Chiunque segua “The Crown” di Netflix conosce Emma Corrin, l’attore che interpreta la defunta Diana, Principessa del Galles nella quarta stagione dello show. Anche se interpretare l’iconico Royal sarebbe sempre stato un compito pesante e monumentale, Corrin ha ricevuto molti elogi per la loro interpretazione, con Decider che ha dichiarato che Corrin “non si limita a inchiodare i modi memorabili di Diana e i tic vocali lirici. Apparentemente resuscita Diana dalla tomba. ” Corrin è stata anche nominata per numerosi premi l’anno successivo, tra cui un Primetime Emmy, Screen Actors Guild Award e ha persino vinto il Golden Globe come migliore attrice.

Naturalmente, l’attore, che era solo un bambino quando la defunta principessa è morta, ha detto che sono cresciuti davvero per entrare in contatto con il personaggio della vita reale che stavano interpretando. In un’intervista del 2021 con The Guardian, ad esempio, hanno detto che “hanno finito per apprezzare in modo schiacciante la complessità di Diana” come risultato del ruolo. A causa del balzo in avanti nel tempo, Diana sarà interpretata da un nuovo attore nella prossima stagione, ma la versione di Corrin sulla figura iconica rimane degna di nota. E alla luce dell’imminente uscita della quinta stagione a novembre, hanno recentemente escogitato alcune parole interessanti per descrivere la defunta principessa.

Emma Corrin descrive la principessa Diana come “così strana”

In un’intervista con The Sunday Times, Emma Corrin ha offerto una versione interessante – e piuttosto unica – della defunta principessa che hanno interpretato. Durante l’intervista, Corrin ha detto che, “per molti versi, Diana era così strana”, in gran parte perché Diana era “l’altra” all’interno della famiglia reale ed era sempre desiderosa di abbracciare “estranei”.

Corrin, che si identifica come non binaria e queer, ha naturalmente anche espresso il suo amore per la defunta principessa, anche ringraziandola nel discorso di accettazione del Golden Globe 2021. “Mi hai insegnato la compassione e l’empatia oltre ogni misura che avrei mai potuto immaginare”, ha detto Corrin in quel momento.

Naturalmente, come sapranno i seguaci della famiglia reale negli anni ’80 e ’90, la defunta principessa era famosa per la sua gentilezza e compassione, che potrebbe essere in parte il motivo per cui è diventata un’icona gay durante la sua vita, nonostante fosse piuttosto eterosessuale. La sua naturale e famosa capacità di “abbracciare gli estranei”, come ha spiegato Corrin, potrebbe essere stata meglio dimostrata quando ha letteralmente abbracciato un bambino con l’AIDS davanti alla telecamera, il che ha rapidamente accelerato una comprensione più compassionevole e migliore del disturbo, incluso il fatto che non era trasmissibile al tatto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui