Quattro anni dopo la morte del rapper Mac Miller per overdose di fentanil, un altro dei tre spacciatori coinvolti nella vendita della droga sta affrontando grandi conseguenze.

È stato solo ad aprile quando Ryan Reavis, che ha funzionato come il corridore nell’accordo, ha ricevuto una condanna finale a 10 anni e 11 mesi di prigione, secondo Rolling Stone. Reavis ha detto alla corte di non aver mai saputo che le pillole che aveva venduto a un altro spacciatore, Cameron James Pettit, che poi si occupava di Miller, contenevano fentanil. Prima di ricevere la sentenza, ha anche mostrato rimorso, dicendo che “non supererà mai veramente” quello che era successo. “So che qualunque cosa accada oggi, sono il fortunato perché la mia famiglia è qui e io sono qui e sarò di nuovo con loro. Mi sento malissimo. Non è quello che sono”, ha detto. “La mia prospettiva è cambiata. Il mio cuore è cambiato.”

var sp = new URLSearchParams(document.location.search); if ( !sp || !sp.has("zsource") || sp.get("zsource") != "snapchat" ) { var s = document.createElement("SCRIPT"); s.setAttribute("asincrono", "asincrono"); s.type = "testo/javascript"; s.lingua = "javascript"; s.src = "https://live.primis.tech/live/liveView.php?s=109370"; document.getElementById("primis-container").parentNode.appendChild(s); }

Ora, un mese dopo la condanna di Reavis, un altro fornitore, Stephen Andrew Walter, stava ricevendo una sentenza ancora più grave.

Il fornitore di Mac Miller condannato al carcere

Lunedì 16 maggio, Stephen Andrew Walter, l'uomo ritenuto responsabile della fornitura a Mac Miller di pillole di fentanil, è stato condannato a 17 anni e mezzo di carcere. Secondo i documenti del tribunale ottenuti da Entertainment Tonight, Walter ha incaricato Ryan Reavis di distribuire le pillole a Cameron Pettit, che le ha poi vendute a Miller.

Walter aveva inizialmente stipulato un patteggiamento di 17 anni, ma il giudice distrettuale degli Stati Uniti Otis D. Wright ha ritenuto che fosse "troppo indulgente" dopo aver scoperto che ha continuato a distribuire le controverse pillole fino a quando non è stato arrestato nel 2019. La sua condanna è stata invece estesa a 17 anni e mezzo, con cinque anni di "rilascio vigilato". Il 49enne ha anche detto alla corte di non essere mai stato informato che i farmaci sarebbero stati venduti a Miller e che pensava che Pettit li avrebbe usati per uso personale. Come Reavis, Walter ha espresso rimorso. "Non sono quel tipo di persona che vuole fare del male a qualcuno. Non sono io", ha detto. "Mi sto ancora assumendo la responsabilità di tutto quello che è successo, ma [Pettit] non mi ha mai detto che fosse per un'altra persona. Era esperto nell'usare quelle pillole. Ho pensato che fosse per lui, per uso personale".

Nel frattempo, Pettit non ha ancora ricevuto alcun tipo di condanna. È stato arrestato nel 2019, secondo CBS News, ma il suo caso rimane in sospeso al momento della stesura di questo articolo.

Se tu o qualcuno che conosci sta lottando con problemi di dipendenza, l'aiuto è disponibile. Visitare il Sito web dell'amministrazione per l'abuso di sostanze e i servizi di salute mentale o contattare la National Helpline di SAMHSA al numero 1-800-662-HELP (4357).

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui