Alaska.

Boggs non era l’unico politico a bordo dello sfortunato flig charterHt. Il bimotore Cessna 310 trasportava anche il Rep. Nick Begich, un democratico dell’Alaska; Russell Brown, aiutante di Begich; e Don Jonz, il pilota. A quel tempo, l’operazione di ricerca e salvataggio era la più grande nella storia degli Stati Uniti. Politico ha riferito che ha coinvolto “40 aerei militari, 50 aerei civili, una griglia di ricerca di 325.000 miglia quadrate, e più di 3.600 ore di tempo di ricerca.” Sfortunatamente, il relitto non è stato trovato, e la ricerca è stata disattivata dopo 39 giorni. Boggs fu presunto morto, e il Congresso successivamente approdì una legge che richiedeva l’installazione di trasmettitori di localizzatori di emergenza in tutti gli aerei civili degli Stati Uniti.

La morte di Boggs fu oggetto di una serie di teorie cospirative, la maggior parte delle quali riguardavano il suo ruolo con la Commissione Warren, che indagò sull’assassinio del presidente John F. Kennedy nel 1963. Vinse postumo la rielezione, che alla fine indusse la vedova Corrinne “Lindy” Boggs a correre per il Congresso – e vincere – nel 1973, quando il suo seggio fu dichiarato vacante.

Cokie Roberts saltato su una carriera politica per suo marito

I genitori di Cokie Roberts non erano gli unici nella famiglia del giornalista con ambizioni politiche. E ‘praticamente diventato il commercio di famiglia. Secondo Buongiorno America, Il fratello maggiore di Cokie, Thomas, che avrebbe coniato il soprannome cokie dopo che non poteva pronunciare Corinne, era un lobbista. Sua sorella Barbara Boggs Sigmund era il sindaco di Princeton, New Jersey.

In un’intervista con Il Washington Post, Roberts ha ammesso che lei è “l’unica persona in [her] famiglia nucleare originale che non si è corsa per il Congresso”, e sua madre è l’unica che non ha mai perso un’elezione. Ma c’è un’ottima ragione per cui il famoso commentatore politico ha deciso di evitare quel percorso di carriera. Non voleva che interferisse con il sogno di suo marito.

“Steve [Roberts] e mi sono incontrato quando avevamo 18 e 19 anni. Era sempre un giornalista da quando aveva, tipo, nove o dieci anni. Quindi, sarebbe stato molto difficile per lui se fossi andato in politica”, ha detto Il Washington Post. “Mi sono sempre sentito semi-colpevole su di esso. Ma ho in qualche modo placato la mia colpa scrivendoci su di esso e sentendomi come se io duca la gente sul governo e su come essere buoni elettori e buoni cittadini.”

Il marito di Cokie Roberts ha servito come suo mentore

Cokie Roberts e suo marito Steven Roberts, un ex New York Times giornalista, sono stati sposati per 53 anni. Secondo un New York Times Profilo, i due si incontrarono nel 1962 ad un evento politico ospitato dalla Ohio State University. All’epoca, erano entrambi al college: Cokie al Wellesley College e Steven ad Harvard. Inizialmente impressionò il suo futuro marito parlando alla conferenza, perché, all’epoca, “era molto insolito per le donne parlare”. I giovani studenti finirono per sposarsi nel 1966 dopo che Cokie, che aveva 22 anni ed era stufo di aspettare, disse a Steven che si sarebbe trasferita in California se non ci avesse messo un anello.

Steven rimase una delle principali fonte di sostegno per Cokie durante tutto il loro matrimonio. Anche se ha detto al New York Times che lei “non pensava [she’d] hanno una carriera di grande successo” quando hanno legato il nodo, Steven ha finito per servire come suo mentore quando ha iniziato. In un progetto di storia orale sviluppato dalla Camera dei Rappresentanti (tramite Buongiorno America), Cokie ha ammesso: “Sono sempre stato un bravo scrittore, e così ho iniziato a riferire e scrivere. E ‘stato un grande aiuto per me, e abbiamo fatto molto insieme.

Cokie Roberts ha avuto un matrimonio enorme cortile

Cokie Roberts e suo marito erano stati insieme fin da quando erano adolescenti, e dopo aver deciso di legare il nodo, la coppia ha gettato il matrimonio più gigantesco e low-key immaginabile. Secondo un profilo New York Times, saltarono fuori su un matrimonio in chiesa, perché stavano saltando in un’unione interreligio. Invece, si sono sposati nella casa di famiglia di Roberts a Bethesda, MD, dove la coppia viveva ancora a 2017.

“Abbiamo avuto un matrimonio cattolico ebraico e abbiamo dovuto superare alcuni ostacoli”, ha detto Roberts New York Times. “Così ci siamo sposati nel mio cortile invece in una casa di culto.”

L’evento aveva una lista di ospiti enorme. Roberts ha affermato che si sono presentati 1.500 persone, ma in realtà non hanno ottenuto nulla di professionalmente. Sua madre ha finito per cucinare “l’intero pasto” per la ricezione massiccia. Il matrimonio di Roberts ha dato due figli e, successivamente, sei nipoti.

Cokie Roberts era una ‘madre fondatrice’ della National Public Radio

Cokie Roberts è spesso accreditato come una “Madre Fondatrice” della National Public Radio, ma secondo Npr, ha ottenuto il suo iniziare ad ospitare uno spettacolo di affari pubblici chiamato Incontro delle menti sulla locale stazione di Washington WRC-TV.

Dopo Incontro delle Menti, Roberts ha svolto una serie di lavori di trasmissione, si è trasferito in Grecia con il marito per il suo lavoro con il New York Times, e divenne corrispondente straniero e libero professionista per la CBS. Iniziò a lavorare con la NPR solo nel 1977, circa otto anni dopo la sua fondazione, anche se era ancora praticamente sconosciuta.

Roberts divenne una pioniera per le donne nel giornalismo radioteleviso attraverso il suo lavoro con la NPR. Secondo Npr, era una delle molte donne che hanno tenuto un “ruolo visibile” lì. A quel tempo, il giornalismo era un campo massicciamente dominato dagli uomini, ma le donne finivano per gravitare verso la stazione perché era un upstart a basso costo. Secondo Npr corrispondente Mara Liaisson che ha parlato con Qui e Ora, la stazione “pagava così male allora, e un sacco di volte quando i giornalisti maschi sono arrivati a una certa età o si sono sposati, hanno avuto figli, avrebbero lasciato per un lavoro più pagato in una rete televisiva.”

Roberts finì per servire come corrispondente del Congresso della NPR per più di un decennio, ma alla fine lasciò per ABC dove divenne corrispondente politico per World News Stasera con Peter Jennings (nella foto sopra) è apparso su Nightline come ancoraggio di riempimento e co-ancorato questa settimana.

Cokie Roberts stava lottando con la sua salute dietro le quinte

Cokie Roberts ha lottato con la sua salute dietro le quinte prima della sua morte. Secondo Il Washington Post, all’esperto ABC è stato diagnosticato un cancro al seno nel 2002, che è accaduto in coincidenza con la sua partenza da La settimana, che era uno spettacolo settimanale domenicale co-ancorato da Sam Donaldson. Ha avuto una lumpectomia di successo e ha fatto un pieno recupero dopo i trattamenti chemio. Nel bel mezzo di esso, il giornalista aveva una tenacia marcata, raccontando WaPo che non si aspettava che la sua diagnosi di avere “qualsiasi interferenza importante con [her] lavoro”, e che aveva ancora in programma di coprire le elezioni di midterm per ABC News. Anche il cancro non era abbastanza per far fare una pausa a Roberts.

Nell’agosto 2019, il commentatore politico ha sollevato alcune preoccupazioni circa la sua salute a seguito di un’apparizione questa settimana dove era notevolmente sottile. Roberts è stata inondata di messaggi preoccupati prima di aprire finalmente la sua lotta con non specificati “problemi di salute” che le hanno causato la perdita di peso. Ha chiesto un trattamento e ha affermato che stava “facendo bene”. “Apprezzo molto i commenti gentili che ho ricevuto e mi aspetto di essere, come sono stato, lavorando lontano nei giorni e nei mesi a venire, coprendo quella che promette di essere un’elezione affascinante”, ha detto Axios in una dichiarazione. “Sono grato a tutti coloro che sono stati in contatto e hanno inviato i loro auguri. Grazie per la cura.

Roberts alla fine morì per complicazioni al seno il mese successivo.

Il presidente Trump non è andato d’accordo con Cokie Roberts

Il presidente Donald Trump e Cokie Roberts non hanno visto esattamente occhio per occhio. Al momento della sua scomparsa, l’ex sviluppatore immobiliare aveva un’opinione diversa sul famoso giornalista rispetto ai suoi predecessori. Secondo Cnn, L’ex presidente Barack Obama ha definito Roberts “un modello per le giovani donne in un momento in cui la professione era ancora dominata dagli uomini”. L’ex presidente George W. Bush descrisse Roberts come un “giornalista talentuoso, duro e leale”, e la definì persino “un’amica”. Ecco cosa Trump aveva da dire:

“Non l’ho mai incontrata. Non mi ha mai trattato bene. Ma vorrei augurare buon lavoro alla sua famiglia. Era una professionista e rispetto i professionisti”, ha detto Trump (via Cnn) ad un gruppo di giornalisti che viaggiano con lui sull’Air Force One. “Vi rispetto molto, voi gente molto”, ha continuato, aggiungendo: “[Roberts] era un vero professionista. Non mi ha mai trattato bene, ma certamente la rispetto come professionista.”

I commenti di Trump arrivano nall’inizio di un anno dopo Cokie ha scritto un saggio con il marito per La stella meridiana che ha dichiarato che il presidente era “intenzionato a distruggere la credibilità di una stampa libera e indipendente”, e ha citato un Washington Post rapporto che sosteneva di aver fatto “5.000 ‘false e fuorvianti affermazioni'” da quando è stato assunto l’incarico. Secondo Il Washington Post, Trump e Roberts hanno anche “sparred in diretta televisiva per l’impatto della sua retorica sulla razza” durante la sua campagna del 2016, che ha portato Trump a chiamare la domanda del giornalista “molto brutto”.

Cokie Roberts è stata una campionessa della storia delle donne

Cokie Roberts non era solo un pioniere per le donne nel giornalismo. La scrittrice e commentatrice ha cercato di raccontare le storie non celebrate delle donne che hanno plasmato la storia dietro le quinte , proprio come sua madre aveva fatto sostenendo la carriera politica di suo padre e poi diventando una congressista per riempire il suo posto vuoto.

Secondo Npr, Roberts è autore di sei libri che “hanno esaminato il ruolo delle donne potenti nell’era della guerra civile”, molte delle quali sono diventate best seller. Il più recente prima della sua morte è stato Dame capitali: la guerra civile e le donne di Washington, 1848-1868. Ha anche scritto un libro per bambini chiamato Madri fondatrici: Ricordare le signore nel 2004. La motivazione di Roberts era il fatto che queste donne, che erano essenziali per la fondazione degli Stati Uniti, spesso scomparvero sullo sfondo o erano completamente omesse dai libri di storia.

“Ci sono questi favolosi murales sulle pareti sopra la Costituzione, la Dichiarazione e la Carta dei diritti”, ha detto Npr sugli Archivi Nazionali. “E sono tutti uomini bianchi in parrucche bianche con collant, e non credo che siano riconoscibili per un sacco di americani. Ma non erano le uniche persone che l’hanno fatto. Erano incredibilmente importanti , non sto togliendo nulla ai nostri Padri Fondatori, ma non l’hanno fatto da soli”.

Il cancro non ha mai cambiato la prospettiva di Cokie Roberts sulla vita

Il cancro non ha cambiato la prospettiva di Roberts sulla vita, e non l’ha avvicinata alla sua famiglia, ma solo perché non era possibile. Il giornalista Sempre vissuto per la sua famiglia prima e la sua carriera seconda – anche se ha detto al New York Times che era “frantica” e “stressata” allevando una famiglia mentre lavorava due lavori.

In un’intervista del 2002 con Il Washington Post, Roberts ha ammesso di aver “avuto una prospettiva sana sulla vita” prima della diagnosi di cancro e di “sempre più [her] carriera. “Non avevo bisogno di una prospettiva in più sulla vita”, ha ammesso, riferendosi alla morte del padre e della sorella, che sono anche morti giovani all’età di 51 anni. In un Facebook Q & A come riportato da Buongiorno America, Roberts ha citato che la sua famiglia è stato uno degli aspetti più gratificanti di tutta la sua vita – non i suoi Emmy o il fatto che la Biblioteca del Congresso l’ha nominata una “leggenda vivente”.

“Sono stato benedetto nella mia vita con stato [sic] un matrimonio lungo e felice che ha prodotto due figli meravigliosi che a loro volta hanno prodotto tre nipoti spettacolari e che è di gran lunga la parte migliore”, ha scritto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui