Jon Huertas non è estraneo agli spettatori di “This Is Us”, nel ruolo di Miguel Rivas che salta il tempo. Come ben sanno i fan del film strappalacrime della NBC, Miguel è stato inizialmente visto nei flashback come il migliore amico di Jack Pearson (Milo Ventimiglia), prima di essere rivelato come il secondo marito della vedova di Jack, Rebecca (Mandy Moore).

Sebbene “This Is Us” sia facilmente il progetto più popolare a cui Huertas è stato associato, non è affatto l’unico. In effetti, come dimostrano i crediti IMDb dell’attore, è un attore attivo dai primi anni ’90, essendo apparso in serie TV come “Beverly Hills, 90210”, “JAG”, “Moesha” e “Touched By An Angel”. Più di recente, è apparso nell’acclamato dramma della HBO sulla guerra in Iraq “Generation Kill” e nel dramma su Sherlock Holmes della CBS “Elementary”. Per gli spettatori di “Castle”, tuttavia, Huertas sarà ricordato per sempre per aver interpretato il detective della omicidi della polizia di New York Javier Esposito durante le otto stagioni della serie.

Non si può negare che questo attore di talento ha pagato i suoi debiti a Hollywood mentre la sua celebrità continua a crescere. Per saperne di più, continua a leggere per scoprire la verità indicibile su Jon Huertas.

Jon Huertas ha avuto a che fare con la legge quando era più giovane

Da adolescente cresciuto a New York, Jon Huertas era su un percorso che sembrava più probabile che conducesse in prigione rispetto a Hollywood. Come ha raccontato l’attore a Page Six, nei suoi anni più giovani ha iniziato a dilettarsi nel crimine, principalmente “cose ​​insignificanti”, come quella volta che ha fatto irruzione in un’auto – non per rubarla, ma per fuggire con gli spiccioli all’interno.

Guardando indietro, Huertas è venuto a vedere la strana motivazione dietro le sue attività di furto. “Avevo letteralmente questo desiderio di essere inseguito dagli agenti di polizia quando ero bambino, quindi facevo le cose più stupide solo per poter essere inseguito a piedi”, ha ricordato. “Sarei stato catturato e portato dentro e i miei nonni sarebbero stati chiamati e sarebbero dovuti venire a prendermi … stavo facendo cose stupide con persone stupide”. A un certo punto, ha spiegato Huertas, si è trovato a un “bivio” che lo ha costretto a confrontarsi con il suo comportamento, a “decidere cosa voglio dalla vita, perché sto recitando?”

Ciò lo portò, all’età di 18 anni, ad arruolarsi nell’aeronautica americana. “Molti uomini della mia famiglia sono entrati nell’esercito e ho deciso che come una sorta di rito di passaggio sarei entrato nell’aeronautica”, ha spiegato in un’intervista con l’Air Education and Training Command, immaginando che avrebbe anche permesso lui per ottenere un’istruzione post-secondaria che altrimenti non potrebbe permettersi.

Jon Huertas è un veterano dell’Air Force che ha prestato servizio nell’operazione Desert Storm

Entrare a far parte dell’Air Force non solo ha dato a Jon Huertas la disciplina che gli mancava, ma si è anche rivelata un’esperienza trasformativa. “Penso di aver bisogno che in base al tipo di persona che stavo diventando, mi raddrizzasse. Penso che mi abbia aiutato a diventare l’attore e la carriera che ho ora grazie all’iniziativa e alla disciplina nell’esercito”, ha detto Huertas a Page Six .

Parlando con l’Air Education and Training Command, Huertas ha notato che ha prestato servizio nell’Air Force per otto anni. Fu durante quel periodo che il suo desiderio a lungo sobbollire di perseguire la recitazione come carriera iniziò davvero a cristallizzarsi. “L’Air Force mi ha aiutato a raggiungere questo obiettivo permettendomi di ottenere un’istruzione, di studiare il più possibile teatro e, infine, di conseguire una laurea in teatro”, ha detto Huertas.

Come ha detto a US Veterans Magazine, durante il suo periodo di servizio ha partecipato all’operazione Just Cause a Panama e all’operazione Desert Storm in Iraq. Il servizio nell’aeronautica, ha ribadito, si è rivelato “un importante trampolino di lancio per la mia carriera di intrattenimento”.

Ha superato i senzatetto

Mentre è facile guardare indietro alla lunga carriera di Jon Huertas come attore attivo attraverso la lente del successo, la realtà è molto più complicata. In effetti, ci sono stati periodi in cui le cose sono diventate più che un po’ difficili per lui. “Io, a un certo punto, per circa due settimane, ero nel mio camion con due cani e tutte le mie cose nel retro del mio camioncino coperte da un telo”, ha rivelato Huertas in un’intervista con ET. “Non avevo un tetto e non sapevo quanto presto ne avrei avuto uno”.

Huertas è stato in grado di rimettersi in piedi, ha spiegato, “raggiungendo le persone” a cui importava abbastanza da aiutare. Di conseguenza, è diventato un appassionato sostenitore dell’aiuto agli altri che si trovano senza casa. “Noi, come vicini, possiamo contattarli per far loro sapere che pensiamo a loro, che possiamo aiutarli se lo vogliono”, ha detto.

Come ha sottolineato Huertas, il volto dei senzatetto a volte può essere ingannevole. “Non puoi guardare qualcuno e dire: ‘Quella persona è un senzatetto.’ Non sai chi è e chi non lo è”, ha spiegato. “Alcune persone si vestono in modo indifferente e i loro vestiti sono a brandelli; potrebbero vivere in un appartamento da qualche parte. Ci sono persone che si vestono molto bene, ma possono vivere nella loro macchina o addirittura schiantarsi sul divano di qualcuno”.

I suoi fan sono rimasti “delusi” quando un sex tape trapelato si è rivelato essere un’acrobazia

Nel 2011, Jon Huertas apparentemente si è unito ai ranghi di celebrità come Paris Hilton, Kim Kardashian e Pamela Anderson quando il suo sex tape è trapelato online. La grande differenza tra il nastro di Huertas e gli altri, tuttavia, era che in realtà non era un sex tape, ed era stato intenzionalmente fatto trapelare dallo stesso Huertas per suscitare pubblicità per un nuovo singolo che stava pubblicando mentre lanciava un carriera musicale.

In un’intervista con PopEater, come riportato da Digital Spy, Huertas ha ammesso che la sua strategia è fallita. “Pensavo che avrei fatto desiderare ai miei fan di vedere questo mio sex tape, ma ha avuto l’effetto opposto”, ha spiegato. “Tutti volevano sostenermi e hanno detto: ‘Non guarderemo il nastro!’ che non era quello che speravo.”

Secondo Huertas, ognuna delle canzoni che stava creando per un prossimo album – che aveva intenzione di chiamare “Sex Tape” – “ha le sue radici in qualche modo nel sesso, [so] Ho deciso che sarebbe stato più intelligente che il video fosse un po’ più sul sesso.” Mentre ammetteva che alcuni dei suoi fan “erano un po’ delusi” dal suo stratagemma, ha anche aggiunto che “hanno finito per perdonarmi rapidamente. Alla fine, Huertas ha pubblicato un video musicale bollente per la sua canzone “S_x è la parola”, con il rapper Roc$tedy.

Ha interpretato un cacciatore di streghe in Sabrina the Teenage Witch

I fan di “Sabrina the Teenage Witch” potrebbero ricordare che Jon Huertas ha avuto un ruolo ricorrente nella serie, durante la stagione 1999-2000. In quasi una dozzina di episodi, Huertas ha interpretato Brad Alcerro, che, come ha ricordato PopSugar, era il migliore amico d’infanzia di Harvey Kinkle (Nate Richert), che ha lasciato Westbridge quando era piccolo, prima di tornare da adolescente.

Ciò che rendeva Brad così caratteristico nella tradizione dello show era che portava il temuto gene del cacciatore di streghe, che non era esattamente una buona notizia per Sabrina (Melissa Joan Hart) quando i suoi sensi da cacciatore di streghe gli dicevano che Sabrina era una strega, qualcosa che ha provato ripetutamente per convincere Harvey a credere.

