Home Movies L’intervista a El Chapo che ha causato problemi a Sean Penn

L’intervista a El Chapo che ha causato problemi a Sean Penn

0

Sean Penn non è estraneo ai guai. L’attore di Hollywood si è guadagnato una reputazione nell’industria dell’intrattenimento per il suo carattere esplosivo. C’è stata quella volta che Penn avrebbe aggredito i fotografi, o una comparsa in uno dei suoi film, o un ragazzo solo per aver parlato con l’allora moglie Madonna. Ma non è stato il temperamento di Penn a portarlo quasi nei guai più grandi della sua carriera.

Invece, nel 2015, Penn ha provato a cimentarsi nel giornalismo e intervistare El Chapo mentre negoziava un film sulla sua vita. Per chi non lo sapesse, questo era lo stesso El Chapo che era un latitante ricercato e un boss messicano. Nelle stesse parole di Chapo, tramite Rolling Stone, ha detto: “Fornisco più eroina, metanfetamina, cocaina e marijuana di chiunque altro al mondo. Ho una flotta di sottomarini, aeroplani, camion e barche”. Secondo il New York Post, El Chapo, conosciuto con il nome di nascita di Joaquín Guzmán, ha ucciso più persone in modi violenti e brutali.

A quel tempo, El Chapo fu anche oggetto di una caccia all’uomo da parte del governo messicano e degli Stati Uniti quando Penn accettò di incontrare il signore della droga in Messico. Ma quello che Penn non si rendeva conto è che era molto vicino alla morte.

Una tempesta ha contribuito a salvare la vita di Sean Penn

Dopo essere scappato di prigione, secondo il New York Post, El Chapo ha avuto l’idea di creare un film sulla sua vita. Simile a Pablo Escobar prima di lui, le sue imprese sono state guastate sia dalla realtà che dalla finzione. Il boss si è avvicinato all’attore messicano Kate del Castillo per il film. Castillo era in contatto con Sean Penn e aiutò a organizzare un incontro tra i tre nel nascondiglio messicano segreto di Chapo.

Secondo Rolling Stone, Penn ha descritto la propria paranoia nell’incontrare il boss. “La mia speculazione diventa audio. Sento motoseghe. Mi sento schizzi. Sono la discutibile paranoia di Sean”, ha detto. Chapo e la sua famiglia hanno salutato Penn e hanno persino condiviso un drink insieme dopo che l’attore ha viaggiato tutto il giorno per incontrarlo. Chapo ha accettato anche un colloquio con Penn, ma voleva che Penn tornasse tra otto giorni per un incontro completo. Tuttavia, le cose si sono tese quando Chapo ei suoi uomini hanno indossato abiti da battaglia per un motivo sconosciuto a Penn. I due conclusero la loro chiacchierata e Penn andò a letto.

Quello che Penn non sapeva era che i marines americani avevano pianificato di fare irruzione nel complesso quel fine settimana. L’unica cosa per fermarli? Una tempesta in arrivo che ha bloccato l’operazione. Il giornalista Alan Feuer ha detto al Post: “Ha rimosso la possibilità che il nome di Sean Penn venisse sparso ovunque in prima pagina come vittima di un’operazione di cattura della guerra alla droga”.

L’intervista di Sean Penn ha suscitato polemiche in seguito

Dopo l’arresto di El Chapo, il governo messicano ha ringraziato Sean Penn, per CNBC, per aver contribuito a catturare il signore della droga. Ma l’attore ha negato di aver avuto un ruolo nella cattura di Chapo, che è stato catturato dai marines messicani nel 2016. In effetti, Penn ha provato un terribile rimpianto per l’articolo tra le polemiche dopo la sua pubblicazione. Una foto dell’attore che stringe la mano a El Chapo ha suscitato critiche.

“Lasciami essere chiaro. Il mio articolo ha fallito”, ha detto a Charlie Rose su “60 Minutes”, per la CNN. “Ho un terribile rimpianto”, ha detto Penn a Rose. “Mi dispiace che l’intera discussione su questo articolo ignori il suo scopo, che era quello di contribuire a questa conversazione sulla guerra alla droga”. Allo stesso modo, Kate del Castillo crede che Penn avrebbe potuto farli uccidere perché non le aveva detto che avrebbe chiesto un’intervista a El Chapo.

In un episodio “Red Table Talk” del 2020, del Castillo ha criticato Penn per averla presa alla sprovvista con la sua richiesta di intervista a Rolling Stone. Parlando di quel momento, ha ricordato: “Non posso fare una faccia perché [El Chapo] si sarebbe accorto che qualcosa non andava e questo tizio [Penn] morirà in un batter d’occhio”. Nonostante le critiche, Penn ha continuato i suoi sforzi giornalistici, più recentemente cercando di coprire la situazione in Ucraina. Ha detto a Fox News: “Ho appena sentito parlare di [Former National Security Adviser] Robert O’Brien e lui ha detto di togliersi dal cazzo”.

Nessun commento

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

Exit mobile version