È interessante notare che Hidden Remote ha sottolineato che il co-protagonista di “This Is Us” di Huertas, Milo Ventimiglia, è apparso anche in “Sabrina”, in uno dei suoi primi crediti cinematografici. In effetti, la pagina IMDb di Ventimiglia indica che il suo ruolo nello spettacolo – come uno studente casuale in un episodio sulle elezioni scolastiche – era solo il suo terzo ruolo sullo schermo.

Come resistere ai ruoli stereotipati lo ha portato a This Is Us

Nel 2016, la ABC ha bruscamente cancellato “Castle”, lasciando Jon Huertas senza il lavoro che aveva tenuto per otto stagioni. Ha rapidamente organizzato alcune audizioni, due delle quali per ruoli come “persone tipo boss” nel mondo degli stupefacenti. “Non mi interessavano”, ha detto a HuffPost parlando di quei personaggi stereotipati. “Era inquietante per me che quelle fossero le due audizioni principali per le quali ero in attesa”, ha ammesso Huertas. Il destino è intervenuto, tuttavia, quando ha ricevuto una chiamata che gli chiedeva di raggiungere il lotto della Paramount il più rapidamente possibile per fare un’audizione per un nuovo spettacolo che era stato scelto.

Quello spettacolo era “This Is Us”, con l’audizione di Huertas per un personaggio di nome Mike. “Sono entrato lì ed ero l’unica persona di colore. Tutti gli altri erano ragazzi bianchi sui 40 anni con i capelli sale e pepe. All’inizio pensavo di essere nella stanza sbagliata”, ha ammesso.

Ha ottenuto la parte, con il nome del personaggio cambiato in Miguel. Il suo ruolo in “This is Us”, ha detto Huertas a Esquire, è un allontanamento da quelli che ha identificato come i quattro ruoli principali offerti agli attori latini a Hollywood: “lavoratori a basso salario come un poliziotto o un pompiere”, oltre a “personaggi eccessivamente sessualizzati , e giochiamo anche a boss del crimine o gangster di basso livello.” Miguel, tuttavia, rompe questi stereotipi essendo “un personaggio forte e di successo che è fedele al suo migliore amico, quindi per me è un personaggio forte e positivo”.

Il modo insolito in cui ha scoperto la natura del suo ruolo in This Is Us

Quando Jon Huertas ha fatto il provino per il suo ruolo in “This Is Us”, non aveva idea che il personaggio che avrebbe interpretato avesse un ruolo così importante nella storia della famiglia Pearson, pensando che “era un ruolo minore”. Come ha detto l’attore a The Hollywood Reporter, aveva l’impressione che avrebbe semplicemente “interpretato l’amico di Jack e io sarei tornato nello show, e sarei andato a prendere uno di quei fantasiosi programmi via cavo di cui tutti parlano .”

Non è stato fino al suo test di trucco, quando gli è stato preso uno stampo completo del suo viso per fare delle protesi che sarebbero state usate per farlo sembrare più vecchio, che ha capito che potrebbe essere un giocatore più grande nel spettacolo di quanto avesse inizialmente realizzato.

“Non avevo idea fino a quando non sono andato a fare il test del trucco, cosa mi era stato chiesto”, ha detto. “Per ritrarre qualcuno che tutti pensano abbia tradito il suo amico.”

Ha sperimentato il razzismo a Hollywood

Parlando con “CTV Your Morning”, a Huertas è stato chiesto del ruolo che gli attori giocano nel promuovere questioni che affrontano la diversità. “Non penso che sia davvero importante se sono un attore o ho un lavoro in un’azienda locale, se sei influenzato da qualcosa come il razzismo, o dove il valore della vita di qualcuno potrebbe non essere come quello di qualcun altro, penso tutti noi abbiamo la responsabilità di parlare e parlarne con chiunque voglia ascoltare, chiunque possiamo ascoltare”, ha detto.

Huertas ha ammesso di aver sperimentato il razzismo, sia da bambino che da adulto, “proprio qui a Los Angeles”. Huertas ha ritenuto importante “ricordare” a tutti “che questo esiste ancora nel nostro mondo e che dobbiamo fermarlo”.

Come ha detto Huertas a MEAWW, sentiva una profonda responsabilità, in quanto uomo latino, nel garantire che la sua interpretazione fosse fedele alla sua esperienza. Dato che “This Is Us” non aveva scrittori Latinx nel suo staff, ha spiegato, “è qualcosa che io come attore, devo assumermi la responsabilità di cercare di proteggere e, si spera, far luce sulla diversità del background del mio personaggio. .”

Ha affrontato “haters” che disprezzavano il suo personaggio di This Is Us

La trama del personaggio di Jon Huertas in “This Is Us” ha riservato molte sorprese agli spettatori, in particolare quando è stato rivelato che Miguel sposa Rebecca Pearson (Mandy Moore) dopo la morte di suo marito – e il migliore amico di Miguel – Jack (Milo Ventimiglia). ). A causa della strategia di narrazione a rivelazione lenta dello show, tuttavia, c’è stato un punto nella serie in cui gli spettatori non avevano ancora ricevuto tutti i fatti, portando i fan a fare supposizioni su Miguel. “Non sopporto Miguel”, uno spettatore twittato, mentre un altro dichiarato, “CIAO MIGUEL NON SEI NECESSARIO.”

All’epoca, Huertas ha detto a Good Housekeeping, che ha esortato gli odiatori del personaggio ad avere fiducia negli scrittori dello show per raccontare la storia completa. “Non lasciano che il pubblico racconti la storia”, ha spiegato. “I nostri autori credono di sapere come raccontare la storia e quando ‘il momento’ sarà giusto”. Tuttavia, Huertas ha ammesso in un’intervista a People, c’era un punto in cui stava iniziando a perdere la pazienza, spingendo persino gli scrittori a inventare “qualcosa di straordinario” per Miguel che avrebbe fatto smettere di odiarlo agli spettatori. “Ma hanno detto: ‘Devi fidarti di noi.’ Posso solo sedermi e fidarmi della scrittura, ed è una scrittura così bella che come puoi non farlo?”

In effetti, ha scherzato Huertas, c’era “questo piccolo mantra nella stanza degli scrittori, ed è fondamentalmente: convincere la gente ad amare Miguel”.

Ha avuto paura di interpretare un personaggio latino “sgradevole”

Data l’antipatia che gli spettatori avevano sviluppato per il personaggio di Jon Huertas, Miguel, in “This Is Us”, l’attore ha ammesso di avere alcune riserve sull’arco della storia del suo personaggio. “È sempre difficile interpretare un personaggio considerato antipatico”, ha spiegato Huertas in un’intervista con NBC News. “E mi preoccupo di essere antipatico in uno spettacolo come questo in cui sono l’unico latinoamericano”.

In effetti, ha aggiunto candidamente, quando è stato scelto per il ruolo, il nome del personaggio è stato cambiato da Michael a Miguel, cosa che ha scoperto dopo il fatto – e di cui non era esattamente entusiasta. “Quando hanno cambiato per la prima volta il nome del personaggio, sono rimasto un po’ sorpreso e non ho avuto una reazione completamente positiva”, ha ammesso Huertas. “I latini possono essere chiamati Mike; non devono essere chiamati nomi stereotipati come Juan o Miguel. Il mio migliore amico si chiama Daniel ed è messicano.”

Tuttavia, Huertas ha detto che sentiva la responsabilità di offrire un ritratto autentico e positivo di un personaggio latino, qualcosa che aveva trovato essere pochi e distanti tra loro nella sua esperienza televisiva. “Penso spesso a quale sarà l’eredità di questo personaggio e come potrebbe educare gli altri”, ha detto Huertas, promettendo che i fan che si sono sentiti negativi nei confronti di Miguel alla fine si sarebbero ripresentati una volta che tutti i fatti fossero emersi. “È stata una transizione graduale e lenta per convincere i fan ad abbracciare Miguel”, ha aggiunto, “ma avrà il suo momento”.

Amava le scene di azione e avventura in Castle

Mentre Miguel in “This Is Us” ha offerto a Jon Huertas un ruolo che vantava un livello di complessità e sfumature più elevato rispetto al detective della omicidi della polizia di New York Javier Esposito in “Castle”, c’era un aspetto del suo ruolo precedente che ha ammesso di aver perso.

“L’azione in ‘Castle’ è stata super divertente per me”, ha detto Huertas a CinemaBlend, lamentandosi del fatto che interpretare Miguel offrisse poche opportunità per sequenze d’azione e acrobazie. “Sono un tipo d’azione, arti marziali”, ha spiegato l’attore. “Ero un atleta. L’azione era sempre un grande desiderio per me di fare”.

Il rovescio della medaglia, tuttavia, è che il suo ruolo in “This Is Us” è stato molto meno impegnativo dal punto di vista fisico di quello che avrebbe dovuto fare in “Castle”. Come ha detto, “Non devo mai preoccuparmi di avere una controfigura, non devo preoccuparmi di cadere, colpire qualcuno o inseguire qualcuno”.

È andato dietro la macchina da presa per dirigere un episodio di This Is Us

Jon Huertas può vantare un vasto elenco di crediti sullo schermo, che abbracciano quattro decenni. Tuttavia, recitare non è la sua unica ambizione, come ha dimostrato Huertas quando si è messo dietro la telecamera per dirigere un episodio di “This Is Us” nella quinta stagione dello show.

Mentre Huertas si era già fatto le ossa dirigendo alcuni cortometraggi, l’episodio “This Is Us” del 2021 – intitolato “The Ride” – ha segnato la sua prima volta in assoluto come regista di un episodio completo di una serie TV. Parlando con la NBC 7 di San Diego, Huertas ha ammesso di “aver sentito un po’ di pressione” dal suo nuovo ruolo. “Sapete, abbiamo uno spettacolo che è ben considerato dal nostro pubblico”, ha detto. “Non volevo deludere il nostro pubblico”.

Prendere finalmente posto sulla sedia del regista era qualcosa che Huertas aveva desiderato a lungo e che aveva pazientemente atteso. “La prima stagione, prima ancora che iniziassi [shooting], ho avuto una conversazione con [executive producer] Ken Olin sulla regia perché avrei dovuto dirigere su ‘Castle’ prima che venissimo cancellati”, ha detto a TV Insider. “Quindi, ho aspettato il mio tempo da allora”. Ironia della sorte, il successo dello spettacolo ha portato a quell’attesa per essere ancora più lungo. “Una volta che le cose hanno colpito nella prima stagione, [everyone] e la loro madre voleva dirigere lo spettacolo”, ha spiegato Huertas, “quindi ho dovuto mettermi in linea con persone che avevano molta più esperienza”.

Si è ramificato nell’orrore

Il successo di “This Is Us” ha portato la carriera hollywoodiana di Jon Huertas a un livello superiore, offrendo nuove opportunità. Uno di questi è stata la possibilità di entrare a far parte del cast di “Initiation”, un film horror in stile slasher su una serie di omicidi con una connessione ai social media che si svolgono in un campus universitario. Huertas interpreta l’agente Rico Martinez, uno dei poliziotti incaricati di trovare l’assassino.

Intervistato da Ain’t It Cool News, Huertas ha detto di aver colto al volo l’opportunità di interpretare qualcuno che era così diverso dal suo personaggio di “This Is Us”, un poliziotto di princìpi che “non si fermerà davanti a nulla” per trovare l’assassino. “Essere in grado di interpretare un personaggio del genere, specialmente come attore di Latinx, è attraente”, ha detto. “Non sto interpretando il narco-kingpin o il cattivo o il giardiniere.”

Oltre a recitare, Huertas è stato anche uno dei produttori del film. Ha assunto quel ruolo per prestare la sua esperienza al progetto, che ha segnato il debutto alla regia del giovane regista John Berardo, sentendo “che la mia esperienza potrebbe aiutare”. Ammettendo di non vedersi come un “guru” del cinema, ha portato “un certo livello di esperienza con la narrazione e anche alcune delle cose logistiche e tecniche”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui